Il forum sulla caccia e sulla cinofilia
Franchi

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I forum sulla cinofilia > L' addestramento

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 09-10-18, 10:30 PM   #1
michelefusetti
Utente abituale
 
L'avatar di michelefusetti
 
Registrato dal: Dec 2007
ubicazione: Brescia, Lombardia.
Messaggi: 221
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 1
Grazie (Ricevuti): 1
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 1
Non mi piace (Dati): 3
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 13 Post(s)
predefinito "L'educazione precoce del cane da ferma"

Sfogliando il sito di Sabine Middelhaufe, mi sono imbattuto in questo articolo http://www.sabinemiddelhaufeshundund...e_precoce1.htm
In sostanza l'autore, citando il dott. Siveke, è una forte sostenitrice del nuovo metodo di addestramento precoce alla tedesca, di cui mi hanno colpito due passaggi:
1. Non esistono cani che hanno paura dello sparo, se sin dal 15° giorno di vita si abituano a sentire a pochi metri di distanza il rumore di sparo, che penetra nella loro coscienza e diventa così un suono naturale;
2. I cuccioli dalla 5a settimana di vita vanno abituati ad abboccare e riportare prede a penna (gazze ghiandaie, cornacchie) e a pelo (volpi...) dall'odore sgradevole, in modo tale che si abituino subito e non abbiano in futuro a rifiutare di riportare certe prede "repellenti"
Cosa ne pensate?
Qualcuno di voi segue il metodo dell'articolo che ho postato?
michelefusetti non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 14-10-18, 10:00 PM   #2
wollf
Utente abituale
 
L'avatar di wollf
 
Registrato dal: Feb 2014
ubicazione: bari
Messaggi: 624
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 71
Grazie (Ricevuti): 31
Mi piace (Dati): 366
Mi piace (Ricevuti): 197
Non mi piace (Dati): 2
Non mi piace (Ricevuti): 6
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 116 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da michelefusetti Visualizza il messaggio
Sfogliando il sito di Sabine Middelhaufe, mi sono imbattuto in questo articolo http://www.sabinemiddelhaufeshundund...e_precoce1.htm
In sostanza l'autore, citando il dott. Siveke, è una forte sostenitrice del nuovo metodo di addestramento precoce alla tedesca, di cui mi hanno colpito due passaggi:
1. Non esistono cani che hanno paura dello sparo, se sin dal 15° giorno di vita si abituano a sentire a pochi metri di distanza il rumore di sparo, che penetra nella loro coscienza e diventa così un suono naturale;
2. I cuccioli dalla 5a settimana di vita vanno abituati ad abboccare e riportare prede a penna (gazze ghiandaie, cornacchie) e a pelo (volpi...) dall'odore sgradevole, in modo tale che si abituino subito e non abbiano in futuro a rifiutare di riportare certe prede "repellenti"
Cosa ne pensate?
Qualcuno di voi segue il metodo dell'articolo che ho postato?



Diciamo che mi ritrovo parecchio in questo metodo lo condivido poi ognuno ci mette del suo , preferisco far riportare i selvatici che caccio. Lo uso da anni con ottimi risultati, ritengo che sia logico cominciare prima possibile in modo da far abituare i cuccioli a qualsiasi cosa, sparo, selvatico , tartufo, convivenza con i gatti ecc, quindi spetta a noi in base alla loro età muoverci a gradi , quanti più dati riusciremo a far immagazinare al nostro amico a quattro zampe per un futuro brillante.I miei D.D. a sei mesi sono già addestrati a tutto quindi niente è lasciato al caso, mi resta solo portarli a caccia, con la speranza di veder sfoderare le loro doti, in zone comode, tenendo conto della loro età.
wollf non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace fabryboc Piace questo post
Vecchio 14-10-18, 10:23 PM   #3
cero
Utente abituale
 
L'avatar di cero
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Romagna
Messaggi: 647
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 26
Grazie (Ricevuti): 30
Mi piace (Dati): 88
Mi piace (Ricevuti): 116
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 3
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 281 Post(s)
predefinito

Concordo, soprattutto sul punto 1.
La "tara genetica" della paura dello sparo l'ho sempre ritenuta inspiegabile.
cero non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-10-18, 03:14 PM   #4
costa
Utente abituale
 
L'avatar di costa
 
Registrato dal: Feb 2009
ubicazione: Viterbo/San Nicandro G./Monticelli d'Ongina/Crotta d'Adda
Messaggi: 406
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 6
Grazie (Ricevuti): 11
Mi piace (Dati): 57
Mi piace (Ricevuti): 79
Non mi piace (Dati): 3
Non mi piace (Ricevuti): 1
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 74 Post(s)
predefinito

Il cane, così come noi, durante qualsiasi attività prova delle emozioni. Le emozioni hanno una base genetica (cane timoroso o al contrario intraprendente) ma le esperienze giocano un ruolo fondamentale. È quello che sentono nei primi 60 giorni se lo ricordano per sempre...
costa non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-10-18, 04:06 PM   #5
dobro
Utente abituale
 
L'avatar di dobro
 
Registrato dal: May 2009
ubicazione: provincia cremona
Messaggi: 879
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 9
Mi piace (Dati): 1
Mi piace (Ricevuti): 88
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 6
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 62 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da cero Visualizza il messaggio
Concordo, soprattutto sul punto 1.
La "tara genetica" della paura dello sparo l'ho sempre ritenuta inspiegabile.

non dirmi che non hai mai saputo di una cucciolata fatta con cani che fuggivano a qualunque botto, vedi, a volte l'egoismo supera la logica.
mi e' capitato di vedere molte volte cuccioli nati da qualche giorno (sopratutto i miei ), il cucciolo che sara' timoroso, lo e' gia' ad un giorno di vita, una volta andai a vedere una cucciolata da un conoscente che si era comportato come sopra, erano nati da pochi giorni, quando li vidi nella cassa, stavano succhiando, mi e' bastato battere piano la punta del piede contro la cassa per vederne due che mollate le mammelle cercavano riparo sotto la madre. ti lascio indovinare cosa ne usci' dopo alcuni mesi.
dobro non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace mauro Piace questo post
Vecchio 16-10-18, 02:17 PM   #6
mauro
Guru del forum
 
L'avatar di mauro
 
Registrato dal: Feb 2007
ubicazione: pandino, Cremona, Lombardia.
Messaggi: 1,054
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 81
Grazie (Ricevuti): 15
Mi piace (Dati): 151
Mi piace (Ricevuti): 90
Non mi piace (Dati): 5
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 79 Post(s)
predefinito

non condivido nessuno dei due punti.....il primo lo ha spiegato dobro mentre per il secondo credo che non si possa mandare un bimbo di sei anni alle scuole superiori....gradualità e pazienza sono i miei punti fermi per quanto riguarda l' educazione del cane, ripeto "miei"
mauro non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace furietto Piace questo post
Vecchio 16-10-18, 03:36 PM   #7
cero
Utente abituale
 
L'avatar di cero
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Romagna
Messaggi: 647
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 26
Grazie (Ricevuti): 30
Mi piace (Dati): 88
Mi piace (Ricevuti): 116
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 3
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 281 Post(s)
predefinito

Ho trovato questo articolo di Rossella di Palma:

"Sui cani da caccia al canile si sente sempre dire che sono lì “perché non sono buoni” o perché “hanno paura dello sparo”. È molto più probabile invece che siano lì... perché hanno incontrato un padrone inadeguato, che non ha saputo comprenderli a dovere. Forse sono, o perlomeno erano, cani come tutti gli altri. È persino possibile che la famigerata paura dello sparo sia frutto di più concause, nonché dello zampino del sopraccitato proprietario inadeguato.

La paura dei rumori forti è un problema sgradito nei cani da compagnia, poiché può essere complesso gestire un animale che ha la fobia dei rumori e diventa ancor più grave se il cane deve partecipare a manifestazioni sportive in cui c'è un elevato grado di rumore o, peggio, se è richiesta la prova di indifferenza allo sparo. Un cane da caccia, o da utilità e difesa, che ha paura dello sparo è il peggior incubo del proprietario, poiché si tratta di una fobia di non semplice risoluzione: non tutti i proprietari e gli addestratori hanno il tempo, la pazienza e le competenze indispensabili per recuperare il soggetto e, anche quando li possiedono, capita che il cane sia stato danneggiato in maniera irreparabile e non ci sia nulla da fare.

Il mito del gene della paura del fucile

In pochi, però, sanno che, con le dovute accortezze, il rischio di ritrovarsi per le mani un cane che ha paura dei rumori forti e improvvisi si riduce drasticamente. Tantissimi sono convinti che il timore di suddetti rumori sia di origine genetica: partendo da questo presupposto, gli allevatori accoppiano solo soggetti che non hanno manifestato questo problema. Nonostante questo buon punto di partenza, però, continuano a esserci cani che hanno paura del fucile, dei tuoni e dei botti di Capodanno. All'interno della stessa cucciolata, però, capita ci siano cani tranquilli in presenza dello sparo e altri che danno i numeri. Di fronte a due fratelli che reagiscono diversamente ai rumori si ricorre alla spiegazione che “non tutti i cuccioli sono uguali”, il che è verissimo ma perché non mettere in nota anche le condizioni di vita di questi cani durante il loro sviluppo cognitivo?

Patrick Pageat è un comportamentista francese famoso in tutto il mondo, in uno dei libri che ha scritto per il grande pubblico (altre sue pubblicazioni sono pensate per veterinari e comportamentisti) dedica un paragrafo a questo tema e lo intitola “Il mito del gene della paura del fucile”. L'autore parte dal presupposto che i cani esistono da molto più tempo rispetto ai fucili e che, pertanto, Madre Natura avrebbe dovuto programmare l'esistenza di un simile gene con larghissimo anticipo, parliamo di migliaia di anni! Pageat spiega che l'origine di una cattiva reazione allo sparo (o a un rumore forte ed improvviso) non va ricercata nella genetica, bensì nella cattiva preparazione del cane a questi stimoli. Il ragionamento non fa una piega, tuttavia la mia personale esperienza cinofilia - che non pretende di essere verità assoluta - ha fatto sì che riscontrassi questo problema in alcune razze più che in altre.

La realtà dei fatti

La radice del problema sembra essere nella mancata o nella insufficiente socializzazione del cucciolo con i rumori. Un cucciolo abituato nei giusti tempi e nei giusti modi ai rumori difficilmente avrà paura dei rumori forti e improvvisi: è difficile, infatti, riscontrare questo problema in cani allevati in casa, in mezzo a rumori e confusione. Ricordo la rhodesian ridgeback di un'amica portata ad accompagnare una pointer durante una sessione d'addestramento. La cagna era stata lasciata in macchina ma, con l'aumentare della temperatura, la si è fatta scendere non senza qualche perplessità sulla sua reazione agli spari. Certo, i suoi avi andavano a caccia di leoni, ma i suoi genitori e antenati più recenti erano cani da compagnia e da esposizione: nessuno si era premurato di verificare se avessero o meno paura dello sparo. La proprietaria, ciononostante, era tranquilla, ha detto che il cane non aveva mai mostrato strane reazioni a rumori e a spari uditi in lontananza, così l'abbiamo messa alla prova: Masara non ha dato alcun peso agli spari. Genetica o ambiente? La cagna era nata in casa, in mezzo ai rumori ed è cresciuta tra casa, città e stazioni ferroviarie, luoghi non propriamente silenziosi.

Non sapendo come avrebbe reagito, abbiamo cercato di presentarle lo sparo con qualche cautela, iniziando con spari lontani e cercando di associare al rumore (un potenziale stimolo spiacevole) a qualcosa di molto piacevole. Nell'addestramento del giovane cane da caccia, invece, vuoi per desiderio di saltare le tappe, vuoi per eccessiva ingenuità, non è infrequente che si commettano errori nell'introdurre l'elemento sparo. Ci si dimentica il criterio della gradualità o, ancora, non ci si premura di associare allo sparo un evento positivo, o quantomeno a un rinforzo positivo. Le stesse ingenuità sono commesse dai proprietari di cani da compagnia: cuccioli portati a casa a Natale (e quindi in prossimità dei botti di Capodanno) a un'età corrispondente al “periodo della paura”; cani sempre vissuti in ambienti tranquilli scaraventati di punto un bianco in ambienti rumorosi, ecc.

Fino a qui abbiamo messo in elenco solo fattori ambientali (mancata abitudine del cucciolo ai rumori - maldestra introduzione dello sparo nella vita del cucciolo), ma siamo sicuri che non ci sia nulla di genetico? Dobbiamo credere ciecamente a Pageat?

I geni: un piccolo apporto

Nì... Cioè il gene della paura dello sparo non esiste ma, come già spiegato, ho riscontrato ansie e paure imputabili a una carente socializzazione più in alcune razze che in altre, cioè anche tra cuccioli figli di genitori non timorosi, allevati in box e poco abituati ai rumori e tra giovani cani introdotti maldestramente ai rumori forti ci sono reazioni buone e reazioni cattive. Le razze più colpite sono quelle ritenute più “morbide” di temperamento. Si tratta di cani forse più sensibili agli stimoli (un dato che può avere radici fisiologiche) e quindi più impressionabili. La mia ipotesi viene avvalorata da un altro comportamentista, Ian Dunbar che parla della sensibilità ai suoni. Ribadendo l'importanza di introdurre i cuccioli ai rumori prima che gli occhi siano aperti e che l'udito sia completamente sviluppato, sottolinea che questo è particolarmente importante in alcune razze come quelle da pastore (conduttori del gregge) e da obedience. La mia mente corre subito al border collie, una splendida razza che non è estranea a problemi di ipersensibilità ai rumori e che, pare avere una parentela genetica, con il setter inglese (e forse anche con lo springer spaniel).

Prima di acquistare un cucciolo, Dunbar invita a verificare come si comporta in caso di rumori, anche forti e improvvisi. È normale che un cucciolo rimanga un po' spiazzato, ma non è normale che abbia crisi di panico. Un parametro da considerare, secondo lui, è il tempo di rimbalzo, ovvero l'arco di tempo che passa tra l'esecuzione del rumore e la reazione del cucciolo e l'accettazione di cibo da parte del cucciolo. Generalmente, il tempo di rimbalzo (in cuccioli allevati a parità di condizioni) è:

a) brevissimo in caso delle razze di tipo bull (forse include, anche, i molossoidi in questa categoria n.d.a);

b) breve nelle razze da guardia, difesa e utilità e nei terrier;

c) più lungo nelle razze da conduzione del gregge e nei toy.

Questa scarna classifica è qui per dirci che, probabilmente, ci sono razze più sensibili ai rumori e che per queste ultime una corretta socializzazione con i rumori è ancora più indispensabile. I cani da caccia, fatta eccezione dei terrier, non vengono nominati, ma mi sento di azzardare una presenza trasversale nelle categorie b e c. Metterei in c il setter, il breton, gli spaniel, il bracco e lo spinone, alcuni segugi da piccola selvaggina e in b il deutsch drahthaar, il deutsch kurzhaar e alcuni segugi da grossa selvaggina (non escludo che qualche loro soggetto sia addirittura da gruppo a). La mia è un'opinione che non pretende di essere verità assoluta ed è nata osservando diversi soggetti più o meno problematici. Per farla diventare statisticamente attendibile, dovrei testare un numero infinito di cuccioli e leggerne i tempi di ripresa.

A questo punto, è obsoleto credere ancora nel gene della paura dei rumori forti, ma è attuale credere in una maggiore sensibilità al rumore presente in alcune razze (e/o linee di sangue). Una maggiore sensibilità ai rumori va considerata come parte del bagaglio genetico della razza, un dato, così come il pelo lungo o il mantello macchiato, non un elemento negativo a prescindere: sensibilità al rumore non è sinonimo di paura del rumore, la prima sfocia nella seconda solo se la socializzazione è insufficiente. È normale che un cucciolo si mostri spiazzato di fronte a un rumore forte, ma reazioni di panico e tempi di ripresa lunghissimi non sono normali, sono semplicemente la conferma di una socializzazione carente.

Il ruolo della madre

Il già citato Pageat, pur negando ogni predisposizione genetica ad ansia e paura, parla di una trasmissione congenita che avverrebbe attraverso il passaggio dell'atteggiamento della madre ai cuccioli. Una madre con problemi comportamentali sarebbe in grado di trasmetterli ai cuccioli, interagendo con loro in maniera scorretta. In allevamento si rincorrono spesso stalloni famosi, dimenticandosi del ruolo fondamentale della madre. La femmina, infatti, non solo trasmette il suo patrimonio genetico ai cuccioli, ma è anche colei cui spettano il loro accudimento e la loro educazione. Ogni madre è il modello esemplare che i cuccioli imitano: scegliamole bene!"
cero non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 16-10-18, 03:54 PM   #8
dobro
Utente abituale
 
L'avatar di dobro
 
Registrato dal: May 2009
ubicazione: provincia cremona
Messaggi: 879
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 9
Mi piace (Dati): 1
Mi piace (Ricevuti): 88
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 6
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 62 Post(s)
predefinito

ribadisco quello che avevo scritto sopra, di quello scritto sui libri non parlo per educazione, ma posso dirti che non credo che gli allevatori coprono solo cani senza paure, e nemmeno cani senza displasia o vaccinismo, e quello che ti dico senza dover scriverlo sui libri, se avessi tanta esperienza, potresti saperlo anche tu. comunque approvo l'ultimo scritto, quello del ruolo della madre.
dobro non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 16-10-18, 07:34 PM   #9
cero
Utente abituale
 
L'avatar di cero
 
Registrato dal: Jan 2009
ubicazione: Romagna
Messaggi: 647
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 26
Grazie (Ricevuti): 30
Mi piace (Dati): 88
Mi piace (Ricevuti): 116
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 3
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 281 Post(s)
predefinito

Non sono sicuro di averti compreso al 100%. Se fra cani "geneticamente" paurosi dello sparo possono nascere sia soggetti paurosi che non, la stessa cosa vale per cucciolate tra soggetti privi di tara?
Di quale esperienza parli?
cero non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 17-10-18, 11:11 AM   #10
dobro
Utente abituale
 
L'avatar di dobro
 
Registrato dal: May 2009
ubicazione: provincia cremona
Messaggi: 879
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 9
Mi piace (Dati): 1
Mi piace (Ricevuti): 88
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 6
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 62 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da cero Visualizza il messaggio
Non sono sicuro di averti compreso al 100%. Se fra cani "geneticamente" paurosi dello sparo possono nascere sia soggetti paurosi che non, la stessa cosa vale per cucciolate tra soggetti privi di tara?
Di quale esperienza parli?

io parlavo della sola femmina con paura dello sparo, e non tutti e due. tra soggetti privi di tara,dipendera' anche dagli avi. parlo di esperienza di cucciolate fatte e viste negli anni. scusa, tu pensi che la maggior parte delle cagne coperte dai vari campioni lavoro in qualsiasi nota,siano USATE e magari brave a caccia ?
dobro non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 10:57 PM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Amministratore : Massimiliano Di Lorenzo
Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.3.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.