Il forum sulla caccia e sulla cinofilia
Franchi

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I Forum sulla caccia > Il ritrovo del cacciatore

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 06-06-19, 10:15 PM   #111
costa
Utente abituale
 
L'avatar di costa
 
Registrato dal: Feb 2009
ubicazione: Viterbo/San Nicandro G./Monticelli d'Ongina/Crotta d'Adda
Messaggi: 627
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 11
Grazie (Ricevuti): 19
Mi piace (Dati): 132
Mi piace (Ricevuti): 159
Non mi piace (Dati): 3
Non mi piace (Ricevuti): 1
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 192 Post(s)
predefinito

7,99 €/litro
costa non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-06-19, 12:11 AM   #112
Tex Willer
Utente abituale
 
L'avatar di Tex Willer
 
Registrato dal: Nov 2012
ubicazione: PROVINCIA DI PAVIA
Messaggi: 686
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 3
Grazie (Ricevuti): 27
Mi piace (Dati): 20
Mi piace (Ricevuti): 122
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 168 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da costa Visualizza il messaggio
Lavorare bene vuol dire fidarsi di quello che ti dicono, non avere un atteggiamento opportunista (che quando il mercato è basso vengono a piangere, poi appena passa uno e gli offre un euro in più spariscono), organizzare la documentazione richiesta (per certificare la sostenibilità bisogna effettuare una serie di verifiche)...
Eh sì, vero.
Solo che le regole e verifiche alle varie iso 22 e o alla attuale di moda ISCC, per non pensare alla Global Gap e annessa GRASP, vengono troppe volte prese in considerazione solo per un effetto ed aspetto commerciale, e non realmente per il miglioramento ambientale,agronomico ed etico del progetto. Questo non solo dalle az. Agricole,ma anche dall'industria,ed è un peccato. È un problema anche questo di mentalità basti pensare che ormai se non sei certificato eco sostenibile (certificato come prodotto) non esporti nulla o quasi, in Europa soprattutto del Nord.
__________________
La mia vita è un bosco, il mio cane al mio fianco, un fucile in spalla
Tex Willer non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-06-19, 12:08 PM   #113
Seagate
Utente regolare
 
Registrato dal: Feb 2018
ubicazione: La Spezia
Messaggi: 76
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 1
Grazie (Ricevuti): 1
Mi piace (Dati): 17
Mi piace (Ricevuti): 21
Non mi piace (Dati): 1
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 23 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Tex Willer Visualizza il messaggio
Eh sì, vero.
Solo che le regole e verifiche alle varie iso 22 e o alla attuale di moda ISCC, per non pensare alla Global Gap e annessa GRASP, vengono troppe volte prese in considerazione solo per un effetto ed aspetto commerciale, e non realmente per il miglioramento ambientale,agronomico ed etico del progetto. Questo non solo dalle az. Agricole,ma anche dall'industria,ed è un peccato. È un problema anche questo di mentalità basti pensare che ormai se non sei certificato eco sostenibile (certificato come prodotto) non esporti nulla o quasi, in Europa soprattutto del Nord.
È lì che mi girano le palle perché troppe volte,non mi riferisco solo al settore alimentare,le regole vengono stabilite con intenti e/o effetti che col miglioramento di un prodotto hanno poco a che fare...servono a buttare fumo negli occhi al consumatore finale che,per forza di cose,non può essere tuttologo...giusto Costa...ma può sempre cercare di farsi un idea basandosi su ciò che vede e tocca con mano,non su quello che gli raccontano.
Sino ad una ventina di anni fa non c'erano tanti pezzi di carta a certificare la bontà di un prodotto ma stai pur certo che il consumatore sapeva cosa era meglio...ora il pezzo di carta c'è l'hanno quasi tutti e siccome costa neanche poco,diventa un problema scaricare sul consumatore e allora massimo risparmio su materie prime,componenti,mano d'opera con i risultati sotto gli occhi di tutti. Sono arrivati ad inventarsi l'obsolescenza programmata.
Certo ci sono ancora aziende che operano con criterio e Costa mi pare un esempio se riesce a fornire un prodotto con quelle caratteristiche a quel prezzo.... avrà il suo giusto guadagno ma non ci specula sicuramente.Sarei curioso di assaggiarlo...dove lo trovo...
Seagate non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-06-19, 12:23 PM   #114
Tex Willer
Utente abituale
 
L'avatar di Tex Willer
 
Registrato dal: Nov 2012
ubicazione: PROVINCIA DI PAVIA
Messaggi: 686
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 3
Grazie (Ricevuti): 27
Mi piace (Dati): 20
Mi piace (Ricevuti): 122
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 168 Post(s)
predefinito

purtroppo, a fare la spesa con criterio oggi, si spende non poco, sicuramente non tutti possono permettersi certi prodotti, ed è un peccato, e, aggiungo io, un ngiustizia.
Ma c'è anche tanta ignoranza, da gente che si indebita per l'ultimo I-PHONE, ma mangia il sottocosto del sottocosto, a chi invece non ha nemmeno lontanamente idea di cosa voglia dire una filiera agro-alimentare, e se gli parli di bio ti dice che è tutta una truffa, e se gli parli di convenzionale, come i questo caso, sono tutti veleni.
Io non sono un tuttologo ma il mio lavoro (e la mia passione, la caccia) mi aiuta molto a capire le cose.
Per quello che riguarda il prodotto che menzionavi illustrato da Costa, un azienda agro-alimentare, per fare il prezzo, fa (o così dovrebbe essere) un analisi dei costi, voce per voce.
Ricordiamoci anche che parlando di filiera, più la filiera è corta, meno si spende, e più si ha la certezza che fattori esterni (diretti e indiretti) incidano sulla qualità del prodotto, e sul prezzo, di conseguenza tutti o quasi, possiamo accedere a un bene primario con maggiore facilità.
Poi ognuno fa come crede, ma io quando raramente compro "fuori" dai comparti ed esercizi che conosco (molti prodotti ho la fortuna di acquistarli direttamente dal produttore) guardo per prima cosa l'etichetta, in troppi purtroppo guardano per prima cosa il prezzo, e/o si fanno gabbare dalle pubblicità

Ma siamo Ot mi sa .....
__________________
La mia vita è un bosco, il mio cane al mio fianco, un fucile in spalla
Tex Willer non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 07-06-19, 01:04 PM   #115
costa
Utente abituale
 
L'avatar di costa
 
Registrato dal: Feb 2009
ubicazione: Viterbo/San Nicandro G./Monticelli d'Ongina/Crotta d'Adda
Messaggi: 627
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 11
Grazie (Ricevuti): 19
Mi piace (Dati): 132
Mi piace (Ricevuti): 159
Non mi piace (Dati): 3
Non mi piace (Ricevuti): 1
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 192 Post(s)
predefinito

In questo caso devo fare, non volendo, il politico. AVETE RAGIONE. C'è un enorme problema di mentalità, ma da qualche parte bisogna iniziare. Se ognuno di noi si comportasse sul proprio lavoro come me e Tex, ci sarebbero molti meno problemi in giro. Le aziende vorrebbero un mondo in cui i consumatori sono formati e sanno scegliere i prodotti in base alla loro qualità totale (nutrizionale, ambientale, economica e sociale), il problema è che questa formazione costa e al momento il giornalismo rema contro (fa più rumore un albero che cade che cento che crescono). Ma, come si nota spero da quello che scrivo io non mi arrendo.
Per Seagate, non mi piace fare pubblicità ma se cerchi olio sostenibile su Google lo trovi facilmente. Dove trovarlo te lo dico in privato. Poi se vuoi fare un favore all'ambiente, chiedete i prodotti ai desk dei supermercati. Vedrete che poi li mettono a scaffale...

---------- Messaggio inserito alle 01:04 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:39 PM ----------

Facciamo un recap, se no non si capisce più niente.
Abbiamo detto che gli agrofarmaci creano problemi all'ambiente principalmente perché tolgono cibo e riparo alla fauna (e alla flora aggiungerei); che la colpa principale della mancanza di selvaggina è da attribuirsi alle tecniche agronomiche; che le cose possono cambiare ma tutti gli attori della filiera devono guadagnarci (o almeno non perderci) compresi i consumatori.
Cosa possiamo/dobbiamo fare noi cacciatori (ma anche pescatori, orticoltori hobbisti, ambientalisti seri)? Informarci ed informare. Siamo 600.000 cacciatori solo in Italia (potremmo anche unirci a livello europeo...), con 5€ all'anno potremmo finanziare progetti enormi!!! Non sfruttiamo per esempio mai i fondi che l'Europa mette a disposizione per l'ambiente (es.Life +), cosa che invece fanno gli animalisti (non mi permetto di chiamarli ambientalisti).
Per far ciò bisogna trovare gente preparata, con diverse competenze e che sia in grado di donare del tempo alla comunità... È dura ma è l'unica strada.
costa non è in linea   Rispondi quotando
Grazie Tex Willer, matteo1966 Ha ringraziato per questo post
Mi piace Tex Willer, Yed, fabietto91 Piace questo post
Rispondi

Tag
pesticidi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 09:55 AM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Amministratore : Massimiliano Di Lorenzo
Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.3.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.