questione di pelo...

Comprimi

Riguardo all'autore

Comprimi

Massimiliano Scopri di più su Massimiliano
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • Massimiliano
    Amministratore - Fondatore
    • Mar 2005
    • 12806
    • Lugano
    • Luminensis Pointer Fuoco (b/a) Loco (b/n)
    • 471
    • 340

    questione di pelo...

    Il bracco italiano gradisce il pelo? Il mio bracco italiano senz'altro.
    Le prime avvisaglie della sua passione per caprioli e lepri le ho avute in Ungheria l'anno scorso ma dopo i primi due o tre giorni ha capito che il capriolo non si raggiunge e dopo i primi 500m di rincorsa tornava indietro.

    All'apertura mi ha fatto lo scherzetto di sparire per tre ore sicuramente dietro ad un capriolo e mi sono ripromesso assolutamente di togliergli il vizietto quest'anno.

    Dove vado a caccia in Ungheria e' pieno di caprioli ed essendo terreni aperti dove si vede bene quando parte il cane per rincorrere e' facile intervenire, e cosi faro'.

    Ogni consiglio sul comportamento da tenere e' ben accetto. (Lucio me ne ha dati diversi via email *thanks* ma credo che sia un argomento di interesse comune e quindi lo riporto qui).


    Massimiliano
  • franco boni
    Guru del forum
    • Jul 2005
    • 1106
    • sarzana, La Spezia, Liguria.
    • bracco italiano
    • 0
    • 0

    #2
    il mio pippo 4 anni fà mi è corso per tre giorni dietro a un capriolo da Borgotaro fin quasi a Pontremoli.
    In Scozia e a Monte S.Pietro di Viano gli ho fatto capire col collare che non si fà, comunque faceva delle ferme bellissime sui conigli selvatici. Io penso che come tra i cani di altre razze anche tra i bracchi ci sono degli esemplari più portati a seguire l'emanazione degli animali col pelo, ho avuto un breton che addirittura quando sentiva la lepre in piedi la abbaiava come un segugio.
    Non sò se da cucciolo o più tardi gli hai fatto sentire una lepre, se così fosse è logico che la cacci.
    franco

    Commenta

    • Valerio
      Guru del forum
      • Apr 2005
      • 4179
      • Torre del Lago Puccini, Toscana
      • Bracco Italiano
      • 3
      • 0

      #3
      dunque massi, direi che per risolvere la questione non basta il terra, ci vogliono metodi un pò più convincenti, saggiamente applicati s'intende

      è normale che i nostri cani si siano trovati e si trovino a contatto con lepri e unglati vari, ci sono in abbondanza e stanno aumentando!! forse in molti non si rendono conto che spesso è più difficile distogliere certi cani dal pelo che far trovar loro buona selvaggina! alcuni soggetti non si interessano agli ungulati, altri li cacciano e li seguono con tanto di canizza; alcuni non considerano minimamente le passate delle lepri, altri sono così "abili" che arrivano al covo e danno la voce se riescono a vederla in corsa (specialmente fra i breton franco, giusto!)
      e spesso tali comportamenti non sono totalmente indotti dal conduttore, ripeto gli ungulati ci sono c'è poco da fare! certo se spariamo all'ungulato cacciato dal cane...questo non si dovrebbe fare nemmeno con la lepre, ma io non resisto, considerata la rarità di tale occasione!
      Valerio

      Commenta

      • Lucio Marzano
        Lo zio
        • Mar 2005
        • 30090
        • chiasso svizzera
        • bracco italiano
        • 0
        • 2

        #4
        Inseguire la lepre o il capriolo è un atteggiamento del tutto naturale
        per qualsiasi cane ed ancora di più lo è per un cane da caccia.
        Purtroppo questo atteggiamento è molto negativo quando si caccia col cane da ferma perché, a parte gli inseguimenti diretti, diciamo a vista, che con il tempo diventano sempre più brevi, il cane è poi portato a "pistare" cioè a mettere il naso in terra ed a seguire le "scie" e così facendo non lavora più a vento e rischia di non trovare o di sfrullare la selvaggna da piuma.
        ci sono cani più o meno "assatanati" e più o meno difficili da correggere, per taluni (pochi) basta la corda di ritegno, per altri
        un energico richiamo, per lo più però occorre usare qualche sistema coercitivo più... convincente e bisogna sapere quando e come usarlo ed in base alle reazioni del cane, capire se e quanto spesso si può ripetere la correzione. Io consiglio una correzione secca , per poi mettere il cane al guinzaglio e lasciarlo fino al giorno dopo, o di più se il cane manifestasse timori,in cuccia e riprendere solo quando il cane non manifesti più timori verso il conduttore.

        lucio

        Commenta

        • Francesco
          Utente fondatore
          • Mar 2005
          • 945
          • Cecina, Livorno, Toscana.
          • Bracco Italiano Otto di Montericco Pointer Liù
          • 0
          • 0

          #5
          Chi non ha avuto un cane che fà ai caprioli scagli la prima pietra !!
          Le mie bracche fortunatamente li seguono al massimo 150 mt poi se ne tornano indietro.
          Ho un breton (in pensione data l'età) che li seguiva per valli e monti toccandoli con la voce meglio di tanti segugi.
          Riemedio: smisi di portarlo al bosco ..... il collare non era ancora molto conosciuto dieci anni e più orsono.
          In effetti è un vero problema e là dove si può è bene intervenire sia per non ritrovarsi a perdere la voce senza poter cacciare ma soprattutto per il bene del cane, che come spesso accade, può finire sotto ad un'auto, perdersi o essere rubato !
          Sò di qualche inglese al quale piacciono i caprioli ma credo che questo vizietto sia più presente nei continentali ed i nostri non fanno certo eccezione !!
          Discorso un pò diverso per la lepre che dato il suo comportamento (parte a razzo e non si ferma prima di un km) non porta via i cani come invece il capriolo che fà una corsetta e poi si ferma per poi ripartire tenendo il cane sempre piuttosto vicino.
          C'è anche da tener presente poi che un capriolo emana molta più usta di una lepre data la mole quindi meno facile da seguire.
          Alla lepre sparare o non sparare col cane da ferma ?
          Mah ...... chi dice assolutamente no chi invece spara tranquillamente.
          Io non credo che ad un cane col vizietto ridotto al minimo faccia poi male, certo nel caso di Massimiliano c'è da pensarci ...... comunque se capita a me le sparo e come ......
          Francesco Parietti

          Commenta

          • Massimiliano
            Amministratore - Fondatore
            • Mar 2005
            • 12806
            • Lugano
            • Luminensis Pointer Fuoco (b/a) Loco (b/n)
            • 471
            • 340

            #6
            Citazione:Messaggio inserito da Valerio

            dunque massi, direi che per risolvere la questione non basta il terra, ci vogliono metodi un pò più convincenti, saggiamente applicati s'intende

            è normale che i nostri cani si siano trovati e si trovino a contatto con lepri e unglati vari, ci sono in abbondanza e stanno aumentando!! forse in molti non si rendono conto che spesso è più difficile distogliere certi cani dal pelo che far trovar loro buona selvaggina! alcuni soggetti non si interessano agli ungulati, altri li cacciano e li seguono con tanto di canizza; alcuni non considerano minimamente le passate delle lepri, altri sono così "abili" che arrivano al covo e danno la voce se riescono a vederla in corsa (specialmente fra i breton franco, giusto!)
            e spesso tali comportamenti non sono totalmente indotti dal conduttore, ripeto gli ungulati ci sono c'è poco da fare! certo se spariamo all'ungulato cacciato dal cane...questo non si dovrebbe fare nemmeno con la lepre, ma io non resisto, considerata la rarità di tale occasione!
            Sono conscio che ci vogliono metodi diversi dal terra, e sara' quello che applichero' in suolo ungherese (perche' qui, si sa, non si puo').

            Ovviamente non sparero' mai ad un ungulato cacciato dal cane. In Ungheria vedro' comunque di non farlo anche per la lepre ma sara' difficile legare il cane dopo la rincorsa/punizione anche se, sono sicuro, come e' gia' successo in lapponia con le renne, alla seconda punizione il cane si dissuade.

            Il mio bestio ha un gran passione venatoria e spesso, come giustamente dice valerio, e' piu' facile incontrare roba di pelo che di piuma e tant'e'..

            Vero pero' quel che dice Lucio... quando inizia a pensare al pelo la caccia alla piuma e' bella che finita... il primo giorno in lapponia e' andata proprio cosi ma poi s'e' rimesso in riga. Tra dieci giorni fa due anni.. e' tempo che capisca.

            Massimiliano

            Commenta

            • Lucio Marzano
              Lo zio
              • Mar 2005
              • 30090
              • chiasso svizzera
              • bracco italiano
              • 0
              • 2

              #7
              Massimiliano,
              fa due anni ed è alla prima stagione di caccia, quindi devi avere pazienza, vacci piano con le punizioni, sarebbe un delitto rovinare
              un cane con tanta forza e passione
              lucio

              Commenta

              • Massimiliano
                Amministratore - Fondatore
                • Mar 2005
                • 12806
                • Lugano
                • Luminensis Pointer Fuoco (b/a) Loco (b/n)
                • 471
                • 340

                #8
                Lo faro' senz'altro..
                Massimiliano

                Commenta

                • franco boni
                  Guru del forum
                  • Jul 2005
                  • 1106
                  • sarzana, La Spezia, Liguria.
                  • bracco italiano
                  • 0
                  • 0

                  #9
                  come ho già scritto prima io l'ho corretto col collare, l'ho fatto quando ero sicuro che stesse inseguendo un capriolo. è successo che visto il capriolo ho aspettato che puntualmente arrivasse pippo, quindi l'ho richiamato col fischietto a trillo per due volte visto che non rispondeva insieme al terzo trillo gli ho dato una bella scarica e lui è rientrato. questa operazione ho dovuto ripeterla 2/3 volte e ora quando mi accorgo che comincia a fare lo scemo basta una trillata e rientra. Devo precisare che il mio cane sopporta di tutto e di più e dopo la prima scollarata ha cacciato senza problemi.
                  Comunque devi stare molto attento e capire senza ombra di dubbio se il cane sopporta la punizione.
                  franco

                  Commenta

                  • Massimiliano
                    Amministratore - Fondatore
                    • Mar 2005
                    • 12806
                    • Lugano
                    • Luminensis Pointer Fuoco (b/a) Loco (b/n)
                    • 471
                    • 340

                    #10
                    Citazione:Messaggio inserito da franco boni

                    come ho già scritto prima io l'ho corretto col collare, l'ho fatto quando ero sicuro che stesse inseguendo un capriolo. è successo che visto il capriolo ho aspettato che puntualmente arrivasse pippo, quindi l'ho richiamato col fischietto a trillo per due volte visto che non rispondeva insieme al terzo trillo gli ho dato una bella scarica e lui è rientrato. questa operazione ho dovuto ripeterla 2/3 volte e ora quando mi accorgo che comincia a fare lo scemo basta una trillata e rientra. Devo precisare che il mio cane sopporta di tutto e di più e dopo la prima scollarata ha cacciato senza problemi.
                    Comunque devi stare molto attento e capire senza ombra di dubbio se il cane sopporta la punizione.
                    Esatto, come dicevo in lapponia ho dovuto fare lo stesso ed Ali' sopporta e riparte subito perche' di tempra forte e grande passione. Ovviamente ci vuole un po di misura ma credo di averla..
                    Massimiliano

                    Commenta

                    • PETRUS
                      Utente regolare
                      • Mar 2005
                      • 78
                      • MONTERIGGIONI, Siena, Toscana.
                      • Bracco Italiano di nome Luna Bracco Tedesco di nome Stella
                      • 0
                      • 0

                      #11
                      Risultato dell'apertura: due lepri puntate e una catturata.

                      In entrambi i casi le lepri erano rimesse all'interno di una macchia fittissima: dopo averle avventate, la bracca è entrata delicatamente nella macchia, le ha puntate rimanendo immobile fino a quando non si sono mosse, allora le ha seguite (non inseguite) in data ed una delle due (la seconda, quella del pomeriggio) mi è venuta ai piedi ed è stata abbattuta.

                      Non so per voi, ma per me queste esperienze sono indimenticabili.

                      p.s.
                      per il Capriolo la cura "ENEL" è l'unica efficace e la meno invasiva per il Bracco che associa immediatamente l'essenza del selvatico a qualcosa da non perseguire come obbiettivo.

                      Filippo Petrini

                      Commenta

                      Attendere..
                      X