Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 06-10-21, 06:16 PM  
matteo1966
Guru del forum
 
L'avatar di matteo1966
 
Registrato dal: Apr 2010
ubicazione: Liguria
Messaggi: 1,580
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 553 Post(s)
predefinito

Ciao a tutti,
caccio anche io da tanti anni (oltre 45, sigh) in apnea.
Mi piace la pesca estiva in medio/alto fondale a dentici, orate, corvine e ricciole e quella invernale in basso, dove le spigole sono la preda regina.

Non sparo praticamente mai alla cernia, non mi dà alcuna soddisfazione venatoria, solo culinaria.
Per come la trovo io - che in profondità non pesco in tana ma solo all'aspetto e, se non troppo fondo, lo alterno all'agguato- trovo che sia un tiro molto semplice a un animale praticamente immobile. L'unica difficoltà sta nel recupero se non l'hai fulminata e non sei riuscito a non farla arroccare profondamente nella sua tana.

La spigola in inverno mi dà invece grandissima soddisfazione anche per la sua imprevedibilità e, a volte, nella difficoltà del tiro. Quando decide di venire viene senza esitazioni e spesso la devi sparare di muso perchè, se te la fai venire troppo vicino, rischi che in un attimo alzi le spine e scodi via, lasciandoti con un palmo di naso senza avere neanche sparato.
Se non vuole venire, non c'è bolla emessa o richiamo fatto (a volte funzionano), che le fa cambiare idea.

Pesci troppo diversi, benchè entrambi serranidi, per poterli paragonare.
Ma, come detto, trovo la spigola più difficile e di maggior soddisfazione.
Saluti a tutti, matteo
__________________
La mia presentazione https://www.ilbraccoitaliano.net/foru...ad.php?t=24731
matteo1966 non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace trikuspide, oreip, enrico.83 Piace questo post