spinning

Comprimi

Riguardo all'autore

Comprimi

ch85 Scopri di più su ch85
X
 
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • capaino
    Utente abituale
    • Aug 2012
    • 513
    • Pistoia
    • Breton

    #31
    Originariamente inviato da sardu89
    Se avete bisogno sono a vostra disposizione, io pratico lo spinning da vari anni.
    Insidio principalmente barra, spigole, serra e lampughe.... Chi avesse bisogno di qualche consiglio mi contatti senza peoblemi.
    Salve, io ho iniziato da poco a spinning. Ho provato a bass in lago e serra e spigole alla foce del fiume magra.
    Risultati:
    -qualche bass
    -qualche spigola (max. 6/7 etti)
    - 0 serra....
    In particolare per la spigola in foce hai qualche consiglio di artificiali da usare?
    Ne ho comprati un po' di vari tipi, forse troppi, e mi sono perso.
    A memoria ho dei black minnow, jubarino, se a bass killer, Maria MP 55, etc..

    Piero

    Commenta

    • diego av
      Utente regolare
      • Oct 2015
      • 194
      • solofra
      • setter inglese

      #32
      Prova con ondulante innescato col raglou

      Commenta

      • Luca da Lecce
        Moderatore Pesca
        • Mar 2010
        • 1019
        • Lecce
        • Setter inglese

        #33
        Originariamente inviato da capaino
        Salve, io ho iniziato da poco a spinning. Ho provato a bass in lago e serra e spigole alla foce del fiume magra.
        Risultati:
        -qualche bass
        -qualche spigola (max. 6/7 etti)
        - 0 serra....
        In particolare per la spigola in foce hai qualche consiglio di artificiali da usare?
        Ne ho comprati un po' di vari tipi, forse troppi, e mi sono perso.
        A memoria ho dei black minnow, jubarino, se a bass killer, Maria MP 55, etc..

        Piero
        Ciao Piero, la scelta degli artificiali, per questo tipo di pesca e non solo, ha quel fascino indescrivibile perché ciascuno ha le sue scelte, sogni e convinzioni.
        Sta di fatto che alcune valutazioni obbligatorie dobbiamo farle come ad esempio i colori e l’alta qualità dei movimenti visto che spesso verranno impiegati in particolari condizioni di mare.<O:p</O:p
        Presumo tu, essendo alle prime armi, vada a pesca in condizioni di mare calmo o leggermente increspato e quindi per iniziare potresti provare con dei Top Water collegati ad una girella e finale in fluorocarbon del diametro di 0,28/0,30 per circa 80/100 cm.<O:p</O:p
        Il nodo che mi sento di consigliarti per la giunzione tra il fluorocarbon e il trecciato sarà il Tony Pena.
        Sarebbe altresì interessante conoscere la tua attrezzatura di pesca e le condizioni di mare, tempo e orario in cui svolgi lo spinning alla spigola in foce.
        Ciao.
        Luca
        Le parole devono andare pari passo con i fatti, in caso contrario sono solo chiacchiere!

        Commenta

        • capaino
          Utente abituale
          • Aug 2012
          • 513
          • Pistoia
          • Breton

          #34
          Ciao Luca, grazie per i consigli.
          Tanto per chiarire approfondisco alcuni punti:
          - per ora pesco quasi sempre dentro alla foce, diciamo un 500/1500 metri all'interno del fiume, quindi "mare calmo",
          - gli orari li provo un po' tutti...
          - per l'attrezzatura ho due "kit"; uno più leggero con canna bassterra 2-10gr e/o katana 7/21gr. Trecciato del 0,10 e finale fluoro carbon del 0,20. Gomme e artificiali da 50 a 90 mm di peso 3/10gr circa; uno più pesante con canna da 10/40gr Shimano (non ricordo il modello) con Trecciato 0,20 e fluoro carbon 0,40. Il primo da spigola e il secondo da serra (per ora mai presi, mi hanno solo mangiato un black minnow da 90...). Per il secondo long jerk Wtd ed altri da 120 a 180mm e pesi fino ai 25 grammi.
          - il nodo Trecciato fluoro carbon che uso (l'unico che ho imparato) mi pare si chiami Alberto Knot e non mi ha dato mai problemi. I molti, troppi, artificiali persi si sono sempre rotti sul fluoro carbon e quasi sempre sul nodo con la girella

          ---------- Messaggio inserito alle 12:41 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:36 PM ----------

          In particolare non riesco a capire come usare i Black Minnow.
          Mi sembra che mediamente vengano attaccati più degli altri ma al momento pochi pesci rimangono attaccati. Qualcuno mi dice di recuperarli linearmente a mezz'acqua, qualcuno di farli saltellare sul fondo, qualcuno a dente di sega,...
          Boh... Io provo un po' tutto, attacchi si, pesci agganciati pochi...
          Piero

          Commenta

          • Yed
            Guru del forum
            • Sep 2012
            • 6116
            • Pordenone
            • Segugio Bavarese di montagna

            #35
            Ormai sono tanti gli anni che non vado a pescare, ma nello spinning non è tanto importante la trasparenza del filo quanto la sua elasticità per evitare le slamate ai tiri improvvisi delle prede; io pertanto mi orienterei su diametri + sostenuti e artificiali a due o tre ancorette.

            Commenta

            • Luca da Lecce
              Moderatore Pesca
              • Mar 2010
              • 1019
              • Lecce
              • Setter inglese

              #36
              Originariamente inviato da capaino
              Ciao Luca, grazie per i consigli.
              Tanto per chiarire approfondisco alcuni punti:
              - per ora pesco quasi sempre dentro alla foce, diciamo un 500/1500 metri all'interno del fiume, quindi "mare calmo",
              - gli orari li provo un po' tutti...
              - per l'attrezzatura ho due "kit"; uno più leggero con canna bassterra 2-10gr e/o katana 7/21gr. Trecciato del 0,10 e finale fluoro carbon del 0,20. Gomme e artificiali da 50 a 90 mm di peso 3/10gr circa; uno più pesante con canna da 10/40gr Shimano (non ricordo il modello) con Trecciato 0,20 e fluoro carbon 0,40. Il primo da spigola e il secondo da serra (per ora mai presi, mi hanno solo mangiato un black minnow da 90...). Per il secondo long jerk Wtd ed altri da 120 a 180mm e pesi fino ai 25 grammi.
              - il nodo Trecciato fluoro carbon che uso (l'unico che ho imparato) mi pare si chiami Alberto Knot e non mi ha dato mai problemi. I molti, troppi, artificiali persi si sono sempre rotti sul fluoro carbon e quasi sempre sul nodo con la girella

              ---------- Messaggio inserito alle 12:41 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:36 PM ----------

              In particolare non riesco a capire come usare i Black Minnow.
              Mi sembra che mediamente vengano attaccati più degli altri ma al momento pochi pesci rimangono attaccati. Qualcuno mi dice di recuperarli linearmente a mezz'acqua, qualcuno di farli saltellare sul fondo, qualcuno a dente di sega,...
              Boh... Io provo un po' tutto, attacchi si, pesci agganciati pochi...
              Piero
              Ciao Piero, la domanda è interessante ma ha mille risposte. L’uso degli artificiali è dettato dall’esperienza che ti farai man mano che andrai a pesca perché non c’è una regola ben precisa in quanto ci sono moltissime variabili anche se ci sono delle linee guida che insegnano i primi passi.
              Nella fattispecie i Black Minnow, come tu ben sai, hanno teste piombate di vario peso e corpo siliconico di varie misure, quindi già di per se con comportamenti differenti.
              Se dovessi impostare una battuta di pesca alla spigola in foce con la tua attrezzatura e con un Black Minnow io mi comporterei così: sceglierei un bell’artificiale da 12/14 cm con testa piombata da 12/15 gr. con colori simili alle sue prede.
              Quindi, fermo restando che secondo me le esche siliconiche vogliono azioni lente, in presenza di mare calmo sarei propenso a recuperare l’artificiale con lunghe e lente jerkate in varie direzioni, con sporadici stop in modo da far affondare l’esca e ripartenze repentine. Questo per simulare un pescetto spaventato e disorientato che scappa da un predatore, con degli stop a direzione verso il fondo per cercare rifugio tra gli anfratti e delle ripartenze in superficie per sfuggire ad un ipotetico attacco. Questo tipo di tecnica dalle mie parti dà buoni frutti perché si ha la possibilità di sondare le varie profondità e invogliare l’eventuale spigola ad attaccare in quanto lei (un po' curiosa e un po' sospettosa) ama cacciare in agguato nascondendosi dietro un sasso.
              Come attrezzatura va bene quella che hai e anche il nodo Albright va bene come giunzione tra trecciato e fluorocarbon anche se, permettimi un consiglio, passa al Tony Pena perché credo sia più resistente.
              Altra cosa su cui ti sei fatto una domanda ed hai trovato una risposta è riguardo la rottura del nodo sulla girella.
              Che nodo fai?
              Prova il Palomar che è una bestia, conserva quasi il 100% del carico di rottura.
              Per la pesca ai pesci serra prova un Popper da 12/15 cm con peso di circa 40 grammi e poi mi racconti.
              Spero di essere stato chiaro nell'esporre i fatti e se non va bene qualcosa lo approfondiamo.
              Ciao.
              Luca
              Le parole devono andare pari passo con i fatti, in caso contrario sono solo chiacchiere!

              Commenta

              • sardu89
                Ho rotto il silenzio
                • Jun 2018
                • 12
                • Cagliari
                • Epagneul breton

                #37
                Originariamente inviato da capaino
                Salve, io ho iniziato da poco a spinning. Ho provato a bass in lago e serra e spigole alla foce del fiume magra.
                Risultati:
                -qualche bass
                -qualche spigola (max. 6/7 etti)
                - 0 serra....
                In particolare per la spigola in foce hai qualche consiglio di artificiali da usare?
                Ne ho comprati un po' di vari tipi, forse troppi, e mi sono perso.
                A memoria ho dei black minnow, jubarino, se a bass killer, Maria MP 55, etc..

                Piero
                Ciao piero, in foce pesco principalmente a gomma o con artificiali palettati come ad esempio realis minnow della duo, ito vision della megabas, x rap o anche piccoli wtd da 9 10 cm... Il trucco è quello di andare nei picchi di alta o bassa in quanto è il momento in cui si sposta molta massa d acqua e i pesci si artivano maggiormente.

                Commenta

                • Argentina hunting
                  Utente abituale
                  • Jul 2022
                  • 981
                  • Umbria
                  • Setter

                  #38
                  Nodo trecciato-fluorocarbon o nylon uso L'FG knot, è sottile e passa agevolmente negli anelli. Anche l'albright special knot è ottimo. Per il moschettone a cui agganciare gli artificiali uso anche io il palomar. Esche per serra uso Long jerk mommotti SS, rapture magneto, Popper hydro Popper della yo zuri e l'alco roosta Popper, poi needle che sono molto efficaci, walking the dog i migliori secondo me sono lo Zara Super spook e Lucky craft Sammy.
                  Se dici la verità non dovrai mai inventarti nulla

                  Commenta

                  • Er Mericano
                    Guru del forum
                    • Feb 2022
                    • 1867
                    • Alabama
                    • Labrador

                    #39
                    Originariamente inviato da fabryboc
                    Ed infatti tutte le tecniche danno frutti solo quando cominci a ragionare…..come un pesce.[;)]
                    Ed il pesce ha tanti di quei vantaggi "ingiusti"... Vive sott'acqua dove e' spesso invisibile. Ha una buona vista e vede i colori. Sente i rumori anche a grande distanza, ed ha una linea laterale che percepisce vibrazioni. Noi non ce l'abbiamo. Forse non ha un cervello grande e funzionante come il nostro, ma impara, sapessi come impara!

                    Uno dei trucchi che pero' abbiamo imparato noi e' che quando si pesca a spinning con un cucchiaio rotante o ondulante e si vede un pesce che lo segue da vicino senza prenderlo, e' sbagliato rallentare il movimento del cucchiaio. Invece lo si deve accellerare un po', stimolando cosi' l'istinto predatorio del pesce, che (non sempre) attacchera' l'esca artificiale che a suo avviso cerca di sfuggirgli. Il "non sempre" e' la regola fissa di tutti i tipi di pesca. Infatti ho imparato a mie spese che accellerando il movimento del cucchiaio ondulante (il "Pixie," che viee spesso usato alle foci dei fiumi di Kodiak per i salmoni in procinto di risalire), il salmone che lo seguiva fa un guizzo e sparisce. Invece se quasi ne fermi il recupero e lo lasci ondeggiare verso il fondo, il salmone (non sempre) scendera' in picchiata ad afferrarlo.

                    Pescando a mosca affondante (streamer) nel fiume cercando di convincere un salmone ad afferrarla, si lancia a monte e si lascia che lo streamer venga giu' con la corrente. Quando la mosca e' davanti a te si comincia a recuperare. L'attacco avviene all'apice della curva descritta dall'artificiale appena prima che cominci ad avviarsi controcorrente. Non sempre. A volte la prendono mentre scende. Non sempre. Altre volte, ma raramente, non sempre, la prendono mentre risale la corrente. I salmerini, invece, preferiscono afferrarla se ti metti nel mezzo del fiume, lanci a valle e recuperi controcorrente. Ma non sempre. Altre volte la prendono mentre scende con la corrente.

                    Qui nel Profondo Sud, dove le prede principali sono i boccaloni, i pesci-gatto, e gli shellcrackers (redear bluegills, come i persichetti ma capaci di raggiungere facilmente il mezzo kg o piu'), i pesci gatto della sppecia ailurus punctatus (channel cat) a volte, ma non sempre, abboccheranno ad un cucchiaino rotante, non sempre dello stesso colore.
                    Gli shellcrackers spesso attaccheranno esche artificiali, ma non sempre. Quando usi una lenza con galleggiante, due o tre piombini, ed un bel verme, abboccheranno quasi di sicuro, ma... non sempre. A volte non abboccano a niente.
                    Boccaloni. Questi ce l'avete anche in Italia. Le esche principali per questi sono di due tipi: i "plugs," o pesci o rane, o topi artificiali che nuotano o in profondita', sott'acqua, o a mezz'acqua, o come nel caso di topi e rane, in superficie. Si deve pescare alla profondita' dove i boccaloni sono al momento perche', come hai di sicuro indovinato, questi pesci non sempre stanno alla stessa profondita'.
                    L'altro tipo di esca artificiale e' il verme atificiale, di plastica siliconica, spesso (ma non sempre) impregnato di una sostanza che in teoria dovrebbe lasciare una scia che attrae il pesce. La cosa piu' difficile da imparare e' come calzare questo verme (non sempre assomiglia ad un verme, ma puo' anche assomigliare ad una lucertola, o salamandra, o altro) sull'amo in modo che si muova nel modo giusto. Ci sono diversi modi di pescare con queste esche: Molti usano il "Carolina rig," ma non sempre. Altri, non sempre, il "Texas rig."
                    La differenza e' dove il peso di piombo a forma di proiettile e' fissato sul terminale. Si pesca lanciando al largo e lasciando affondare l'esca. Poi la si fa ballonzolare sul fondo, fermandola ogni tanto. Ma non sempre questo metodo funziona. A volte un recupero lento ma costante al di sopra del fondo funziona meglio. Il boccalone tende a seguire ed osservare questo artificiale per poi attaccarlo violentemente e succhiandolo in un nanosecondo nelle sue capaci fauci quando e' quasi vicino o vicinissimo alla riva. Ma non sempre. A volte neanche fa un metro dopo essere ammarato che gia' viene attaccato. Questo avviene specialmente a primavera, quando i boccaloni difendono il nido fatto in acqua bassa e attaccano istantaneamente qualsiasi cosa colpisca l'acqua. Non sempre, pero', perche' a volte si spaventano e scappano. Quando cio' avviene conviene minimizzare la taglia dell'esca, anche se non sempre funziona.

                    L'unica certezza che ci sia nella pesca, l'unica cosa che avviene sempre ed inevitabilmente, e' quando un pescatore ti dice, mentre lui e tu sedete sconsolati sulla riva di un fiume che non vi ha regalato neanche un persichetto di dieci grammi: "Eh, caro mio, avresti dovuto vedermi ieri. Proprio qui, dove pescavi tu, ho tirato fuori dall'acqua un ben di Dio di pesci, cosi'tanti che ho fatto fatica a portarli fino all'auto." La menzogna dei pescatori e' l'unico "sempre" certo ed assoluto in questo magnifico sport.
                    Chi se fa' pecora, la lupa arabbiata se lo magna!

                    Commenta

                    • Argentina hunting
                      Utente abituale
                      • Jul 2022
                      • 981
                      • Umbria
                      • Setter

                      #40
                      Più che i rumori il pesce percepisce le vibrazioni. In acqua abbondante e corrente(grande e medio fiume) il problema si azzera quasi. Nei piccoli fiumi ed in acqua ferma si devono avere mille attenzioni. Sempre perché ho curiosità innata quando iniziai a pescare trote mi dicevano che non dovevo neanche parlare. Provai quindi, quando risalendo vedevo le trote in caccia in mezzo alla corrente, ad urlare come un pazzo e le trote continuavano serenamente a cacciare.
                      Se dici la verità non dovrai mai inventarti nulla

                      Commenta

                      • Massimo
                        Guru del forum
                        • Jul 2006
                        • 2578
                        • Roma, Roma, Lazio.
                        • Pointer/Mora/Gina

                        #41
                        Originariamente inviato da Argentina hunting
                        Nodo trecciato-fluorocarbon o nylon uso L'FG knot, è sottile e passa agevolmente negli anelli. Anche l'albright special knot è ottimo. Per il moschettone a cui agganciare gli artificiali uso anche io il palomar. Esche per serra uso Long jerk mommotti SS, rapture magneto, Popper hydro Popper della yo zuri e l'alco roosta Popper, poi needle che sono molto efficaci, walking the dog i migliori secondo me sono lo Zara Super spook e Lucky craft Sammy.
                        Sconsiglio l'allbright spesso e volentieri si "stucca" come diciamo a Roma l'unico nodo serio e resistente per chi lo sa fare è FG knot altrimenti andare sull'uni to uni .
                        Massimo C.

                        Commenta

                        • il beccaccino parlante
                          Guru del forum
                          • Sep 2009
                          • 2468
                          • Bologna
                          • Red EB; Emy DD

                          #42
                          quando ripresi a pescare circa 4 anni fa, l'albright mi fece perdere diversi artificiali.

                          Ho cominciato ad usare l'FG Knot circa due anni fa.

                          All'inizio l'esecuzione risultava abbastanza complicata, ma dopo le prime volte il nodo si faceva da solo. Importante è sempre serrare bene le spire per crimpare il trecciato sul fluorocarbon.

                          La mia configurazione ufficiale ormai è formata da due canne 13fishing, una 7/20 e una 10/30, la prima con un vanford 4000 con un 8 capi del .18 e la seconda con uno stradic FL 4000 modificato con del varivas x8 .23 e snap BKK duolock e fcl.

                          con queste configurazioni, quest'anno, mi sono tolto diverse soddisfazioni, siluri compresi.
                          Cosa sarebbe la Caccia senza gli Autori che hanno lasciato pagine indimenticabili sulla grande avventura cacciatoresca? Un mondo meraviglioso perduto.
                          Quadri di passione, inni alla Natura, agli animali e agli uccelli: un mondo libero nella palestra in cui si svolge l’attività venatoria, fatiche e riposi, delusioni e gioie, visioni irripetibili.

                          Commenta

                          • mb51
                            Utente abituale
                            • Feb 2013
                            • 552
                            • Taranto

                            #43
                            Originariamente inviato da Bayliss
                            Secondo me non esiste una tecnica di pesca più bella di un altra[:-golf]
                            Ogni tecnica di pesca ha il suo fascino, ognuna trasmette emozioni, ognuna ti porta a contatto e ti rende parte della natura che ti circonda.
                            La cosa importante resta sempre e comunque l'incontro[:-golf]
                            È un emozione grandissima vedere un luccio inseguire il tuo artificiale...vederlo sparire nella sua bocca e ferrare
                            Ma lo è anche vedere una trota salire a bollare la tua mosca...o vederla scartare per ninfare la tua ninfa[:-golf]
                            E a pescare al tocco?Sentire le tocche nel filo, quei secondi che precedono la ferrata non sono emozione?Sei tutt'uno con la canna e in diretto contatto con il pesce
                            Se praticate bene tutte le tecniche di pesca regalano grosse emozioni[:-golf]
                            Ovviamente è solo un parere personale [:-golf]
                            Da appassionato di pesca al tocco consiglio la pesca al cefalo "AL TOCCO", impresa facile da a dirsi ma di indicibile difficoltà a farsi. I muggini, soprattutto quelli di taglia, sono di una furbizia impressionante e, se sbagli la ferrata, puoi dire amen e non lo rivedi più. Una emozione da non perdere vi assicuro, soprattutto se trattasi di una "bosega" di alcuni chili. Buon divertimento.

                            Commenta

                            Attendere..