Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 23-11-21, 11:10 PM  
maurob
Utente abituale
 
Registrato dal: Jun 2012
ubicazione: lodrino
Messaggi: 339
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 214 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da ALE Visualizza il messaggio
le differenze comunque sono cospique, la canna s.etienne deriva da una concezione "vecchia" di costruzione delle canne con forature coni di raccordo, relative angolazioni e strozzature con relativo bocchetto molto diverso da una canna crio.... che sarebbe meglio dividerla tra le prime e quelle attuali....
le canne crio, comunque calcavano parecchio il modo di lavorazione del metallo utilizzando come dice il nome della canna la tecnica del freddo.... con conseguente " bonifica" che doveva stressare meno il metallo.
La foratura coni e strozzatura... -che poi sono quasi tutte con strozzatori amovibili- sono fatte comunemente come le altre benelli.... forse con qualche cura in piu ai coni e angolazioni.
Quelle di oggi, sui power bore etc... pare siano forate con range da 18.31 in poi, quindi piu' consone al nostro modo di utilizzarle.
di sicuro no possiamo parlare sempre di foratura piu' larga nei crio.... perche' spesso trovi dei s.etienne forati 18.4 che sono le forature piu' comuni nei crio... proprio la lavorazione interna diversa, con strozzature (fisse nelle francesi) fatte a mio avviso molto bene.... spesso ho riscontrato *** stelle con 5.5 decimi o ** forate 8,5 quindi canne ai limiti del loro valore nominale..... Nei crio ci sono gli strozzatori... e dobbiamo misurare quelli... (non ho mai visto una crio fissa... per poterne parlare)
Certo, le prime uscite.... hanno fatto parlare un po' tanto di loro.... con fucili venduti dopo pochi mesi....... ricordo che una squadra di qui avezzi al tour in spagna da miguel... sono partiti in 6 con 3 crio 2 beretta greystone e altro non pervenuto.... al ritorno i benelli erano gia' in vendita..!

Tuttavia, chi lo ha tenuto e perseverato nell'uso, oggi non si lamenta, probabile che piu' di un fattore legato alla costruzione della canna foratura e strozzatori abbinati, ne decreti un fucile da comprendere un pochetino.
saluti
Correggo solo un piccolo particolare per semplice chiarimento tecnico:
il trattamento criogenico non ha niente a che vedere con la bonifica, la bonifica (trattamento termico di tempra+successivo rinvenimento) viene eseguita in acciaieria durante la produzione della barra grezza e serve per migliorare le "caratteristiche meccaniche e di resistenza" dell'acciaio.
Il trattamento criogenico invece una sorta di trattamento di distensione dell'acciaio che serve per eliminare eventuali tensioni provocate dalle lavorazioni meccaniche, principalmente di foratura e tornitura nel caso delle canne.

Inviato dal mio SM-A315G utilizzando Tapatalk
maurob non  in linea   Rispondi quotando
Grazie lacopo giuseppe, ALE Ha ringraziato per questo post