Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 21-09-22, 09:46 AM  
matteo1966
Guru del forum
 
L'avatar di matteo1966
 
Registrato dal: Apr 2010
ubicazione: Liguria
Messaggi: 1,632
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 576 Post(s)
predefinito

Cristian e Marco, apprezzo e capisco le vostre risposte.
Non intendevo certo "abbocchi", so che i cani in questa competizione sono di livello.
Parlavo dello stress di far volare, magari diverse volte, dei gallotti che, se quest'anno erano già belli, altri parevano delle starne.
Vero che nella vallata del Plateau, del Tombino, della Terza e del Sanremo appena possibile ci sono decine di cacciatori ad allenare i cani
Detto ciò, vero che i problemi del forcello sono ben altri.
Dalle mie parti anni fa c'erano più cacciatori e la pressione venatoria era elevata con prelievi importanti (il Conte prendeva 40 galli a stagione, il suo successore poco meno). Però a fine ottobre scendeva un metro di neve e la montagna rimaneva tranquilla e deserta fino al giugno successivo. Risultato, ad agosto le nidiate erano tutte al loro posto ed ogni femmina aveva i suoi 6/8/10 piccoli.
Si rispettavano naturalmente le femmine e, in certi casi (gestore delle Navette e gestione del versante francese da parte della mia famiglia), per quanto possibile si evitava e si evita di sparare al maschio adulto prediligendo i giovani dell'annata.
Oggi pochi cacciatori, prelievi minimi e galli in sofferenza. Perchè?
Perchè non nevica più in primis. Il gallo ha bisogno di neve nella quale scava le sue crune, si infila sotto ai rododendri (che fanno un tetto alla neve) e lì trova tranquillità, protezione dai predatori, "caldo" e qualcosa da mangiare.
Perchè in inverno in montagna ci sono comitive di ciaspolatori e sciatori con pelli (tutti rigorosamente anticaccia!) che disturbano nelle zone di svernamento. Il gallo perde quasi la metà del peso corporeo in quel periodo, non tollera di essere levato in continuazione.
Perchè a causa degli inverni miti e della ormai limitata attività pastorizia l'ambiente si è deteriorato: rododendro, ontano, rosa canina e altre specie invasive hanno conquistato il territorio rendendolo poco idoneo alla selvaggina.
Le ultime due o tre stagioni riproduttive sono state buone. Speriamo continui così. Ma il numero di nidiate sul territorio è quasi la metà di 30 anni fa....
__________________
La mia presentazione https://www.ilbraccoitaliano.net/foru...ad.php?t=24731

Ultima modifica di matteo1966; 21-09-22 a 11:23 AM
matteo1966 non è in linea   Rispondi quotando
Grazie oreip, marbizzu Ha ringraziato per questo post
Mi piace oreip, elsa, Max54, Bayliss, marbizzu and 2 altri Piace questo post