Il forum sulla caccia e sulla cinofilia
Franchi

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I Forum sulla caccia > Legislazione venatoria ed ambientale

Avvisi

Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 13-12-18, 12:46 PM   #51
Mattone
Utente abituale
 
L'avatar di Mattone
 
Registrato dal: Jul 2014
ubicazione: Ungheria
Messaggi: 889
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 5
Grazie (Ricevuti): 106
Mi piace (Dati): 24
Mi piace (Ricevuti): 179
Non mi piace (Dati): 3
Non mi piace (Ricevuti): 17
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 333 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Bobetto Visualizza il messaggio
Ciao; rilancio l'argomento in quanto sono appena stato in comune per rinnovare la licenza di caccia.
Volevo fare anche il TAV: mi hanno chiesto 2 versamenti per il libretto...- secondo la Questura di MN ci voglioni 2 libretti licenza distinti...- e IL CERTIFICATO DEL MANEGGIO DELLE ARMI .
Sembra di essere nella repubblica delle banane...


Ho mollato il colpo. Ho mandato avanti solo il rinnovo della licenza di caccia e fine.
Mi chiedo (e vi chiedo): se si ottengono due licenze, di fatto poi si possono detenere il doppio delle armi comuni, della polvere, dei colpi ecc.?
Un saluto.

1) Io ho due libretti distinti.
Il maneggio armi NON serve, fesseria totale. Fa testo la tua licenza di caccia. Ti hanno risposto guardando l'elenco per il primo rilascio a chi non ha mai avuto una licenza.
IO quando ho fatto la licenza, avevo il tav e ho usato quello, non ho certo fatto un certificato di maneggio.


2) no, il numero di licenze non conta nulla, la denuncia la fai TU con nome e cognome e le armi sono quelle detenibili dalla tua persona, non dalla tua licenza.
Mattone ora è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 23-12-18, 09:32 AM   #52
Bobetto
Ho rotto il silenzio
 
L'avatar di Bobetto
 
Registrato dal: Oct 2018
ubicazione: Suzzara
Messaggi: 17
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 3
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 5 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da oberkofler Visualizza il messaggio
mi sai dire la data della circolare cosi' la trovo e nel caso la faccio vedere a chi di dovere grazie

Ciao:Circ. Ministero Interno Prot. 557/PAS/U/008463/10100.A(1)1 del 20/05/2016.
Bobetto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 23-12-18, 08:55 PM   #53
santuberto
Utente abituale
 
L'avatar di santuberto
 
Registrato dal: Jul 2010
ubicazione: verona
Messaggi: 623
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 0 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da cicalone Visualizza il messaggio
L'Italia e' un insieme di staterelli dove le leggi nazionali hanno molte variazioni e mai una certezza assoluta, quello che va' bene a tizio a caio confinante pochi chilometri potrebbe non andar bene....quindi ocioooo
Com'è vero! L'Italia è proprio il "paese dei cento villaggi".
__________________
Cordialmente, Santuberto
santuberto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-01-19, 01:07 PM   #54
Bobetto
Ho rotto il silenzio
 
L'avatar di Bobetto
 
Registrato dal: Oct 2018
ubicazione: Suzzara
Messaggi: 17
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 3
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 5 Post(s)
predefinito

Ciao; mi serve un parere: ho presentato domanda al Comune per il rinnovoPDA Caccia il 10/12/2018.
Oggi mi chiama la questura, e l'impoiegata mi dice che il certificato medico è scaduto: rilasciato il 16/12/2018, scadeva ilo 16/12/2018 (3 mesi, non lo sapevo..ma non ho nemmeno avuto tempo prima di presentare domanda).


In Questura la domanda - fra passaggi vari tra Comune e Carabinieri - è arrivata in Questura il 21/12/2018...quindi il certificato è scaduto e mi chiedono di rifarlo.

Chiedo: non fa fede la data della domanda presentata al Comune il 10/12/2018? L'impiegata è solo una passa carte?
Se così non è, che senso ha andare rivolgersi al Comune se la data di presentazione sarà 10/12 + X giorni?
Tanto vale rivolgersi al primo che passa davanti a casa...


Grazie
Bobetto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-01-19, 09:30 PM   #55
oberkofler
Guru del forum
 
Registrato dal: May 2009
ubicazione: Veneto
Messaggi: 2,522
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 10
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 31
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 1
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 23 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Bobetto Visualizza il messaggio
Ciao; mi serve un parere: ho presentato domanda al Comune per il rinnovoPDA Caccia il 10/12/2018.
Oggi mi chiama la questura, e l'impoiegata mi dice che il certificato medico è scaduto: rilasciato il 16/12/2018, scadeva ilo 16/12/2018 (3 mesi, non lo sapevo..ma non ho nemmeno avuto tempo prima di presentare domanda).


In Questura la domanda - fra passaggi vari tra Comune e Carabinieri - è arrivata in Questura il 21/12/2018...quindi il certificato è scaduto e mi chiedono di rifarlo.

Chiedo: non fa fede la data della domanda presentata al Comune il 10/12/2018? L'impiegata è solo una passa carte?
Se così non è, che senso ha andare rivolgersi al Comune se la data di presentazione sarà 10/12 + X giorni?
Tanto vale rivolgersi al primo che passa davanti a casa...


Grazie
Validità del certificato medico di idoneità per richiesta rinnovo PdA uso caccia
FAQCacciaValidità del certificato medico di idoneità per richiesta rinnovo PdA uso caccia
18 GENNAIO 2014
Il certificato medico rilasciato dal medico militare che è necessario allegare alla richiesta di rinnovo di licenza di porto d’armi per uso caccia ha un termine di validità? Può scadere prima che la Questura abbia deciso sull’istanza di rinnovo?

Risposta a cura dell'Avv. Adele Morelli

L’art. 1 della L. n. 89/1987 (recante “Norme per l'accertamento medico dell'idoneità al porto delle armi e per l'utilizzazione di mezzi di segnalazione luminosi per il soccorso alpino”) prescrive che “Alla documentazione richiesta per ottenere la licenza di porto d'armi deve essere allegato apposito certificato medico di idoneità”, il successivo articolo 2 specifica che i criteri tecnici generali per l'accertamento dei requisiti psicofisici minimi per ottenere il detto certificato medico sono stabiliti dal Ministro della Sanità con apposito decreto. Attualmente il decreto ministeriale di riferimento è il D.M. 28 aprile 1998 (già D.M. 14 settembre 1994), il quale stabilisce che “L'accertamento dei requisiti psicofisici è effettuato dagli uffici
medico-legali o dai distretti sanitari delle unità sanitarie locali o dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato. Il richiedente, sottoponendosi agli accertamenti, è tenuto a presentare un certificato anamnestico […] rilasciato dal medico di fiducia […], di data non anteriore a tre mesi”. Con riferimento specifico alla licenza di porto di fucile per uso caccia, i commi 8 e 9 dell’art. 22 della L. n. 157/1992 (c.d. legge caccia) prescrivono che “8. Per sostenere gli esami il candidato deve essere munito del certificato medico di idoneità. 9 .La licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei anni e può essere rinnovata su domanda del titolare corredata di un nuovo certificato medico di idoneità di data non anteriore a tre mesi dalla domanda stessa.”.

Dalla lettura della normativa di riferimento si ricava, pertanto, che un primo termine di presentazione viene sancito per il certificato anamnestico rilasciato dal medico di base, certificato che è necessario produrre al medico militare o al medico degli uffici medico-legali delle unità sanitarie locali o della Polizia di Stato per la visita specifica, il quale medico valuterà se si è prodotto un certificato in corso di validità (entro tre mesi dal suo rilascio). Al termine dello specifico accertamento, il medico militare o il medico degli uffici medico-legali delle unità sanitarie locali o della Polizia di Stato rilascerà apposito certificato di idoneità (o non idoneità) all’interessato, il quale a sua volta lo produrrà all’Autorità di Pubblica Sicurezza territorialmente competente al rilascio o al rinnovo del titolo, in allegato alla ulteriore documentazione (fotografie, ricevute versamento, etc.). Un secondo termine di presentazione viene quindi previsto con riferimento al predetto certificato medico di idoneità, il quale, come prescrive espressamente la normativa, deve essere al momento della domanda di rinnovo “di data non anteriore a tre mesi dalla domanda stessa”. Il testo della norma è chiaro e non suscettivo di dubbi interpretativi o interpretazioni equivoche: corre in capo all’interessato l’obbligo di produrlo all’Autorità di Pubblica Sicurezza competente nel termine di tre mesi dal suo rilascio; compiuto tale tempestivo adempimento, il medesimo certificato medico acquisisce l’ “idoneità” a comprovare l’idoneità psicofisica dell’interessato per sei anni a partire dal rinnovo del porto d’armi (art. 22, co. 9, L. n. 157/1992 per il porto d’armi uso caccia, art. 61 Reg. TULPS per porto di arma lunga per difesa personale, art. unico della L. 323/1969 per il porto d’armi per tiro a volo) pertanto la durata dello stesso certificato coincide e coinciderà con la durata del titolo in caso di concessione del rinnovo.

In ragione di ciò, appare incongruente ritenere che tale certificato, prodotto alla propria Questura in tempo utile (entro tre mesi dal suo rilascio), possa poi perdere la propria efficacia e validità dopo tale adempimento e quindi quando l’istanza è al vaglio dell’Autorità di Pubblica Sicurezza, se questa non ha provveduto sull’istanza di rinnovo nel termine di tre mesi da quando è stato rilasciato il certificato. La soluzione interpretativa prospettata (la durata della validità del certificato coincide con la durata della titolarità del porto d’armi e l’unico onere in capo al richiedente è quello di presentare il certificato entro tre mesi dal suo rilascio) infatti, oltre ad essere condivisa dai più, è altresì confacente con la lettura in combinato disposto del su menzionato art. 22, co. 9, L. n. 157/1992 con gli art. 1, co. 2 e art. 2, co. 2, 3 e 6, L. n. 241/1990 sul procedimento amministrativo (unitamente alla Circolare 4 luglio 2010). Va infatti evidenziato che, da un lato, come già detto, l’art. 22, co. 9, legge caccia, prescrive che il richiedente il rinnovo produca al proprio ufficio di Pubblica Sicurezza il certificato medico di idoneità entro tre mesi dal suo rilascio, dall’altro, l’art. 2, co. 6, L. n. 241/1990 stabilisce che “I termini per la conclusione del procedimento decorrono […] dal ricevimento della domanda, se il procedimento è ad iniziativa di parte” ed il precedente art. 1, co. 2, stessa legge, prevede che “La pubblica amministrazione non può aggravare il procedimento se non per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell’istruttoria”. Orbene, se al momento della domanda il richiedente produce la relativa documentazione nei termini di legge prescritti, e non v’è alcuna previsione specifica che sancisca la perdita di validità ed efficacia medio tempore di talune certificazioni prodotte (la norma, infatti, all’art. 22, co. 9, della legge caccia impone solo che il richiedente produca il certificato medico di idoneità entro tre mesi dal suo rilascio), mentre il DPR n. 214/2012 prescrive che l’Autorità di Pubblica Sicurezza deve provvedere sulle istanze di rilascio o rinnovo di porto d’armi entro il termine massimo di novanta giorni, allora non può che dedursi che, posto che il richiedente abbia prodotto tempestivamente alla propria Questura il certificato medico di idoneità, ossia entro il termine di tre mesi dal suo rilascio, tale certificato acquisisce automaticamente una validità la cui durata è almeno pari al termine massimo entro cui la Questura ha l’obbligo di provvedere sull’istanza di rinnovo, ossia novanta giorni, salvo quanto si dirà in seguito. Peraltro, la richiesta di un nuovo certificato medico di idoneità da parte della Questura si scontrerebbe pure con il disposto di cui all’art. 1, co. 2, L. n. 241/1990, che prescrive che la P.A. può aggravare il procedimento solo per straordinarie e motivate esigenze imposte dallo svolgimento dell’istruttoria.

Va in ogni caso tenuto presente che, considerato che con riguardo al certificato medico di idoneità si versa in materia di certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione, allo stesso va sicuramente applicato l’art. 41 D.P.R. n. 445/2000 (rubricato appunto “Validità dei certificati”), il quale sancisce che i certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni diversi da quelli attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni (quindi, a contrario, i certificati attestanti fatti soggetti a modificazioni) hanno validità di sei mesi dalla data di rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore. Quindi, complessivamente, il certificato medico di idoneità ha validità di sei mesi dal suo rilascio, ma deve essere prodotto all’autorità di Pubblica Sicurezza, per la domanda di rinnovo, entro tre mesi dalla data di rilascio.

Pertanto, l’Autorità di Pubblica Sicurezza competente al rilascio o al rinnovo del porto d’armi potrà chiedere la produzione di un nuovo certificato medico di idoneità solo nel caso in cui non sarà stata in grado di provvedere sull’istanza (di rilascio o di rinnovo) alla scadenza dei sei mesi da quando è stato rilasciato all’istante il certificato medico di idoneità; ogni altra richiesta in un termine inferiore al predetto dovrà ritenersi illegittima ed arbitraria, considerato, peraltro, che il predetto certificato ha un suo costo specifico e necessita altresì per la sua validità dell’apposizione di valori in bollo. Si suggerisce, quindi, di produrre al proprio ufficio di Pubblica Sicurezza il certificato medico di idoneità immediatamente dopo il rilascio, così da evitare di incorrere nel rischio di dover affrontare una doppia spesa, considerato il fisiologico termine di due mesi, al minimo, necessario ai pubblici uffici per il rilascio del titolo, termine che può verosimilmente allungarsi in caso fosse necessario produrre altra documentazione (aggiornamento dati CED, eventuali sentenze di assoluzione, certificazione relativa all’uso in passato di stupefacenti, etc.).

Infine, si tenga presente che la medesima certificazione medica di idoneità viene richiesta, come già accennato, in occasione del primo rilascio del porto d’armi uso caccia, e poiché la norma (art. 1 L. n. 89/1987 e art. 22, co. 8, L. n. 157/1992) non prevede il termine specifico entro cui la certificazione predetta va prodotta, si deve dedurre che la stessa abbia una validità in ogni caso non inferiore a sei mesi, come previsto dal su citato art. 41 D.P.R. n. 445/2000.

Avv. Adele Morelli
oberkofler non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 11-01-19, 07:37 AM   #56
Bobetto
Ho rotto il silenzio
 
L'avatar di Bobetto
 
Registrato dal: Oct 2018
ubicazione: Suzzara
Messaggi: 17
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 3
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 5 Post(s)
predefinito

Ciao; grazie per la risposta limpida e chiara.
Quello che io però "contesto" è il fatto che la Pubblica Amministrazione / Pubblica sicurezza (Carabinieri) a cui mi sono rivolto per presentare la domnanda di rinnovo, mi ha mandato dalla Pubblica Amministrazione (Comune) perchè qui a Suzzara va così (adesso mmi informerò in base a "che cosa" si usa così).
Io ho presentato la mia domanda di rinnovo con certificato valido, e la Pubblica Amministrazione (Comune) accettando la mia domanda ha verificato che fosse tutto a posto in termini di validità (foto, versamenti, certificato, marche da bollo...).
Poi la Pubblica Amministrazione (Comune) ha girato la domanda alla Pubblica Sicurezza / Pubblica Amministrazione (Carabinieri) che a loro volta l'avranno per lo meno guardata, e poi girata alla Pubblica Sicurezza / Pubblica Amministrazione (Questura di Mantova): che l'ha ricevuta dopo la scadenza del certificato...e me lo contesta.

Tanto valeva presentare la domanda in Farmacia...o no?
L'impiegata comunale è incaricata di pubblico servizio (se non pubblico ufficiale in alcuni casi): se presento documentazione a lei, il suo "ok" avrà più valore di quello del farmacista...credo...? (sempre riguardo il corso di validità della documentazione presentata: ovviamente l'aspetto precedenti penali ecc. spetteranno poi alla Questura).

Mah.
Bobetto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 22-01-19, 11:17 AM   #57
Nerino1
Utente abituale
 
L'avatar di Nerino1
 
Registrato dal: Feb 2014
ubicazione: Cagliari
Messaggi: 303
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 3
Grazie (Ricevuti): 7
Mi piace (Dati): 4
Mi piace (Ricevuti): 40
Non mi piace (Dati): 4
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 46 Post(s)
predefinito

Confermato che l'Italia è un'inseme di villaggi ove ognuno interpreta una legge che si presta,"purtroppo", ad essere interpretata, altrimenti non sarebbe così, come precisato da oberkofler: "La licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei anni e può essere rinnovata su domanda del titolare corredata di un nuovo certificato medico di idoneità di data non anteriore a tre mesi dalla domanda stessa" .
Quando tu hai presentato la domanda di rinnovo il certificato era valido e così dovrebbe essere anche in caso l'Amministrazione impiega tanto tempo per adempiere alle trasmissioni da un ufficio all'altro o ad effettuare tutti gli accertamenti previsti prima del rilascio. Dovrebbe far fede la data del pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio apposta alla presentazione.

P.S. Chiaramente ora la validità è ridotta a cinque anni.
Nerino1 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 25-01-19, 11:52 AM   #58
Bobetto
Ho rotto il silenzio
 
L'avatar di Bobetto
 
Registrato dal: Oct 2018
ubicazione: Suzzara
Messaggi: 17
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 0
Mi piace (Dati): 3
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 5 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Nerino1 Visualizza il messaggio
Confermato che l'Italia è un'inseme di villaggi ove ognuno interpreta una legge che si presta,"purtroppo", ad essere interpretata, altrimenti non sarebbe così, come precisato da oberkofler: "La licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei anni e può essere rinnovata su domanda del titolare corredata di un nuovo certificato medico di idoneità di data non anteriore a tre mesi dalla domanda stessa" .
Quando tu hai presentato la domanda di rinnovo il certificato era valido e così dovrebbe essere anche in caso l'Amministrazione impiega tanto tempo per adempiere alle trasmissioni da un ufficio all'altro o ad effettuare tutti gli accertamenti previsti prima del rilascio. Dovrebbe far fede la data del pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio apposta alla presentazione.

P.S. Chiaramente ora la validità è ridotta a cinque anni.

Ciao; alla fine, per fortuna, il Dirigente dell'Ufficio Armi ha accettato il certificato; e oggi ho ritirato il PdA!
Fra 5 anni mi muoverò un po' prima per il rinnovo.Grazie a tutti per la pazienza e le risposte.


Claudio
Bobetto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 22-03-19, 01:27 PM   #59
zavaste
Utente regolare
 
Registrato dal: May 2011
ubicazione: treviso
Messaggi: 69
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 3
Grazie (Ricevuti): 1
Mi piace (Dati): 3
Mi piace (Ricevuti): 0
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 6 Post(s)
predefinito

Mi ricollego a questa discussione per fare una domanda: con licenza di caccia (tutto pagato e in regola) posso acquistare un black rifle per divertirmi al poligono?

Grazie
zavaste non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 22-03-19, 06:30 PM   #60
Johnx
Utente abituale
 
L'avatar di Johnx
 
Registrato dal: Apr 2015
ubicazione: Caserta
Messaggi: 361
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 24
Grazie (Ricevuti): 27
Mi piace (Dati): 174
Mi piace (Ricevuti): 114
Non mi piace (Dati): 0
Non mi piace (Ricevuti): 0
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 131 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zavaste Visualizza il messaggio
Mi ricollego a questa discussione per fare una domanda: con licenza di caccia (tutto pagato e in regola) posso acquistare un black rifle per divertirmi al poligono?

Grazie
Armi automatiche con la nuova normativa settembre 2018 mi sembra che bisogna essere tesserati fitav per acquistare queste armi ed usarle al poligono...Mi sembra di averlo letto in giro.

inviato da mobile
Johnx non è in linea   Rispondi quotando
Grazie zavaste Ha ringraziato per questo post
Rispondi

Tag
caccia, della, efficacia, licenza

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 05:00 PM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Amministratore : Massimiliano Di Lorenzo
Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.3.2 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2019 DragonByte Technologies Ltd.