Il forum sulla caccia e sulla cinofilia

Il forum sulla caccia e sulla cinofilia (https://www.ilbraccoitaliano.net/forum/index.php)
-   Armi & Polveri (https://www.ilbraccoitaliano.net/forum/forumdisplay.php?f=17)
-   -   Il piacere di studiare e caricare una cartuccia..... (https://www.ilbraccoitaliano.net/forum/showthread.php?t=75820)

fistione 22-01-21 03:54 PM

Il piacere di studiare e caricare una cartuccia.....
 
Buongiorno, oggi si vive volenti o nolenti nell'era del Web, dove tutto viaggia a velocità impressionante...e dove spesso ti arrivano info ancora prima che tu abbia assimilato un concetto.

Per chi come me ha iniziato da ragazzino negli anni 70 o addirittura prima la stupenda pratica (per me arte) del caricarsi in proprio le cartucce, tutta questa mole di informazioni, commenti etc sovente diventa indigesta; si, indigesta perchè spesso non riesco a comprendere del tutto cosa si vorrebbe ottenere...ad esempio chiedendo ad un collega di Catania che ha parlato della MBx32 una buona cartuccia collaudata per Beccacce da sparare a Trento...ed altri esempi piu o meno coloriti cosi via.

Oggi perchè perdere tempo a leggere i testi sacri della Balistica scritti fra gli anni 50 e anni 90..? Benassi, Corsi, Gallina, Granelli...etc e assimilare e comprendere a fondo le basi di cio che andremo a fare...meglio digitare su google cosa vorremmo, probabilmente ci indirizzera sui vari Forum di ricarica e in un balletto avremo l'assetto che tanto ci premeva fare...si...!!! Ma di nostro, eccetto il dito sulla tastiera, cosa avremo messo ????

Pensare, studiare, sperimentare e perche no...sognare una cartuccia, perchè deve risolversi in una sterile "sveltina Balistica sul Web"....?
La ricarica è un ARTE e come tale, a mio modesto parere merita di piu.

In bocca al Lupo

Massi 22-01-21 04:54 PM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1420422)
Buongiorno, oggi si vive volenti o nolenti nell'era del Web, dove tutto viaggia a velocità impressionante...e dove spesso ti arrivano info ancora prima che tu abbia assimilato un concetto.

Per chi come me ha iniziato da ragazzino negli anni 70 o addirittura prima la stupenda pratica (per me arte) del caricarsi in proprio le cartucce, tutta questa mole di informazioni, commenti etc sovente diventa indigesta; si, indigesta perchè spesso non riesco a comprendere del tutto cosa si vorrebbe ottenere...ad esempio chiedendo ad un collega di Catania che ha parlato della MBx32 una buona cartuccia collaudata per Beccacce da sparare a Trento...ed altri esempi piu o meno coloriti cosi via.

Oggi perchè perdere tempo a leggere i testi sacri della Balistica scritti fra gli anni 50 e anni 90..? Benassi, Corsi, Gallina, Granelli...etc e assimilare e comprendere a fondo le basi di cio che andremo a fare...meglio digitare su google cosa vorremmo, probabilmente ci indirizzera sui vari Forum di ricarica e in un balletto avremo l'assetto che tanto ci premeva fare...si...!!! Ma di nostro, eccetto il dito sulla tastiera, cosa avremo messo ????

Pensare, studiare, sperimentare e perche no...sognare una cartuccia, perchè deve risolversi in una sterile "sveltina Balistica sul Web"....?
La ricarica è un ARTE e come tale, a mio modesto parere merita di piu.

In bocca al Lupo

Molto di più, ed aiuta ad approfondire concetti di Matematica, Fisica, Chimica, Meccanica, che poi ti possono servire anche in altri campi anche nel lavoro anche se non centra niente con la ricarica.
Saluti

Duecanne 22-01-21 07:45 PM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1420422)
Buongiorno, oggi si vive volenti o nolenti nell'era del Web, dove tutto viaggia a velocità impressionante...e dove spesso ti arrivano info ancora prima che tu abbia assimilato un concetto.

Per chi come me ha iniziato da ragazzino negli anni 70 o addirittura prima la stupenda pratica (per me arte) del caricarsi in proprio le cartucce, tutta questa mole di informazioni, commenti etc sovente diventa indigesta; si, indigesta perchè spesso non riesco a comprendere del tutto cosa si vorrebbe ottenere...ad esempio chiedendo ad un collega di Catania che ha parlato della MBx32 una buona cartuccia collaudata per Beccacce da sparare a Trento...ed altri esempi piu o meno coloriti cosi via.

Oggi perchè perdere tempo a leggere i testi sacri della Balistica scritti fra gli anni 50 e anni 90..? Benassi, Corsi, Gallina, Granelli...etc e assimilare e comprendere a fondo le basi di cio che andremo a fare...meglio digitare su google cosa vorremmo, probabilmente ci indirizzera sui vari Forum di ricarica e in un balletto avremo l'assetto che tanto ci premeva fare...si...!!! Ma di nostro, eccetto il dito sulla tastiera, cosa avremo messo ????

Pensare, studiare, sperimentare e perche no...sognare una cartuccia, perchè deve risolversi in una sterile "sveltina Balistica sul Web"....?
La ricarica è un ARTE e come tale, a mio modesto parere merita di piu.

In bocca al Lupo

Condivido pienamente il concetto.
La moltitudine degli improvvisati caricatori domestici di oggi è così: in genere un fuoco fatuo che va a spegnersi con lo spegnersi dell'improvvisato entusiasmo. Alla fine tornano in armeria a comprare cartucce.
Ci vuole prima di tutto la passione, che alimenta la curiosità, la dedizione e la voglia di mettersi in discussione. Il mix alla fine genera il risultato, l'eccellenza che non trovi nella cartuccia da banco.

ronin977 22-01-21 11:11 PM

be secondo me i caricatori si sono semplicemente adeguati ai tempi, ma concettualmente le cose sono sempre uguali...
Mi spiego meglio:
Ai tempi di mio padre c'erano mio nonno e altri vecchi cacciatori con esperienza sulle spalle che facevano le cartucce, lui li osservava, e chiedeva loro informazioni, e così apprendeva le cariche adeguate per ogni polvere e le modalità di assemblamento della cartuccia. Poi sul campo andava sempre con detti cacciatori a fare le prove di rosata, e imparava a capire come doveva essere una rosata buona, e come agire sulla cartuccia per ottenerla.
Seguivano le prove sul selvatico e tutto il resto.
Una volta capiti i meccanismi di funzionamento, mettendosi in mano le tabelle presenti nel retro delle scatole delle polveri, faceva le stesse cose per i fatti suoi e imparava ad usare polveri nuove mettendo a punto i propri personali assetti, oppure partendo da assetti avuti da altri faceva le sue valutazioni, selezionava i migliori, e magari modificava quelli meno buoni per ottimizzarli al meglio per le sue esigenze.

Qualcun altro invece a cui scocciava perdere tempo, si limitava a farsi dare le ricette dai vecchi cacciatori e le replicava così come erano senza chiedersi piu di tanto se fossero da migliorare o altro.

Oggi le cose non sono cambiate, invece dei vecchi cacciatori si prendono le cariche dal web, con l'aiuto di un cacciatore piu esperto magari trovato in un forum anzichè tra i vecchi cacciatori del paese, si imparano i concetti di base, dai testi e dall'esperienza di altri piu esperti , e come allora qualcuno si appassiona e approfondisce le cose, usando i dosaggi che trova come punto di partenza, che poi dopo tante prove e modifiche porteranno alla cartuccia finale.
Del resto una cartuccia messa a Punto da un Toscano per quanto equilibrata, non è detto che sia ottimale per un cacciatore siciliano, che vive in un clima diverso, e così va modificata opportunamente, ma rappresenta ugualmente un buon punto di partenza.
Insomma sono cambiati i mezzi e le distanze si sono azzerate, ma alla fine il lavoro è sempre lo stesso, chi si appassiona prende la ricetta trovata nel web come punto di partenza e ci lavora su tirando fuori una creatura sua, e a chi non interessa appassionarsi proprio come allora si limita a scopiazzare per poi magari selezionare quelle utili e quelle che non lo sono e magari alla fine andare in armeria a comprare quelle pronte.
Cambiano i tempi e cambiano i mezzi ma i caricatori fanno sempre la stessa cosa. Oggi c'è il vantaggio di avere piu fonti da cui attingere e da cui apprendere, ma sinceramente non credo che i vecchi cacciatori di un tempo facessero cartucce meno valide di quelle dei grandi esperti di oggi, nei limiti dei mezzi di cui disponevano e dall'alto della loro esperienza facevano cartucce eccellenti, soprattutto adeguate alle condizioni ambientali in cui erano usate.

fistione 22-01-21 11:44 PM

Ronin...non sono proprio d'accordo, il percorso di chi oggi si approccia alla ricarica e' assai diverso...si tende ad imparare a scrivere senza avere appreso le basi grammaticali, un tempo, neanche poi cosi lontano ci si affidava alla lettura di testi ben fatti da chi sapeva la materia e la sapeva pure raccontare...cosi, con un percorso lungo e affascinante chi aveva veramente passione saliva su su per gradi e faceva tesoro di insuccessi e successi....e maturando, poi sulla sua strada spesso avrebbe instradato tanti altri ad iniziare con il piede giusto, senza bruciare le tappe.

Oggi, chiunque puo fare una buona cartuccia in un lampo...2 click, compra on line un bossolo e una borra in plastica, un po di polvere da un amico.....e l'immancabile ricetta tuttofare elargita dal Mago Merlino di turno su web.

Quello che mi rammarica e' il pensare di non riuscire a spiegare alle nuove leve che la ns passione e' prima di tutto piacere, intuito, sperimentazione....e che non merita di essere praticata e vissuta come un amore di una notte....in sostanza, Poesia!

In bocca al lupo

ronin977 23-01-21 12:10 AM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1420472)
Ronin...non sono proprio d'accordo, il percorso di chi oggi si approccia alla ricarica e' assai diverso...si tende ad imparare a scrivere senza avere appreso le basi grammaticali, un tempo, neanche poi cosi lontano ci si affidava alla lettura di testi ben fatti da chi sapeva la materia e la sapeva pure raccontare...cosi, con un percorso lungo e affascinante chi aveva veramente passione saliva su su per gradi e faceva tesoro di insuccessi e successi....e maturando, poi sulla sua strada spesso avrebbe instradato tanti altri ad iniziare con il piede giusto, senza bruciare le tappe.

Oggi, chiunque puo fare una buona cartuccia in un lampo...2 click, compra on line un bossolo e una borra in plastica, un po di polvere da un amico.....e l'immancabile ricetta tuttofare elargita dal Mago Merlino di turno su web.

Quello che mi rammarica e' il pensare di non riuscire a spiegare alle nuove leve che la ns passione e' prima di tutto piacere, colpo di intuito, sperimentazione....e che non merita di essere praticata e vissuta come un amore di una notte.

In bocca al lupo

se la pensi così anche 50 anni fa c'era il mago merlino di turno anzichè aprire il web e cercarlo li, ci si recava dal vecchio cacciatore amico di famiglia, o si smontava una cartuccia di successo fatta da un armiere esperto ed ecco fatto il miracolo, quello che la copiava continuava a non capirne nulla di quello che faceva, ma sapeva che la ricetta era quella e funzionava.
Ma tranquillo anche oggi come allora c'è quello che si interessa della cosa, chiede informazioni e spiegazioni, si compra i testi per approfondire e finisce per intuire e sperimentare oggi come allora.
Anzi ti dirò che mentre una volta caricare era una necessità, dettata da questioni economiche, perchè le cartucce costavano tanto e facendole a casa si risparmiava, oggi è diventato pura passione, a volte faccio i conti e vedo in armeria cartucce a costo piu basso di quanto spenderei io facendole comprando i componenti uno ad uno.
Quindi nessuno carica piu per necessità, ecco perchè appassionati ce ne sono sempre meno... in armeria trovi decine di cartucce di tutte le marche anche a prezzi bassi, e i cacciatori anzichè interessarsi di come caricarsi le proprie cartucce, si interessano piu del proprio cane, li vedi espertissimi di cinofilia, sanno quali sono gli allevamenti migliori e quali le migliori fattrici, discutono ore del proprio cane, o di quello dell'amico, o dell'allevatore....sanno quale genealogia è migliore per la montagna e quale per il bosco, ma se gli chiedi quale cartuccia usano per la beccaccia e quale per la quaglia, probabilmente di rispondono qualcosa tipo:(quelle verdi da 34 gr che ho nello zaino) non sanno che polvere contiene, se è dispersante o no, forse sanno appena se ha il contenitore o il feltro....

Non ti nascondo che sarei contento di sapere che qualche neofita va in armeria a comprare polvere piombo borre e bossoli con l'intenzione di copiare dal web qualche buon assetto, sarebbe un punto di partenza perchè si formino nuovi appassionati...
Ma di tutti i cacciatori che conosco ( e sono tanti) sono davvero pochi quelli che sanno come è fatta dentro una cartuccia, e che non si annoiano se tu gliene parli.

fistione 23-01-21 12:13 AM

Vabbe...come non detto....

In bocca al Lupo

ronin977 23-01-21 12:16 AM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1420476)
Vabbe...come non detto....

In bocca al Lupo

Una curiosità... tu come ti sei appassionato?
sei autodidatta? hai appreso tutto dai libri?

O vieni da una famiglia di cacciatori che ti hanno iniziato, o sei stato sotto l'influenza di qualche vecchio esperto cacciatore e poi preso dalla passione hai continuato per i fatti tuoi ad approfondire gli argomenti?

Black Powder 23-01-21 09:38 AM

Buongiorno,
dal mio punto punto di vista, sono entrambe vere le prospettive da voi riassunte; io credo che l'era moderna - internet - abbia dato modo diverso di confrontarsi e studiare a chi, come in passato, aveva sete (reale) di conoscenza.
Oggi è più facile trovare quel che cerchiamo su internet, piuttosto che in un qualsiasi dizionario (a proposito, si trovano ancora?) e ci offre la possibilità di confrontare situazioni nazionali e continentali che prima, neppure lontanamente.

Un conto è l'improvvisato caricatore domestico che si accontenta di copiare tal quale una dose scovata in rete, senza neppure soffermarsi troppo; un altro conto, invece, discuterne insieme: come appunto si prefigge di fare un forum, confrontando idee, soluzioni, risultati (mi vengono in mente ora le tante discussioni sulle dispersanti: borre elicoidali, metodo Greener, espansore Melloni e chi più ne ha, più ne metta).

Come già detto, anche negli anni d'oro dell'attività venatoria c'era chi si accontentava di replicare i caricamenti sul retro della latta... e chi, come il bisnonno, si creava autonomamente la polvere nera.

A proposito di testi sacri: tralasciando il costo spropositato di qualche raro volume che ogni tanto riappare su qualche bacheca (online!), oggi non si trova pressoché nulla di spessore.

Chi muove i primi passi oggi e non ha modo diretto di confrontarsi, vuole o non vuole, passa per il mondo digitale. Come ogni cosa, dipende dall'uso che se ne fa.

Saluti,
Giuseppe

ronin977 23-01-21 09:49 AM

Be ogni cosa si adegua ai tempi... Anche la scuola... Ai miei tempi c'era la lavagna nera ed il gesso... Oggi ci sono le lavagne digitali, il power point.... Fanno lezioni a distanza con il video collegamento... I libri virtuali...
Noi facevamo le ricerche sulla treccani, adesso usano le enciclopedie on line...
Ma scommetto che anche oggi come allora ci sono quelli che studiano e quelli che copiano, cambiano i tempi cambiano i mezzi ma gli uomini sono sempre gli stessi.

oreip 23-01-21 10:13 AM

Come non mettere in conto l'Amico che telefona, per ringraziarmi delle cartucce avute in omaggio e da me confezionate che lo hanno soddisfatto appieno. Magari come ha fatto il mio Amico Carmelo un mese fa, presentarsi a casa con due Beccacce in dono, raccontandomi come quelle cinque cartucce da me preparate, avevano stoppato cinque Regine.
Questo è il filo conduttore della nostra passione, che ci lega al mondo della Caccia con il mondo della "sperimentazione" balistica.
piero

fistione 23-01-21 10:59 AM

Quello che ho cercato di esprimere e' la sensazione di amarezza che provo ogni qualvolta leggo asserzioni e ricette strampalate e a volte pericolose da parte di chi, "grazie" al web si sente di essere diventato professore....e che pero fino a pochi mesi prima nemmeno sapeva come fosse fatto un bossolo.
Noto una enorme carenza di umilta e voglia di apprendere con calma...salendo per gradi....singolare poi che a volte questi personaggi si irritino all'inverosimile quando provi, con tatto e pazienza a far notare gli sfondoni che dicono.
Personalmente, nel mio piccolo non mi sono mai negato verso chi iniziava sta meravigliosa passione....un po di esperienza, cercando di applicarmi al meglio penso di averla acquisita, ma sicuramente ogni giorno che passa avro sempre qualcosa da imparare, nonostante
Pratichi la ricarica domestica con passione da circa 40 anni.

In bocca al Lupo

fistione 23-01-21 09:35 PM

Quote:

Originariamente inviata da oreip (Messaggio 1420494)
Come non mettere in conto l'Amico che telefona, per ringraziarmi delle cartucce avute in omaggio e da me confezionate che lo hanno soddisfatto appieno. Magari come ha fatto il mio Amico Carmelo un mese fa, presentarsi a casa con due Beccacce in dono, raccontandomi come quelle cinque cartucce da me preparate, avevano stoppato cinque Regine.3
Questo è il filo conduttore della nostra passione, che ci lega al mondo della Caccia con il mondo della "sperimentazione" balistica.
piero

Piero, lo scopo della ricarica domestica, oggi chiaramente non e' piu il risparmio....ma e' proprio cio che in parte ho detto prima, la soddisfazione nel riuscire a progettare e poi mettere a punto la cartuccia specifica per una certa caccia e/o una data arma. Quando il risultato sul campo arriva, la soddisfazione che si prova e' grande.
Spesso si torna da caccia appagati anche solo per aver fatto un bel tiro, basta sia stato con la ns creatura balistica.

In bocca al Lupo

pepponi marco 23-01-21 10:00 PM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1420472)
Ronin...non sono proprio d'accordo, il percorso di chi oggi si approccia alla ricarica e' assai diverso...si tende ad imparare a scrivere senza avere appreso le basi grammaticali, un tempo, neanche poi cosi lontano ci si affidava alla lettura di testi ben fatti da chi sapeva la materia e la sapeva pure raccontare...cosi, con un percorso lungo e affascinante chi aveva veramente passione saliva su su per gradi e faceva tesoro di insuccessi e successi....e maturando, poi sulla sua strada spesso avrebbe instradato tanti altri ad iniziare con il piede giusto, senza bruciare le tappe.

Oggi, chiunque puo fare una buona cartuccia in un lampo...2 click, compra on line un bossolo e una borra in plastica, un po di polvere da un amico.....e l'immancabile ricetta tuttofare elargita dal Mago Merlino di turno su web.

Quello che mi rammarica e' il pensare di non riuscire a spiegare alle nuove leve che la ns passione e' prima di tutto piacere, intuito, sperimentazione....e che non merita di essere praticata e vissuta come un amore di una notte....in sostanza, Poesia!

In bocca al lupo

Caro Lorenzo, secondo la mia poca esperienza hai perfettamente ragione, la passione per la ricarica l'ho ereditata da mio padre anche se lui sicuramente era molto più puntiglioso di me; purtroppo con la sua morte sono spariti tutti i suoi scritti sacri, con i vari appunti sulla ricarica, era qualcosa di fantastico riportava le eventuali variazioni di pressione, velocità e tc al variare del tipo di bossolo, borra e innesco, riportava la resa a caccia anche in riferimento alla zona di caccia. Magari tutte cose poco rilevanti, però non ho mai visto mio padre in difficoltà per colpa di cartucce che non andavano.
Marco

fistione 23-01-21 10:30 PM

Quote:

Originariamente inviata da pepponi marco (Messaggio 1420540)
Caro Lorenzo, secondo la mia poca esperienza hai perfettamente ragione, la passione per la ricarica l'ho ereditata da mio padre anche se lui sicuramente era molto più puntiglioso di me; purtroppo con la sua morte sono spariti tutti i suoi scritti sacri, con i vari appunti sulla ricarica, era qualcosa di fantastico riportava le eventuali variazioni di pressione, velocità e tc al variare del tipo di bossolo, borra e innesco, riportava la resa a caccia anche in riferimento alla zona di caccia. Magari tutte cose poco rilevanti, però non ho mai visto mio padre in difficoltà per colpa di cartucce che non andavano.
Marco

Ciao Marco, hai avuto la fortuna di esserti appassionato grazie al tuo Babbo....che a quanto leggo sapeva il fatto suo.
Un vero peccato sia andato perso il suo lavoro di appunti e prove...ma sono sicuro che gran parte di quelle, giuste e molto utili nozioni e pratiche le avrai acquisite.

In bocca al Lupo

ronin977 23-01-21 11:31 PM

Quote:

Originariamente inviata da oreip (Messaggio 1420494)
Come non mettere in conto l'Amico che telefona, per ringraziarmi delle cartucce avute in omaggio e da me confezionate che lo hanno soddisfatto appieno. Magari come ha fatto il mio Amico Carmelo un mese fa, presentarsi a casa con due Beccacce in dono, raccontandomi come quelle cinque cartucce da me preparate, avevano stoppato cinque Regine.
Questo è il filo conduttore della nostra passione, che ci lega al mondo della Caccia con il mondo della "sperimentazione" balistica.
piero

hai ragione Piero è una grande soddisfazione. Ma credo che il solo fatto che sia venuto da te a chiederti quelle 5 cartucce lo sia, perchè vuol dire che aveva stima nelle tue capacità di caricatore.
E il fatto che grato ti abbia omaggiato delle 2 beccacce dimostra che ha apprezzato le tue cartucce e voluto condividere con te il frutto che gli hanno reso, e che probabilmente te ne chiedera ancora in futuro[:D] .
Io ho avuto la tua stessa soddisfazione la scorsa settimana quando mi hanno portato 8 kg di cinghiale per una ragione analoga... anche se ti confesso che mi sarebbe piaciuto essere presente mentre lo prendevano![fiuu]

fabryboc 24-01-21 12:26 AM

Allora, per far contenti tutti, adesso vi racconto la mia....mai avuto esigenza di ricaricare perchè usando il cal 12 trovavo di tutto e di più...

conosco molto bene i cani, caro Ronin [;)], così come conosco molto bene cosa metto in canna, con quale ordine e per quale motivazione...la balistica è una sfaccettatura della grande passione per la caccia e le armi, bagaglio a mio avviso imprescindibile per chi si approccia ad ogni passione con l'umiltà e la bramosia di capire, prima ancora che esercitare....e un appannaggio della stessa è secondo me fondamentale quando si gira con un fucile in mano, quindi mi ha sempre incuriosito e ho sempre cercato di conoscerla.

Poi, per scherzo mi sono comprato prima un 20, e poi un 28...con quest'ultimo calibro, a differenza che col 12 e il 20, l'offerta commerciale di cartucce, non rispondeva a quello che avrei voluto.

Avendo un grande amico che ricarica da anni, mi sono fatto dire cosa mi sarebbe servito per provare a produrre delle cartucce da usare con la mia doppiettina, ma prima ancora, e per alcuni mesi, ho cercato di reperire qualunque cosa potesse aiutarmi a capire di più...i libri di Granelli, Gallina che mi mancavano, ovviamente tutti gli articoli e manuali di Garolini, centinaia di vecchi numeri di Diana dove gli esperti succitati scrivevano o rispondevano ai lettori...oltre al notevole bagaglio di discussioni contenute in questo forum (e in realtà anche un altro), lette e rilette più volte....

Una full immersion durata quasi un anno, prima di accendere per la prima volta il trapano a colonna.

Ovvio, questo non sostituisce anni di esperienza, ma ti dà un appannaggio, ti fa capire almeno di COSA si sta parlando....

E comunque, al di là delle sacre e immutevoli leggi della balistica e della teoria applicata, i testi sacri mostrano i loro limiti quando si comincia a parlare di polveri e componentistica, perchè nel frattempo molto è cambiato.

Ecco allora l'indiscutibile grandezza del web...Fabrizio che riesce a parlare con Gianluca (Garolini), solo per fare un esempio...Fabrizio che si confronta con Fistione, Ronin, Pinnici, e molti molti altri....tutte persone equilibrate, capaci e colte, tutte persone che altruisticamente, e mettendoci il loro tempo, mi hanno aiutato a crescere, e che senza questo mezzo, mai avrei avuto l'onore, la fortuna ed il piacere di conoscere.

Una follia, trovare una dose di chissà chi e mettersi a riprodurla...la cosa difficile, ma solo all'inizio, è stato capire CHI fosse realmente affidabile e chi potesse arrivare ad essere addirittura pericoloso....e MAI ho caricato una cartuccia sulla quale avessi anche un minimo dubbio, sparandola senza averla bancata...

Poi prove di rosata, prove a caccia...tutto quello che voi ben sapete...ma in tutto questo, attribuisco la stessa utilità ad internet, di quella dei testi più importanti.
Questo forum in primis, come qualche altro, e qualche gruppo Facebook di persone sensate, mi ha dato tanto quanto i grandi libri di ricarica e balistica.

Questo è.

fistione 24-01-21 12:33 AM

Quote:

Originariamente inviata da fabryboc (Messaggio 1420551)
Allora, per far contenti tutti, adesso vi racconto la mia....mai avuto esigenza di ricaricare perchè usando il cal 12 trovavo di tutto e di più...

conosco molto bene i cani, caro Ronin [;)], così come conosco molto bene cosa metto in canna, con quale ordine e per quale motivazione...la balistica è una sfaccettatura della grande passione per la caccia e le armi, bagaglio a mio avviso imprescindibile per chi si approccia ad ogni passione con l'umiltà e la bramosia di capire, prima ancora che esercitare....e un appannaggio della stessa è secondo me fondamentale quando si gira con un fucile in mano.

Poi, per scherzo mi sono comprato prima un 20, e poi un 28...con quest'ultimo calibro, a differenza che col 12 e il 20, l'offerta commerciale di cartucce, non rispondeva a quello che avrei voluto.

Avendo un grande amico che ricarica da anni, mi sono fatto dire cosa mi sarebbe servito per provare a produrre delle cartucce da usare con la mia doppiettina, ma prima ancora, e per alcuni mesi, ho cercato di reperire qualunque cosa potesse aiutarmi a capire di più...i libri di Granelli, Gallina che mi mancavano, ovviamente tutti gli articoli e manuali di Garolini, centinaia di vecchi numeri di Diana dove gli esperti succitati scrivevano o rispondevano ai lettori...

Una full immersion durata quasi un anno, prima di accendere per la prima volta il trapano a colonna.

Ovvio, questo non sostituisce anni di esperienza, ma ti dà un appannaggio, ti fa capire almeno di COSA si sta parlando....

E comunque, al di là delle sacre leggi della balistica e della teoria applicata, i testi sacri mostrano i loro limiti quando si comincia a parlare di polveri e componentistica, perchè nel frattempo molto è cambiato.

Ecco allora l'indiscutibile grandezza del web...Fabrizio che riesce a parlare con Gianluca (Garolini), solo per fare un esempio...Fabrizio che si confronta con Fistione, Ronin, Pinnici, e molti molti altri....tutte persone equilibrate, tutte persone che altruisticamente, e mettendoci il loro tempo, mi hanno aiutato a crescere.

Una follia, trovare una dose di chissà chi e mettersi a riprodurla...la cosa difficile, ma solo all'inizio, è stato capire CHI fosse realmente affidabile e chi potesse arrivare ad essere addirittura pericoloso....e MAI ho caricato una cartuccia sulla quale avessi anche un minimo dubbio, sparandola senza averla bancata...

Poi prove di rosata, prove a caccia...tutto quello che voi ben sapete...ma in tutto questo, attribuisco la stessa utilità ad internet, di quella dei testi più importanti.
Questo forum in primis, come qualche altro, e qualche gruppo Facebook di persone sensate, mi ha dato tanto quanto i grandi libri di ricarica e balistica.

Questo è.

Ecco..questo per me e' il giusto mix tra il sapere apprendere dal passato per sfruttare al meglio cio che sa offrire il presente.

I miei complimenti

In bocca al Lupo

oreip 24-01-21 10:03 AM

IMPARA DAL PASSATO, VIVI NEL PRESENTE, SPERA NEL FUTURO.
ALBERT EINSTEIN
Questa frase mi rasserena, malgrado il nostro navigare alla velocità della luce, nel pieno turbinio dell'evoluzione.
piero

ronin977 24-01-21 10:13 AM

Quote:

Originariamente inviata da oreip (Messaggio 1420558)
IMPARA DAL PASSATO, VIVI NEL PRESENTE, SPERA NEL FUTURO.
ALBERT EINSTEIN
Questa frase mi rasserena, malgrado il nostro navigare alla velocità della luce, nel pieno turbinio dell'evoluzione.
piero

hai proprio ragione! si va avanti a velocità pazzesca e spesso stare dietro a tutto è impossibile...
Cmq sono daccordo il web è una enorme fonte di informazioni, bisogna pero saper trascendere tra le affidabili e quelle false, perchè c'è di tutto li!
Il confronto con altra gente esperta è utilissimo e serve ad arricchire la nostra conoscenza e colmare le nostre lacune.
I libri non sempre hanno tutte le risposte.
POi L'ESPERIENZA PERSONALE SUL CAMPOSERVE SEMPRE AL DI SOPRA DI TUTTO!
Un medico si forma in ospedale non all'università! e questo vale anche per tutti gli altri campi.

fistione 24-01-21 10:31 AM

Buongiorno, qualsiasi attivita, che sia lavorativa o di mera passione , se la si vuole intraprendere con coscienza e futura soddisfazione non puo prescindere da un approfondito studio....la teoria va sempre a braccetto con la pratica, poi, si sa in tutti i campi si potra trovare colui che, duro come le pigne verdi....ha avuto titoli e abilitazioni grazie a fiaschi di olio bono...costui, potra fare tutta la pratica del mondo...ma mai eccellera nel suo campo mancadogli le basi teoriche importantissime.

In bocca al Lupo

edo49 24-01-21 01:17 PM

E' quasi superfluo che intervenga, condividendo appieno chi si è dedicato in modo Scientifico alla ricerca di caricamenti di cartucce, non dimenticando che, appena una trentina di anni fa, regnava una platea di cacciatori con Ignoranza Assoluta dell'argomento, anzi viziato da credenze popolari allora molto diffuse (come il "piombo caldo" che uccideva mentre quello "freddo" faceva "sangue") oppure che più polvere si abbondava e meglio fosse...Purtroppo accanto al progresso, Internet, come mezzo di informazione, ha propagato il Bene, ma anche il Male, permettendo una più vasta platea anche ai cialtroni e racconta balle... la Civiltà Informatica richiederebbe un Filtro nei confronti di questi ultimi, ma le leggi democratiche temono le censure, e gli incompetenti arrivano alle più alte Vette dello Stato. Cosa che temo molto, come Ingegnere, specie quando vedo sprecare Miliardi (a debito) nella Rivoluzione Informatica, che nei sogni dovrebbe portare Sviluppo e Crescita, ma se Mal gestita porteà solo vincoli burocratici automatici e ciechi e limitazioni di libertà. Speriamo negli Uomini di Buona Volontà ma con un pochina di Competenza tecnica, come ovunque. Saluti . Edo49

vecchioA300 24-01-21 01:38 PM

E anche questa modesta pratica (la ricarica) secondo me fa parte dell'estro italico, in poche parole, è un'arte.
Parlando di canna liscia, In America, Germania, Inghilterra, Francia, Spagna (per citare i paesi più grandi dove non mancano certo le tecnologie e le competenze produttive) si hanno in genere uno o 2 soli tipi di innesco, due o tre tipi di polveri (quasi tutte a doppia BASE) e pochi tipi di borraggio, in compenso hanno vari tipi di pallini di vario peso e durezza (ramati, nickelati, a vario tenore di antimonio, induriti, stampati, colati, teneri ecc.) ed anche poca varietà di bossoli, il tutto comunque non paragonabile alla varietà (soprattutto di polveri) che da noi è sempre stata a disposizione.
Con tutto questo ben di Dio, per noi veri appassionati (mai fatto un caricamento per risparmiare....) era inevitabile la sperimentazione alla ricerca del risultato migliore, anche nell'"estetica", come cita spesso l'amico e conterraneo Fistione.
Naturalmente, non me la sento di biasimare più di tanto chi fa (o parte...) dal "copia/incolla" della dosa rimediata in rete (essendo io un vecchio Perito Industriale, sono portato a procedere consultando manuali e tabelle), l'importante è che poi ci sia una "crescita", un interesse a capire il perchè si hanno aumenti di pressione qualche volta diminuendo la polvere e viceversa ecc.!
Essendo il nostro Bel Paese posizionato "per lungo" da Nord a Sud attorno al 43° parallelo, è logico che non ci possa essere di ogni cartuccia la "dose Filosofale" che va bene sempre e dappertutto! [:-golf][okk][brindisi]

fistione 25-01-21 12:20 PM

Quote:

Originariamente inviata da edo49 (Messaggio 1420581)
E' quasi superfluo che intervenga, condividendo appieno chi si è dedicato in modo Scientifico alla ricerca di caricamenti di cartucce, non dimenticando che, appena una trentina di anni fa, regnava una platea di cacciatori con Ignoranza Assoluta dell'argomento, anzi viziato da credenze popolari allora molto diffuse (come il "piombo caldo" che uccideva mentre quello "freddo" faceva "sangue") oppure che più polvere si abbondava e meglio fosse...Purtroppo accanto al progresso, Internet, come mezzo di informazione, ha propagato il Bene, ma anche il Male, permettendo una più vasta platea anche ai cialtroni e racconta balle... la Civiltà Informatica richiederebbe un Filtro nei confronti di questi ultimi, ma le leggi democratiche temono le censure, e gli incompetenti arrivano alle più alte Vette dello Stato. Cosa che temo molto, come Ingegnere, specie quando vedo sprecare Miliardi (a debito) nella Rivoluzione Informatica, che nei sogni dovrebbe portare Sviluppo e Crescita, ma se Mal gestita porteà solo vincoli burocratici automatici e ciechi e limitazioni di libertà. Speriamo negli Uomini di Buona Volontà ma con un pochina di Competenza tecnica, come ovunque. Saluti . Edo49

[okk]

In bocca al Lupo

---------- Messaggio inserito alle 11:20 AM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 11:15 AM ----------

Quote:

Originariamente inviata da vecchioA300 (Messaggio 1420584)
E anche questa modesta pratica (la ricarica) secondo me fa parte dell'estro italico, in poche parole, è un'arte.
Parlando di canna liscia, In America, Germania, Inghilterra, Francia, Spagna (per citare i paesi più grandi dove non mancano certo le tecnologie e le competenze produttive) si hanno in genere uno o 2 soli tipi di innesco, due o tre tipi di polveri (quasi tutte a doppia BASE) e pochi tipi di borraggio, in compenso hanno vari tipi di pallini di vario peso e durezza (ramati, nickelati, a vario tenore di antimonio, induriti, stampati, colati, teneri ecc.) ed anche poca varietà di bossoli, il tutto comunque non paragonabile alla varietà (soprattutto di polveri) che da noi è sempre stata a disposizione.
Con tutto questo ben di Dio, per noi veri appassionati (mai fatto un caricamento per risparmiare....) era inevitabile la sperimentazione alla ricerca del risultato migliore, anche nell'"estetica", come cita spesso l'amico e conterraneo Fistione.
Naturalmente, non me la sento di biasimare più di tanto chi fa (o parte...) dal "copia/incolla" della dosa rimediata in rete (essendo io un vecchio Perito Industriale, sono portato a procedere consultando manuali e tabelle), l'importante è che poi ci sia una "crescita", un interesse a capire il perchè si hanno aumenti di pressione qualche volta diminuendo la polvere e viceversa ecc.!
Essendo il nostro Bel Paese posizionato "per lungo" da Nord a Sud attorno al 43° parallelo, è logico che non ci possa essere di ogni cartuccia la "dose Filosofale" che va bene sempre e dappertutto! [:-golf][okk][brindisi]

L'estetica della cartuccia che si andrà a confezionare per me è elemento imprescindibile...e non parlo di eventuali e ben accette belle timbrature del bossolo...ma bensi di scelta dello stesso... e finitura delle chiusure. Porto un esempio che puo sembrare banale...l'orlo tondo che a mio modesto parere rimane, se ben eseguito il piu gradevole tra le chiusure, esprime il meglio come estetica di proporzioni nel bossolo da 67 mm....o da 65, nel 70 mm., salvo rare eccezioni stona e a me non piace.

In bocca al Lupo

Mugo 25-01-21 11:04 PM

Quote:

Originariamente inviata da ronin977 (Messaggio 1420562)
hai proprio ragione! si va avanti a velocità pazzesca e spesso stare dietro a tutto è impossibile...
Cmq sono daccordo il web è una enorme fonte di informazioni, bisogna pero saper trascendere tra le affidabili e quelle false, perchè c'è di tutto li!
Il confronto con altra gente esperta è utilissimo e serve ad arricchire la nostra conoscenza e colmare le nostre lacune.
I libri non sempre hanno tutte le risposte.
POi L'ESPERIENZA PERSONALE SUL CAMPOSERVE SEMPRE AL DI SOPRA DI TUTTO!
Un medico si forma in ospedale non all'università! e questo vale anche per tutti gli altri campi.

Concordo pienamente quanto da te detto caro Ronin e quanto detto da Fabribloc, io ho cominciato l'anno scorso,con la ricarica aiutato da un amico molto più esperto e poi ho seguito i tutorial,imparando da te stressandoti più volte anche in privato, e colgo l’occasione di ringraziarti ancora, ragionando sui tuoi aspetti un po’ differenti per le nostre parti, ma veramente super utili ottenendo ottime cartucce specialmente dispersanti,poi ancora imparando da Pinnici Garolini e altri, e tutto grazie al web che mi a permesso di avvicinarmi e essere consigliato da persone esperte, disponibili e gentili che mi rispondevano dopo lavoro, con infinita pazienza.
Poi ancora cercando su internet testi e recensioni per cercar di imparare, che passione mi son preso e che soddisfazione prelevare una beccaccia o un gallo con la propria cartuccia.
Scusate la mia franchezza.
Grazie a tutti per la disponibilità e la gentilezza e l’insegnamento.[:-clown]

fistione 25-01-21 11:36 PM

Ecco 2 paginette scritte decenni fa...potrebbe apparire di inutile utilita leggerle.....invece per il vero appassionato sarebbe importantissimo conoscere il percorso evolutivo di un componente cosi importante come il borraggio.....ripeto cio che ho sempre detto, conoscere il passato ci aiuta a vivere il presente...ma anche a buttare un occhio al futuro.

Pertanto, come ho scritto piu indietro il giusto mix tra questi elementi ci rendera veramente soddisfatti del ns percorso di appassionati....e di conseguenza delle ns cartucce.

In bocca al Lupo

Reinserisco le 2 paginette in PDF...per una migliore lettura.

In bocca aal Lupo

Peppe67 27-01-21 05:17 PM

Buon pomeriggio a tutti, entro in punta di piedi su un argomento come quello aperto dall'amico Fistione. Sono assolutamente d'accordo su quanto vuoi cercare di dire. tanto è che entro in punta di piedi su questo argomento. Personalmente ho iniziato molto piccolo a caricare con mio nonno e già a solo 5 anni passavo i bossoli o quello che il nonno mi chiedeva. Ora ne ho 54 di anni è ancora mi sento uno studente quando devo approcciare con una nuova polvere, o un nuovo assetto. Io credo che l'arte della ricarica non forma professori o esperti, forma solamente studenti la cui avidità nell'apprendere, scoprire, sperimentare è il vero motore. Venuta a mancare quella avidità, verrà a mancare il giusto per una cartuccia giusta e una cartuccia con una propria anima.

fistione 29-01-21 01:30 PM

Quote:

Originariamente inviata da Peppe67 (Messaggio 1421055)
Buon pomeriggio a tutti, entro in punta di piedi su un argomento come quello aperto dall'amico Fistione. Sono assolutamente d'accordo su quanto vuoi cercare di dire. tanto è che entro in punta di piedi su questo argomento. Personalmente ho iniziato molto piccolo a caricare con mio nonno e già a solo 5 anni passavo i bossoli o quello che il nonno mi chiedeva. Ora ne ho 54 di anni è ancora mi sento uno studente quando devo approcciare con una nuova polvere, o un nuovo assetto. Io credo che l'arte della ricarica non forma professori o esperti, forma solamente studenti la cui avidità nell'apprendere, scoprire, sperimentare è il vero motore. Venuta a mancare quella avidità, verrà a mancare il giusto per una cartuccia giusta e una cartuccia con una propria anima.

Ciao Giuseppe, infatti.....come in qualsiasi passione, anche la ricarica domestica non puo esimersi da una coscienziosa avidità di apprendimento, basta però che non diventi smania del tutto subito, cosa che invece oggi la fa da padrona.

In bocca al Lupo

fistione 29-01-21 01:41 PM

Un esempio di cosa puo significare progettare una cartuccia con componenti d'epoca....ovvero, accertatosi che la polvere del passato sia ancora perfettamente efficiente, bisognerà analizzare il bossolo, il suo buscione, l'innesco, se da sostituire e con cosa, il borraggio tradizionale, la sua qualità, caratteristica e sequenza di inserimento nel bossolo in base alla vivacità della polvere, alla sua risposta combustiva, alla grammatura di piombo, al tipo di chiusura...etc.

In bocca al Lupo

Yed 29-01-21 03:33 PM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1421231)
Un esempio di cosa puo significare progettare una cartuccia con componenti d'epoca....ovvero, accertatosi che la polvere del passato sia ancora perfettamente efficiente, bisognerà analizzare il bossolo, il suo buscione, l'innesco, se da sostituire e con cosa, il borraggio tradizionale, la sua qualità, caratteristica e sequenza di inserimento nel bossolo in base alla vivacità della polvere, alla sua risposta combustiva, alla grammatura di piombo, al tipo di chiusura...etc.

In bocca al Lupo

NG 64, bossoli bleu Leon Beaux 70mm, innesco Vix Nox , borre in feltro finite (disponibile chimico) , cartalana 4mm , cartoncini soprapolvere neri , piombo 6/8 , orlo tondo B.d.C., cartoncini fini numerati o in plastica a frattura.

Cosa ne potremmo fare ?[:-bunny] [:D]

fistione 29-01-21 04:23 PM

Quote:

Originariamente inviata da Yed (Messaggio 1421258)
NG 64, bossoli bleu Leon Beaux 70mm, innesco Vix Nox , borre in feltro finite (disponibile chimico) , cartalana 4mm , cartoncini soprapolvere neri , piombo 6/8 , orlo tondo B.d.C., cartoncini fini numerati o in plastica a frattura.

Cosa ne potremmo fare ?[:-bunny] [:D]

Beh...hai dei bossoli con un innesco non piu affidabile...e che tendono ad arrugginire internamente, borraggio incoerente non adatto a caricare polveri Nobel glascow che necessitano di borre in feltro di eccellente qualita e rigide, spessori in cartalana che allo sparo creano coriandoli....

In bocca al Lupo

Yed 29-01-21 04:32 PM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1421265)
Beh...hai dei bossoli con un innesco non piu affidabile...e che tendono ad arrugginire internamente, borraggio incoerente non adatto a caricare polveri Nobel glascow che necessitano di borre in feltro di eccellente qualita e rigide, spessori in cartalana che allo sparo creano coriandoli....

In bocca al Lupo

Peccato, la buttiamo sul moderno allora ? [:D]
x cal 20:

Bossolo Fiocchi con 616 70 mm oppure con 615, borre gualandi varie , dischetti a frattura o sughero 2 mm nudo, orlo tondo BdC.[:-bunny][:D]

fistione 29-01-21 09:31 PM

Quote:

Originariamente inviata da Yed (Messaggio 1421270)
Peccato, la buttiamo sul moderno allora ? [:D]
x cal 20:

Bossolo Fiocchi con 616 70 mm oppure con 615, borre gualandi varie , dischetti a frattura o sughero 2 mm nudo, orlo tondo BdC.[:-bunny][:D]

Ammesso che la tua NG64 sia ancora perfetta...
20 70 616 1,45x27 (8) LB6 con sugh int mm 17 ot su sughero a frattura cf mm 64,70
Media su 3 colpi, temp 20 gradi umidita 55% canna cil.
Tc 3150
V1 388
P max 765 bar

In bocca al Lupo

Yed 30-01-21 11:49 AM

Quote:

Originariamente inviata da fistione (Messaggio 1421305)
Ammesso che la tua NG64 sia ancora perfetta...
20 70 616 1,45x27 (8) LB6 con sugh int mm 17 ot su sughero a frattura cf mm 64,70
Media su 3 colpi, temp 20 gradi umidita 55% canna cil.
Tc 3150
V1 388
P max 765 bar

In bocca al Lupo

Lorenzo,
Non ho lb6, metto un sugherino del 28 sulle gualandi ?

Per verifica parto con dose più bassa (1.40) e misuro la V1 ?
Grazie

fistione 30-01-21 12:05 PM

Quote:

Originariamente inviata da Yed (Messaggio 1421347)
Lorenzo,
Non ho lb6, metto un sugherino del 28 sulle gualandi ?

Per verifica parto con dose più bassa (1.40) e misuro la V1 ?
Grazie


puoi mettere una sg gualandi di giusta altezza....con 1,40 avrai una cartuccia buona se chiudi con stellare.
Per avere certezza che la tua polvere e' ancora buona esiste solo il test in c.m.....il resto di prove empiriche ti fara solo impazzire.

In bocca al lupo

fistione 02-02-21 12:15 PM

Buongiorno, ecco una piccola rassegna di bossoli in cartone cal 20 a marca polvere....un tempo andare in armeria a comprare bossoli era una cosa meravigliosa, oggi, nella migliore delle ipotesi tutto si riduce ad uno sterile sacchetto di plastica trasparente con dentro bossoli anonimi e non di rado di qualità appena passabile.

Con questi bossoli si che era un piacere mettere a punto una cartuccia...

In bocca al Lupo

roberto barina 02-02-21 12:54 PM

Hai perfettamente Ragione Amico caro, e oltre alle stampe con i vari loghi anche il colore e la finitura del cartone che sono di un'altro pianeta rispetto ai bossoli attuali
Ciao a presto Roberto

fistione 02-02-21 12:59 PM

Quote:

Originariamente inviata da roberto barina (Messaggio 1421762)
Hai perfettamente Ragione Amico caro, e oltre alle stampe con i vari loghi anche il colore e la finitura del cartone che sono di un'altro pianeta rispetto ai bossoli attuali
Ciao a presto Roberto

[okk][:-golf]

In bocca al Lupo

specialista 02-02-21 03:41 PM

Caro Lorenzo, che spettacolo codesti bossoli, quando finisce questo COVID di cacca, speriamo quanto prima, vengo a trovarti, tanto sei a un tiro di spingarda, almeno respiro un po’ d’aria d’altri tempi, complimenti davvero!!!
Saluti.

fistione 03-02-21 01:30 PM

Quote:

Originariamente inviata da specialista (Messaggio 1421792)
Caro Lorenzo, che spettacolo codesti bossoli, quando finisce questo COVID di cacca, speriamo quanto prima, vengo a trovarti, tanto sei a un tiro di spingarda, almeno respiro un po’ d’aria d’altri tempi, complimenti davvero!!!
Saluti.

Buongiorno Enrico, quando vuoi....

In bocca al Lupo


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 10:04 PM.

Powered by vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd. Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile

User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2022 DragonByte Technologies Ltd.