Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 13-05-21, 01:57 AM  
fulviogp
Utente abituale
 
L'avatar di fulviogp
 
Registrato dal: Dec 2015
ubicazione: Torino
Messaggi: 589
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 442 Post(s)
predefinito

Questi signori occorre affrontarli su tematiche reali e concrete, possibilmente pubbliche, e senza grosse difficoltà finiscono all'angolo e subito dopo al tappeto.
Io, quando ho tempo da perdere, li affronto a viso aperto e se è vero che ci sono persone che nella propria ignoranza, quella buona, gli danno retta, leggendo anche i commenti di chi li mette in difficoltà di fronte alla realtà, generalmente prendono coscienza che non si vive nel paese dei balocchi, occorre però affrontarli, ed è spesso dura farlo in modo educato, ma non bisogna mettersi al loro livello e dare a chi legge motivi di dubbio.
Ovviamente ascoltare certi "video" può essere pesante, lo ripeto, ma indispensabile a controbattere punto per punto.
Ad una delle loro conferenze pro cinghiale e contro l'abbattimento, nella quale se la cantano e se la suonano, dopo che già in precedenza in altra occasione risposi senza essere contattato, stavolta ho avuto risposta, risposta che fa persino tenerezza da quanto è banale e senza sostanza.


Io:Purtroppo, per iscritto, è difficoltoso esprimere brevemente concetti che impiegano minuti a voce.
Il sig. Meyer, in merito al parere dei tecnici che sostengono che gli abbattimenti non servono, ha detto una mezza verità, e mi spiego. I tecnici sostengono che l’errore è vero che sta nel fatto di abbattere erroneamente le cosiddette femmine alfa ma che occorre, per ridurne il sovrannumero, incidere sulle classi più giovani e non sospendere gli abbattimenti.
Oggi in Italia vi sono circa 2 milioni di cinghiali, ok?
Sospendiamo gli abbattimenti, le femmine alfa continuano comunque a partorire, o no? Si.
Supponiamo che il rapporto fra cinghiali e femmine alfa/partorienti sia anche solo 1 a 20, ma è superiore, sarebbero 100.000 scrofe che partoriranno almeno 10 piccoli a testa e, per stare proprio dalla parte ottimistica, solo il 50% dei piccoli sopravvive e si avrà un incremento al primo anno di 500.000 cinghiali (sono calcoli ottimistici al basso, oggi pare che mediamente i cinghiali raddoppino annualmente).
Fate ora un calcolo per i prossimi 5 anni e ditemi quanti saranno nel 2026.
Ritenete che sia una strada praticabile senza controindicazioni anche serie?
Sterilizzazione farmacologica: un’utopia.
Come si pensa di farla assumere sull’intero territorio nazionale a centinaia di migliaia di femmine?
Colonie feline: si potrebbe parlare parecchio di questo problema, perché spesso è tale, soprattutto in zone periferiche, dove i gatti alimentati e curati subiscono poco/nulla la selezione naturale e fanno ingenti danni ad esempio sull’avifauna e piccoli mammiferi (ci sono approfonditi studi stranieri in merito) oltre al problema, perché tale è, dell'abbandono di cibo che attira selvatici vari.
Il caso Roma: per l’abbattimento di un gruppetto di cinghiali ho visto persone stracciarsi le vesti mentre pochi anni fa, 4 o 5 mi pare, quando hanno chiuso il Colosseo per un giorno per fare una derattizzazione, nessuno ha detto nulla, animali di serie A e animali di serie B…. L'etica temo abbia dei confini.
Nelle aree protette non è vero che si può andare a caccia liberamente, ma si effettuano esclusivamente abbattimenti coordinati da personale della provincia e/o d Enti Parco, previe autorizzazioni degli enti preposti con un lungo e giusto iter avvallato dall’ISPRA.
Purtroppo “conferenze” senza contradditorio, sia pur con buone intenzioni, sono un po’ sterili e rimangono la sola espressione di una parte e soprattutto non servono a far crescere chi ascolta, senza conoscenze, ma che vorrebbe capire/imparare e si rischia di far passare messaggi a senso unico, vero è che se mi parlo addosso ho sempre ragione…. ma non penso, spero, sia la vostra volontà.
Cordialità.


Risposta: Effettivamente era proprio una volontà quella di non aver un "contradditorio" se così lo vuole chiamare. Difatti il contradditorio siamo noi e siamo noi quelli esclusi dalle decisioni che vengono prese in merito a queste tematiche. Per quanto le sue opinioni abbiano un senso logico all'interno della cultura che accetta per me la sua cultura non è accettabile. Dunque non condivido nulla di quanto da lei espresso perché non ne condivido i presupposti. Mi sembra abbastanza difficile avere una discussione simile per il lancio di una campagna mediatica. Tuttavia se vuole un confronto pubblico sono disponibile.

---------- Messaggio inserito alle 12:49 AM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:30 AM ----------

Facebook a riguardo dei lupi (uno dei tanti).
I lupi sono troppi!
Non è vero è colpa degli ibridi!
Ecco le due affermazioni che più vengono lette nei social a riguardo di attacchi a bestiame.
Vi posto il dialogo pacato con uno dei "protettori", meno invasato della media, seppur convinto, che alla fine si è reso conto del suo errato credo e, come preventivavo, è scappato, ma sicuramente ha capito, che è l'obbiettivo da raggiungere.
Lui: Ma quanti di questi sono ibridi? È questo il problema
Io: Così, giusto per capire, se fosse come dice lei, come andrebbero gestiti tutti questi ibridi?
Lui: non lo so, non sono un esperto, ma certamente per la purezza della razza questi incroci non fanno bene. Senza contare, a quanto dicono gli esperti, che gli ibridi sono più pericolosi dei lupi veri, forse perché hanno istintivamente meno paura dell'uomo.
Io: Abbattimento?
Lui: no, questo MAI, magari sterilizzarli ma non credo sia possibile. Guardi che è esattamente lo stesso problema che si sta verificando negli incroci tra stambecchi e capre. Ne esce fuori una razza notevolmente più indebolita.
Io: C'è un problema, il problema crea danni potenzialmente irreversibili sulla razza pura, la sterilizzazione, che non elimina comunque i problemi sociali, è impossibile da attuarsi o quasi, gli abbattimenti mai e quindi? Guardi che purtroppo con le sole parole e la demagogia non si arriva a nulla. Qui si sentono solo commenti, non mi riferisco a Lei nello specifico, al 99% inutili e senza soluzioni....
Lui: credo che il contenimento del profilerare degli ibridi farebbe bene a tutta la causa, perché quelli che provocano più paura nelle persone sono proprio gli ibridi per la loro minor paura nel contatto con gli uomini. Da questa situazione ci rimettono anche i lupi "puri"
Io: Quindi? Il MAI inizia a diventare un Purtroppo?
Lui: ma non lo so, ho premesso che non sono un tecnico, non ho soluzioni. Spero che le abbiano gli esperti.
Io: Sta svicolando, abbiamo snocciolato le possibilità che ora sono sul tavolo: se dovesse scegliere fra la perdita della razza pura e l'eliminazione degli ibridi cosa sceglie? Non scappi.


Sparito! Non ha più risposto, ma solo per non accettare la realtà in pubblico ma ha sicuramente capito ed ora ha motivo di discussione interiore.

---------- Messaggio inserito alle 12:56 AM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:49 AM ----------

Sempre sui lupi che si avvicinano ai centri abitati:
Animalista sfegatata:Luogo di origine è invaso da umani...quindi? Cosa rimane alla fauna selvatica se il loro territorio è sempre più piccolo..e si ritrovano tra le case che avanzano divorando il loro habitat..e anche nei pochi spazi rimasti..non hanno pace aggrediti e, uccisi nella loro casa naturale insieme alle loro prede naturali di cui non possono più disporre per nutrirsi, rubate da cacciatori e bracconieri..vergogna.. , sadici psicopatici socialmente pericolosi, come psichiatria , definisce coloro che uccidono indifesi..
Io: Dico io, perché, se vi appassiona un argomento, non leggete e vi informate? Pigrizia?
In Italia circolano 2.000 lupi ed a marzo è terminato il censimento nazionale che, sicuramente, ne accrediterà un aumento ed hanno a disposizione, circolanti in Italia:
• 2 milioni di cinghiali
• circa un milione di nutrie
• migliaia di ungulati fra caprioli, cervi, camosci, mufloni, stambecchi, daini, ecc….
• oltre a fauna minore come conigli selvatici, lepri, minilepri, ecc…
e lei, in buona compagnia, dice che si avvicinano ai centri umani per fame, a causa di carenza di prede naturali? Provi a suddividere il numero di prede per quello dei lupi e si renderà conto delle disponibilità alimentari che hanno.
Territorio?
https://www.ilsole24ore.com/.../in-i...mai-cosi-tante....
Eh basta, sembrate un disco rotto, invece di scrivere strafalcioni, occupate un po' di tempo in letture serie anziché ripetere come pappagalli idiozie facebookiane. Studiate e leggete testi seri, uscite dai social, non potrete che trarne benefici per il vostro sapere e poter finalmente giudicare in modo coerente. Cordialità.


Zero risposta! Scomparsa!
L'importante è però che altri hanno letto, like a parte, e si fanno un'idea delle idiozie scritte a ripetizione da invasati stolti....

---------- Messaggio inserito alle 12:57 AM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:56 AM ----------

OK, non scrivo più, altrimenti sparite anche voi!
fulviogp non è in linea   Rispondi quotando
Grazie Livia1968, matteo1966, pointer56, Babutz, enrico.83 Ha ringraziato per questo post