Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 22-08-15, 03:09 AM   #35
arfo
Guru del forum
 
Registrato dal: Feb 2013
ubicazione: Provincia di Lodi
Messaggi: 1,454
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 127 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da michele14 Visualizza il messaggio
Per il sig. Edo.
Sicuramente quello che dice è vero. Noi siamo sempre stati un po arretrati nello sviluppo, forse lo siamo ancora adesso. Noi nelle guerre avremo fatto meglio a non partecipare. Ma all'epoca c'era la mentalità della colonizzazione e noi come stato giovane e non ancora pronto volevamo strafare senza avere però la possibilità economica di farlo.

Il 91, da quello che ho capito, era un fucile onesto ed affidabile, anche se tanti lo criticano. Ma, in particolare nella seconda guerra mondiale, bisognava avere qualcosa di più efficiente. Non solo il fucile è ovvio.

La seconda guerra l'abbiamo persa ma la prima non è che l'abbiamo stravinta. Se non fosse per l'aiuto di altri stati, ci avrebbero rotto le corna!!

Comunque bisogna anche dire che abbiamo avuto pure noi momenti di gloria e di grande valore e coraggio, che ci fanno onore al pari di altri stati più grandi e forti di noi. I più belli monumenti realizzati su tema militare, per me non sono i grandi generali famosi per aver fatto questo o quell'altra cosa, ma il più bello e grande per me, è il monumento al milite ignoto.
Mi sa che sono uscito fuori tema. Mi scuso.
Ciao
Chissà perché è così diffusa la convinzione che l'Italia nella Prima guerra mondiale abbia "sfigurato" rispetto alle altre nazioni belligeranti...spesso poi si tende a mettere sullo stesso piano la Prima e la Seconda, ma furono due guerre totalmente diverse: se è vero che l'Italia fascista era assolutamente impreparata alla guerra che sciaguratamente cercò - lo era la Germania, figuriamoci noi - ciò non vale per il 15/18. Nella Grande Guerra si può dire che pressappoco tutti gli eserciti si equivalessero per armamenti, per equipaggiamenti, per convinzioni tattiche, per mentalità e piani strategici degli stati maggiori e per formazione degli ufficiali. L'Italia non venne salvata da nessuno, fornì un non trascurabile contributo alla vittoria finale e diede prova di grande compattezza nazionale.

Comunque non ci sono dubbi: avremmo fatto bene a non combattere né l'una né l'altra guerra. E questa è una verità valida per tutti e per tutte le guerre della storia. Ma l'uomo non si stancherà mai di dimostrare quanto è stupido...

Scusate l'OT!

Inviato dal mio telefonino con Tapatalk
arfo non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace N/A Piace questo post