Il forum sulla caccia e sulla cinofilia
Franchi

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I Forum sulla caccia > Legislazione venatoria ed ambientale

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 12-04-18, 04:04 PM   #21
Alessandro il cacciatore
Banned
 
Registrato dal: Feb 2009
ubicazione: al centro della Toscana
Messaggi: 16,109
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 28
Grazie (Ricevuti): 166
Mi piace (Dati): 138
Mi piace (Ricevuti): 1251
Non mi piace (Dati): 17
Non mi piace (Ricevuti): 37
Menzionato: 10 Post(s)
Quotato: 1885 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Paoluccio Visualizza il messaggio
Ma cosa centra questa affermazione con il discorso di interpretazione normativa di cui alla discussione?

Niente.

A tacer d'altro, si ha che ai fini di idoneità riconosciute dalla legge di pubblica sicurezza, un medico non può fare un certificato con su scritto che " Tizio è matto" (come si ipotizza nell'esempio per assurdo di cui sopra), ma al massimo può dare attestazione di una patologia o di un disturbo ostativi che devono essere specificamente dimostrati, e non presunti in base a letteratura statistica sugli andamenti di popolazioni o ad articoli di giornale, per questo si chiama diagnosi, la diagnosi non si fa per classi o per popolazioni, si fa su individui, ed è la caratteristica della professione di medico.

E qui si ritorna al tema, in Italia un medico di medicina generale, a diritto vigente, può o non può, in quanto medico abilitato a fare il medico, rilasciare un certificato anamnestico ad un suo cliente benché non possieda rispetto a tale cliente la qualifica burocratica di "medico di scelta" ex art 25 L n.833 del 1978? Ci possono benissimo essere casi in cui un medico di medicina generale conosce a sufficienza un suo cliente benché sia decaduto, rispetto a tale cliente, dalla qualifica di "medico di scelta e di fiducia" ex art. 25 L n.833 del 1978.

Se qui qualcuno vuole buttarla sul trollaggio politicamente corretto non si va da nessuna parte.
Paoluccio, lasciamo perdere, mi sembra di parlare con una circolare ministeriale.
Alessandro il cacciatore non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace antonio franco Piace questo post
Vecchio 15-04-18, 11:30 PM   #22
Paoluccio
Ho rotto il silenzio
 
Registrato dal: Apr 2018
ubicazione: Umbria
Messaggi: 7
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 2 Post(s)
predefinito

L'art. 61 del regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, come modificato dal Decreto del Presidente della Repubblica n.311 del 2001 recita, per la parte che qui interessa:
"Art. 61. - La licenza del porto d'armi e' rilasciata, secondo la rispettiva competenza, dal prefetto o dal questore della provincia in cui il richiedente, appartenente ad uno dei Paesi dell'Unione europea, ha la sua residenza o il domicilio..."

A questo punto è chiaro che se colui che risiede all'estero (e non è neanche detto che sia cittadino italiano, perché basta che sia comunitario) vuole chiedere in Italia a una Questura del suo luogo di domicilio in Italia, un porto d'armi ad uso caccia, può, a tal fine, legittimamente chiedere un certificato anamnestico ad un medico di medicina generale convenzionato con il servizio sanitario nazionale italiano, anche se questo medico non è, per necessità di cose, il medico di famiglia designato alla ASL di residenza in Italia (perché manca la residenza in Italia dell'interessato). Se non fosse così l'art. 61 suddetto sarebbe una norma del tutto inutile nella parte in cui parla di semplice "domicilio " posseduto in Italia. Anche perché il termine di domicilio senza specificazioni, usato da quell'art. 61, fa per forza riferimento al domicilio di cui all'art. 43 comma 1 del codice civile (che è un domicilio eletto soggettivamente da un interessato) e non ad un "domicilio sanitario in deroga alla residenza" che è istituto del tutto diverso previsto dal vigente accordo nazionale quadro sui medici di medicina generale e pediatri di libera scelta.

Ultima modifica di Paoluccio; 16-04-18 a 12:31 AM
Paoluccio non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 18-04-18, 10:24 PM   #23
oberkofler
Guru del forum
 
Registrato dal: May 2009
ubicazione: Veneto
Messaggi: 2,499
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 5
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 23
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 1
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 10 Post(s)
predefinito

mia figlia in giugno 2013 ha preso il porto d'armi sportivo ed ha 3 fucili a lei intestati acquistati in epoca successiva, dal 2017 per motivi di lavoro e' residente all'estero (England)
ora nel giugno 2019 gli scadra' il porto armi uso sportivo, le verra' rinnovato? e come? il certificato medico come si fara? nel caso negativo puo' detenere i suoi 3 fucili nel domicilio paterno in Italia che ovviamente usufruisce a pieno titolo?
oberkofler non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 19-04-18, 01:59 PM   #24
Mattone
Utente abituale
 
L'avatar di Mattone
 
Registrato dal: Jul 2014
ubicazione: Ungheria
Messaggi: 652
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 2
Grazie (Ricevuti): 75
Mi piace (Dati): 2
Mi piace (Ricevuti): 120
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 3
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 248 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da oberkofler Visualizza il messaggio
mia figlia in giugno 2013 ha preso il porto d'armi sportivo ed ha 3 fucili a lei intestati acquistati in epoca successiva, dal 2017 per motivi di lavoro e' residente all'estero (England)
ora nel giugno 2019 gli scadra' il porto armi uso sportivo, le verra' rinnovato? e come? il certificato medico come si fara? nel caso negativo puo' detenere i suoi 3 fucili nel domicilio paterno in Italia che ovviamente usufruisce a pieno titolo?
Devi trovare un dottore disposto a farlo.
Io sono andato dal mio ultimo medico curante italiano e (a pagamento me lo ha rilasciato).
La volta successiva non me lo ha + fatto...(misteri..). Ne ho trovato un altro.
Poi per l'asl non ci sono problemi.
Il luodo di DETENZIONE può essere il domicilio della figlia (che nel tuo caso é quello del padre). Ma il TITOLO (ovvero il porto) deve essere della figlia.
Io non solo non ho avuto problemi da residente estero a rinnovare i TAV ma ho pure fatto licenza e porto caccia...
Mattone non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 21-05-18, 12:03 AM   #25
Paoluccio
Ho rotto il silenzio
 
Registrato dal: Apr 2018
ubicazione: Umbria
Messaggi: 7
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 2 Post(s)
predefinito

Aggiungo che diverse casistiche fanno ritenere che rispetto al rilascio dei certificati anamnestici non ci sia una competenza esclusiva dei "medici di libera scelta" segnalati alla ASL ed operanti nell'ambito del domicilio sanitario dell'assistito interessato.

Valgano i seguenti esempi.

In tema di rilascio di certificati anamnestici per il conseguimento della patente di guida il medico di medicina generale collegato al domicilio sanitario dell'assistito sarebbe competente "non in via esclusiva", come par di capire leggendo il parere del 5 novembre 2010 del Ministero della Salute a protocollo DGPREV 46247-P-05/11/2010 visibile a questo link http://www.omop.it/fileadmin/user_up...02-12-2010.pdf

In tema di rilascio dei certificati di malattia che devono valere nei rapporti di lavoro dipendente non è prevista la competenza esclusiva del medico di libera scelta collegato al domicilio sanitario dell'assistito, ma più in generale è riconosciuta la competenza del "medico curante" di cui all'art.2 del Decreto Legge 30 dicembre 1979, n. 663 convertito dalla Legge n.33 del 1980 , laddove "se pure, di massima, il sanitario preposto al compito in questione e' quello di libera scelta, l'espressione letterale "curante" utilizzata dal legislatore, porta a dover attribuire validità, ai fini erogativi di cui trattasi, anche alle certificazioni rilasciate, pure su modelli non "standard" (ad es. ricettario privato), da medici diversi, ai quali l'assicurato si sia rivolto" ; tanto si argomenta nella circolare INPS del 13 maggio 1996 n.99 visibile in questo link dell'Ordine dei Medici di Venezia http://www.ordinemedicivenezia.it/si...%20n.%2099.pdf

Ultima modifica di Paoluccio; 21-05-18 a 12:16 AM
Paoluccio non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Tag
aire estero, allestero, darmi, italiano, porto, residenti

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
in assenza di porto d'armi... mario59 Legislazione venatoria ed ambientale 64 20-06-12 11:32 AM
Porto d'armi mcapitini Legislazione venatoria ed ambientale 20 08-12-08 09:13 PM
Porto d'armi (obiettore & Porto d'armi) Mirco Dimitrio Legislazione venatoria ed ambientale 32 29-07-07 11:50 AM
porto d'armi mario82 Chiacchierando 19 15-05-07 07:37 PM
porto d'armi superbarros Legislazione venatoria ed ambientale 4 29-08-06 09:34 AM

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 03:31 PM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Amministratore : Massimiliano Di Lorenzo
Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.3.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2018 DragonByte Technologies Ltd.