Il forum sulla caccia e sulla cinofilia
Franchi

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > Altri argomenti > Chiacchierando

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 27-01-15, 10:35 AM   #11
cicalone
Celsius °C
 
L'avatar di cicalone
 
Registrato dal: Dec 2008
ubicazione: Ostia Lido Roma
Messaggi: 19,806
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 82
Grazie (Ricevuti): 129
Mi piace (Dati): 1218
Mi piace (Ricevuti): 665
Non mi piace (Dati): 72
Non mi piace (Ricevuti): 42
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 623 Post(s)
predefinito

70 anni fa si aprirono le porte di Auschiwitz uno dei piu' famigerati campi di sterminio nazisti, e quello che si presento' molto probabilmente agli occhi dei liberatori fu' uno degli scenari peggiori ipotizzabili che si possano immaginare, d'altronde i numeri della barbarie nazista sono di oltre 6 milioni di morti, un popolo quello ebreo ma non solo trascinato in questi orrori e poi massacrato e violentato nelle maniere piu' crude e terribili ipotizzate, dalle docce con il gas ai fatti morire di fame e di freddo per poi essere bruciati nei forni crematori se non massacrati direttamente dai sadici assassini dei reparti speciali delle SS.....decine di questi campi erano sparsi in tutta Europa, Buchenwald, Mathausen, Baden Baden.....servirono a distruggere un popolo fatto di esseri umani di famiglie intere strappate ai loro affetti da mostri comandati da un altro mostro che si erano imposti di cancellarli dal mondo nel nome di ideologie assurde e con metodi allucinanti....quello che questo popolo deve aver sofferto non puo' essere nemmeno palesato nelle decine di film denuncia che sono stati fatti su questo argomento, e solo le parole degli ultimi sopravvissuti che ormai ci stanno lasciando puo' rendere giustizia a una realta' che ha visto il massacro di donne e bambini a migliaia appena arrivati nei campi di prigionia.....Anche molti Italiani hanno avuto questo trattamento in virtu' delle leggi razziali promulgate dai fascisti e poi fatte rispettare dagli alleati tedeschi, il rastrellamento del ghetto di Roma del 16 ottobre porto' decine di poveracci in quelle atrocita' e pochi di loro ritornarono a casa dopo anni di torture indicibili.
Io appartengo a quei fortunati che non hanno vissuto queste atrocita' sono nato 15 anni dopo che questi erano successi, e non ho mai vissuto le atrocita' della guerra, e spero che nemmeno le vivano piu' le generazioni future, a noi resta la possibilita' di tramandare a chi viene dopo di noi questi ricordi, fatti di foto e filmati per renderli edotti sul come questi fatti indicibili successero e sul come fare per non farli accadere piu'.....
Un abbraccio a chi ha vissuto tutto questo e a chi si e' prodigato nel tempo per salvare chi era nelle loro possibilita'......i giovani devono sapere oggi quello che successe in un passato neanche troppo lontano.....
__________________
Cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura, te lo rivelan gli occhi e le battute della gente e la curiosita' di una ragazza irriverente ....
cicalone non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 27-01-15, 01:09 PM   #12
arfo
Guru del forum
 
Registrato dal: Feb 2013
ubicazione: Provincia di Lodi
Messaggi: 1,264
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 63
Grazie (Ricevuti): 68
Mi piace (Dati): 935
Mi piace (Ricevuti): 435
Non mi piace (Dati): 2
Non mi piace (Ricevuti): 2
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 64 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da cicalone Visualizza il messaggio
70 anni fa si aprirono le porte di Auschiwitz uno dei piu' famigerati campi di sterminio nazisti, e quello che si presento' molto probabilmente agli occhi dei liberatori fu' uno degli scenari peggiori ipotizzabili che si possano immaginare, d'altronde i numeri della barbarie nazista sono di oltre 6 milioni di morti, un popolo quello ebreo ma non solo trascinato in questi orrori e poi massacrato e violentato nelle maniere piu' crude e terribili ipotizzate, dalle docce con il gas ai fatti morire di fame e di freddo per poi essere bruciati nei forni crematori se non massacrati direttamente dai sadici assassini dei reparti speciali delle SS.....decine di questi campi erano sparsi in tutta Europa, Buchenwald, Mathausen, Baden Baden.....servirono a distruggere un popolo fatto di esseri umani di famiglie intere strappate ai loro affetti da mostri comandati da un altro mostro che si erano imposti di cancellarli dal mondo nel nome di ideologie assurde e con metodi allucinanti....quello che questo popolo deve aver sofferto non puo' essere nemmeno palesato nelle decine di film denuncia che sono stati fatti su questo argomento, e solo le parole degli ultimi sopravvissuti che ormai ci stanno lasciando puo' rendere giustizia a una realta' che ha visto il massacro di donne e bambini a migliaia appena arrivati nei campi di prigionia.....Anche molti Italiani hanno avuto questo trattamento in virtu' delle leggi razziali promulgate dai fascisti e poi fatte rispettare dagli alleati tedeschi, il rastrellamento del ghetto di Roma del 16 ottobre porto' decine di poveracci in quelle atrocita' e pochi di loro ritornarono a casa dopo anni di torture indicibili.
Io appartengo a quei fortunati che non hanno vissuto queste atrocita' sono nato 15 anni dopo che questi erano successi, e non ho mai vissuto le atrocita' della guerra, e spero che nemmeno le vivano piu' le generazioni future, a noi resta la possibilita' di tramandare a chi viene dopo di noi questi ricordi, fatti di foto e filmati per renderli edotti sul come questi fatti indicibili successero e sul come fare per non farli accadere piu'.....
Un abbraccio a chi ha vissuto tutto questo e a chi si e' prodigato nel tempo per salvare chi era nelle loro possibilita'......i giovani devono sapere oggi quello che successe in un passato neanche troppo lontano.....
Oggi come allora, il pericolo più grande è l'indifferenza. Mi piace citare Elie Wiesel, sopravvisuto ad Auschwitz e premio Nobel per la Pace: "il male vince quando i buoni stanno in silenzio". Ma anche Martin Luther King, altro Nobel per la Pace: "ciò che mi spaventa, non è l'oppressione dei cattivi, è l'indifferenza dei buoni".

In Francia, nell'ultimo anno, si sono registrati quasi mille atti di antisemitismo, all'incirca il doppio di quelli denunciati l'anno prima. Non a caso è in costante aumento il numero di ebrei francesi che prendono l'amara decisione di trasferirsi in Israele, dove si sentono più protetti, più al sicuro. L'antisemitismo in Francia ha una lunga storia (non a caso certi argomenti, oltralpe, sono quasi tabù), ma non si può fare a meno di collegare il crescente odio antiebraico a certe fallimentari politiche d'integrazione e alla stretta attualità del fanatismo islamico.

Resta un fatto: vecchio e nuovo antisemitismo si combattono allo stesso modo, con l'impegno a ricordare e l'imperativo morale di non voltarsi mai dall'altra parte.



p.s.: una settimana prima del rastrellamento nel ghetto ebraico di Roma, e precisamente il 7 ottobre 1943, le autorità nazifasciste disarmarono con l'inganno gli ottomila carabinieri della capitale. Duemila, forse duemilacinquecento furono seduta stante caricati sui vagoni piombati e avviati ai campi di prigionia tedeschi. Gli altri riuscirono per lo più a scamparla, dandosi alla macchia o unendosi (non pochi) alla Resistenza. Il motivo dell'operazione? Semplice: tedeschi e repubblichini non si fidavano di loro. I carabinieri (fedeli al re, per giunta, e che avevano combattuto i tedeschi a Porta San Paolo il 10 settembre) avevano preso troppe volte le difese della popolazione civile, per la quale rappresentavano l'unico scudo di fronte alla brutalità dell'occupazione militare. Non solo. Il malcelato timore delle SS di Kappler era legato proprio alla pianificata deportazione degli ebrei romani: temevano che i carabinieri la ostacolassero, si mettessero in mezzo come già altre volte era capitato, e che ne scaturissero sommosse e disordini nell'intera città. Tolti di mezzo i carabinieri, il rastrellamento del ghetto avvenne senza intoppi, nell'indifferenza generale.

Ecco, i timori tedeschi della vigilia, quel sentore che i carabinieri e la città intera avrebbero potuto in qualche modo difendere gli ebrei romani, rasserena forse in parte la nostra coscienza. Ma non basta a nascondere le tante responsabilità italiane per ciò che accadde in quegli anni nel cuore d'Europa. Leggi Razziali, Risiera di San Sabba, indifferenza prima e durante la guerra: da sempre la Germania porta il peso della Shoah quasi esclusivamente sulle sue spalle; ma non dimentichiamo che allora lo divise con molte, se non tutte le altre nazioni europee.
arfo non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 27-01-15, 02:17 PM   #13
Gion
Guru del forum
 
L'avatar di Gion
 
Registrato dal: Jul 2009
ubicazione: Dolomiti Unesco
Messaggi: 1,377
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 69
Grazie (Ricevuti): 26
Mi piace (Dati): 151
Mi piace (Ricevuti): 80
Non mi piace (Dati): 10
Non mi piace (Ricevuti): 11
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 100 Post(s)
predefinito

Ricordare per non dimenticare!!
Grazie Cicalone...per avercelo ricordato, sei sempre presente...ed un grazie particolare da parte di mio padre, alpino, uno dei pochi fortunati!
Tanti anni sono trascorsi...ma rivedo ancora oggi il mio caro papa', quando
con le lacrime agli occhi ci raccontava quello che ha passato in quel triste
periodo!!
Ricordo sopratutto l'affetto che riservava ad una famiglia russa che l'ha
ospitato e curato, nonostante fosse nemico, e ricordo pure quando diceva
che in paese sono partiti in dodici amici e solo in due sono ritornati!
Lui si riteneva un miracolato...
Grazie papa'...anche se oggi avrei voluto sapere anche le cose piu' brutte
che non mi hai mai voluto raccontare!!
Gion non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 27-01-15, 02:38 PM   #14
oreip
Guru del forum
 
L'avatar di oreip
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Santa Flavia (PA)
Messaggi: 4,451
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 313
Grazie (Ricevuti): 209
Mi piace (Dati): 797
Mi piace (Ricevuti): 268
Non mi piace (Dati): 1
Non mi piace (Ricevuti): 2
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 93 Post(s)
predefinito

Ragazzi sembrerò sciocco, stupido, rincoglionito, ma io ancora oggi mi chiedo; qual'è la causa che ha scatenato tanto ODIO, da parte dei nazisti nei confronti del popolo Ebreo??????
piero
__________________
Homo Homini Lupus
"l'uomo è un lupo per l'uomo" (Plauto)
oreip non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 27-01-15, 06:57 PM   #15
Lipe
Guru del forum
 
L'avatar di Lipe
 
Registrato dal: Jan 2010
ubicazione: E. Romagna RIMINI
Messaggi: 3,036
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 18
Grazie (Ricevuti): 54
Mi piace (Dati): 70
Mi piace (Ricevuti): 133
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 65 Post(s)
predefinito

Ancora oggi sembra incredibile tutto questo.
Lipe non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 27-01-15, 07:32 PM   #16
cicalone
Celsius °C
 
L'avatar di cicalone
 
Registrato dal: Dec 2008
ubicazione: Ostia Lido Roma
Messaggi: 19,806
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 82
Grazie (Ricevuti): 129
Mi piace (Dati): 1218
Mi piace (Ricevuti): 665
Non mi piace (Dati): 72
Non mi piace (Ricevuti): 42
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 623 Post(s)
predefinito

Purtroppo non lo e' stato.......

l'importante e' non dimenticare MAI
__________________
Cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura, te lo rivelan gli occhi e le battute della gente e la curiosita' di una ragazza irriverente ....
cicalone non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-01-15, 07:23 PM   #17
nettuno56
Guru del forum
 
L'avatar di nettuno56
 
Registrato dal: Sep 2010
ubicazione: firenze
Messaggi: 1,028
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 8
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 11 Post(s)
predefinito

L'antisemitismo,purtroppo non è scomparso,orde d' imbecilli ancora inneggiano non più ai campi di sterminio, ma alla distruzione dello stato ebraico.E' rivoltante vedere manifestazioni di piazza in cui viene detto di tutto e di più, non voglio citare frasi o slogan, mi vergogno a ripeterli.Ho sempre considerato con profonda convizione, che le leggi raziali furono per il nostro paese un infamia commessa verso altri italiani, cittadini come gli altri.Se ripenso a cosa hanno fatto, o a cosa non hanno fatto per scongiurare tale crimine mi vergogno di essere italiano.Si pensa sempre ai campi di sterminio nazisti, ma anche noi italiani abbiamo contribuito, anche semplicemente non facendo nulla,ma purtroppo abbiamo fatto , e siamo responsabili pure noi. Che Dio ci perdoni
.
__________________
Chi fa la posta alla Beccaccia è uno ....... Nato non fui,per lavorare come un ciuco, ma per seguitar cani e selvaggina

Ultima modifica di nettuno56; 28-01-15 a 07:44 PM Motivo: Concetto incompleto
nettuno56 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 29-01-15, 10:22 AM   #18
borrelli mario
Guru del forum
 
L'avatar di borrelli mario
 
Registrato dal: Feb 2011
ubicazione: vesuviano
Messaggi: 1,685
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 1
Grazie (Ricevuti): 17
Mi piace (Dati): 80
Mi piace (Ricevuti): 167
Non mi piace (Dati): 6
Non mi piace (Ricevuti): 3
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 46 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Marco94 Visualizza il messaggio
Oggi ho visto dei links su facebbok che mi hanno mandati in bestia:

"Gli ebrei erano maghi dell'evasione... entravano dalla porta e uscivano dal camino"

" Rap olocausto...sciò a"

Come ***** si possono fare e condividere dei link del genere e non avere un minimo di rispetto per questa povera gente e ridere dei loro supplizi

Marco

---------- Messaggio inserito alle 07:27 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 07:04 PM ----------

Il 26 gennaio invece è l'anniversario della battaglia di Nikolajevka. Nikolajevca, 26 gennaio 1941, è stata l'ultima di undice battaglie di sfondamento compiute dagli Alpini durante la ritirata di Russia, è stata la più sanguinosa di tutte la undici battaglie. Gli Alpini sono riusciti a uscire dalla sacca sconfiggendo forze russe molto più numerose e meglio armate. Sono rimasti nella sacca per 16 giorni, mangiano quasi nulla e con temperature che sfioravano i -50°. GLi Alpini partiti dai capisaldi sul Don erano 62000, quelli tornati a baita 13000. Molti catturati dai russi morirono di fame e tifo nei gulag.

Mi sembrava giusto ricordare anche questi poveri soldati morti per le manie di conquista di mussolini.
E nonostante tutto questo, ci sono ancora pederasti che li infangano, per non parlare dei milioni di morti caduti per l'unità d'Italia che si rivoltano nella tomba perchè il loro sacrificio non è apprezzato da nullità che predicano la divisione.
__________________
O povero po diventà ricco, o ricco po diventà povero, o scem rimane semp scem.
borrelli mario non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 31-01-15, 09:23 AM   #19
48ful
Guru del forum
 
L'avatar di 48ful
 
Registrato dal: May 2011
ubicazione: provincia di roma
Messaggi: 1,071
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 2
Mi piace (Dati): 1
Mi piace (Ricevuti): 1
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 24 Post(s)
predefinito

HOLODOMOR: IL RICORDO DEL GENOCIDIO DEL POPOLO UCRAINO


Il 24 Novembre è la Giornata del Ricordo della Grande Fame: carestia artificiale provocata dall’Unione Sovietica nel 1932-1933 per svuotare l’Ucraina di avversari politici, sociali e nazionali. Il ricordo nel Mondo e le amnesie del Presidente Yanukovych e della storiografia occidentale


Manifesto in ricordo dello Holodomor
Uno dei più terribili genocidi della storia dell’Umanità su cui poco si scrive e poco si sa. Sabato, 24 Novembre, si è ricordato lo Holodomor: genocidio del popolo ucraino, perpetrato da regime sovietico di Stalin tra il 1932 e il 1933, che ha portato all’uccisione di sette milioni di ucraini per fame.

Contestualizzato nell’ambito della collettivizzazione forzata delle terre, lo Holodomor – “Morte per Fame” in Ucraino – è consistito nell’ordine impartito da Mosca di privare con la forza la popolazione del cibo e dell’acceso a scorte alimentari.

Lo Holodomor è definibile tout court un genocidio. Lo scopo della Morte per Fame è stato infatti quello di eliminare gli ucraini: popolo “colpevole” di essere etnicamente differente dai Russi, e politicamente ostile al regime sovietico imposto sulle Rive del Dnipro dal 1920.

Oltre all’ondata del 1932-1933, altri due Holodomor hanno avuto luogo in Ucraina. La prima Morte per Fame, tra il 1920 e il 1921, è stata organizzata da Mosca all’indomani della Rivoluzione Bolscevica, mentre la terza, tra il 1946 ed il 1947, ha avuto luogo a seguito della Seconda Guerra Mondiale, con gli ucraini fortemente indeboliti da cinque anni di occupazione nazista e sovietica.

In Ucraina, lo Holodomor è ricordato con un’apposita Giornata del Ricordo, condivisa dalle principali comunità dell’emigrazione ucraina nel Mondo, sopratutto in Canada e negli Stati Uniti d’America.

Purtroppo, quello che è stato riconosciuto a livello internazionale come un genocidio non è trattato adeguatamente nei libri di storia occidentali, ed anche in Ucraina c’è chi cerca di ridurre il significato dello Holodomor.

Il negazionismo in Europa Occidentale e l’amnesia del Presidente Yanukovych

Dopo pochi mesi dalla sua elezione, il Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, particolarmente attento a non irritare la Russia di Putin, ha dichiarato in sede internazionale che lo Holodomor non è stato un genocidio, bensì una grande tragedia che ha accomunato ucraini, russi ed altre popolazioni dell’ex-Unione Sovietica.

Le dichiarazioni di Yanukovych hanno cancellato l’importante lavoro del suo predecessore, Viktor Yushchenko, che assieme ai governi guidati da Yulia Tymoshenko molto si è speso tra il 2005 e il 2009, dopo la Rivoluzione Arancione, per tenere alta la memoria di una delle pagine più buie della storia d’Europa.

E’ per questa ragione, anche per colmare il gap di informazione che i media e il sistema di insegnamento occidentale commettono circa lo Holodomor, è opportuno spendere parole e tempo nel trattare la tematica del genocidio ucraino.

La verità è giusto raccontarla per rammentarsi delle vittime innocenti. Sol così l’Europa, con onestà intellettuale, può fare davvero i conti con la sua storia.

Matteo Cazzulani


Lo conoscevate questo ?
__________________
IN ITALIA ,NULLA E' STABILE FUORCHE' IL PROVVISORIO
48ful non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 31-01-15, 12:44 PM   #20
camomilla65
Guru del forum
 
L'avatar di camomilla65
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: ROMA (Tuscolano)
Messaggi: 6,838
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 70
Grazie (Ricevuti): 45
Mi piace (Dati): 145
Mi piace (Ricevuti): 166
Non mi piace (Dati): 1
Non mi piace (Ricevuti): 8
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 25 Post(s)
predefinito

A Fulviè...........ricordate che la storia la scrive sempre il vincitore e mai il perdente.........il problema è "ciò che è scritto dice tutta la verità?"
__________________
Ciò che tu chiami inferno, io lo chiamo paradiso!
camomilla65 non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Tag
della, gennaio, giornata della memoria, giorno, memoria

Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 12:24 AM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Amministratore : Massimiliano Di Lorenzo
Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.3.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.