Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 02-05-18, 08:41 AM   #17
sly8489
Guru del forum
 
L'avatar di sly8489
 
Registrato dal: Mar 2009
ubicazione: Trieste
Messaggi: 7,283
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Non mi piace (Dati):
Non mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 616 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Loris Visualizza il messaggio
Ciao, concordo con quanto scrivi...posso peraltro affermare per esperienza diretta sul mio Jody, lo scorso luglio a quasi 18 anni mi ha lasciato, un cacciatore insaziabile, con forte personalità, che da cucciolone manifestava titubanza, ipersensibilità tant'è che ero scettico sulla riuscita. Ad otto mesi l'ho portato sulla vera selvaggina...una fucilata, presa la lepre che aveva scovato e tutto nel suo fare è cambiato. Sembrava un altro cane, alla titubanza è subentrata determinazione, un cane con carattere fortissimo, dominante. A mio avviso i soggetti particolarmente sensibili da cuccioli, se ben gestiti, hanno un futuro eccellente.
I soggetti sensibili, non sono quelli ipersensibili, il soggetto sensibile ha solo bisogno di fare esperienza, ha bisogno di capire, logicamente con questi soggetti ci vuole il guanto di velluto per tutto quello che non riguarda la caccia. A caccia se il cane ha passione bisogna sudare per ottenere, altrimenti tutta la sua sensibilità si trasforma in insensibilità a qualsiasi richiamo, l'unica cosa che esiste per il cane è la selvaggina. Come ho già detto il soggetto ipersensibile è quello che tratta qualsiasi cosa allo stesso modo, ed è esasperato in tutto, una formica osservata dal cane gli può creare agitazione allo stesso modo di una busta di plastica vista in lontananza, sembra un cane che non riesce mai a fare esperienza, è sempre in attenzione e mai rilassato. La suscettibilità del cane spesso nasconde una patologia. Come la può nascondere il cane iperattivo, questi possono ingannare nella scelta, perché vengono scambiati per cuccioli attivi, piacciono perché sono sempre in movimento e danno l'impressione che hanno sempre qualcosa da fare. In qualsiasi caso se il cane ha passione per la caccia, tutte le fobie manifestate fuori dal contesto della caccia si dissolvono. Ho avuto una cagnolina meticcia che i suoi avi cacciavano i conigli da generazioni, da piccola l'ho portata a caccia di lepri, quando ha visto la prima lepre gli è andata vicina e quando la vista scalciare è scappata e la guardava da lontano. Questa cagnolina mi ha fatto incarnierare in 12 anni più di 70 lepri. Parlo di quelle incarnierate, quello che mi ha scovato non me lo ricordo. Scovare è una specialità che non tutti i segugi hanno, questa piccola meticcia aveva questo dono.
sly8489 non è in linea   Rispondi quotando