Il forum sulla caccia e sulla cinofilia

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I Forum sulla caccia > Il ritrovo del cacciatore

Avvisi

Grazie Grazie:  0
Mi piace Mi piace:  0
Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 28-01-22, 06:22 AM   #1
Loris
Guru del forum
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Verona
Messaggi: 1,559
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 59
Grazie (Ricevuti): 67
Mi piace (Dati): 176
Mi piace (Ricevuti): 404
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 422 Post(s)
predefinito Nuovo piano faunistico veneto

Non ho ancora letto il testo integrale ma da quanto traspare una nuova battuua d'arresto per la caccia. La densità ettari / cacciatori x ambito, viene portata dal 6 a 14 per cui molti dovranno abbandonare l'ambito presso cui hanno finora cacciato. Poi il comitato di gestione composto da tre caciatori e tre cosidetti ambientalisti (anticaccia) ecc.. Il presidente eletto non più dai cacciatori ma dal direttivo. La possibilità dei contadinii di precludere la caccia sulle loro proprietà (sarà una corsa alle tabellazioni). Attendo di informarmi sul resto. Le associazioni maggioritarie come sempre non si spendono per contrapporsi a questa nuova e oserie dire pesantissima vessazione ai danni dei cacciatori.
Loris non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-01-22, 07:08 AM   #2
Luca1990
Utente abituale
 
L'avatar di Luca1990
 
Registrato dal: Mar 2020
ubicazione: Provincia di Venezia
Messaggi: 366
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 7
Grazie (Ricevuti): 31
Mi piace (Dati): 119
Mi piace (Ricevuti): 219
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 247 Post(s)
predefinito

La struttura del piano rimane la stessa del precedente. Non ci sono grossi cambiamenti. È stato fatto un ricalcolo della superficie cacciabile alla luce della perdita di territorio (pensiamo a quante strade case e zone industriali sono nate negli ultimi 15 anni)..

Sinceramente l’aumentare la superficie pro capite la vedo solo una cosa positiva.. non credo che ci sará un problema di aver troppi cacciatori specialmente nei prossimi 4/5 anni.. poi se sei iscritto in un atc e continui a pagare la quota non credo che possano buttarti fuori. Ciò presumo che valga per le prossime nuove iscrizioni).

La possibilità di vietare l’attività venatoria sul proprio terreno esiste da sempre e si chiama “fondo chiuso”..

Quindi Loris ti invito a leggerlo bene questo piano ed aspettare la sua applicazione.. non è detto che non sia un buon piano..come sempre io credo che la differenza vera la faccia il comitato e il gruppo di lavoro che si crea attorno ad un atc.
Se c’è una buona squadra di volontari i risultati si vedono.. almeno nel mio atc è così

Poi ricordiamoci che un comitato che lavora male può essere cambiato.. basta votare contro il bilancio è l’atc viene commissariato..


La cosa che manca all’interno del piano faunistico secondo me è l’obbligo per ogni atc di avere una figura tecnica di consulenza il cosiddetto tecnico faunista e di prevedere piano di gestione per le specie stanziali anche in pianura.

Il problema vero credo sia il fatto che siamo sempre sotto scacco del tar e dei ricorsi animalisti.
A ciò aggiungo che ispra purtroppo non è organismo tecnico di riferimento imparziale ma molto politicizzato e questo crea dei grossi problemi.

Quindi come sempre i morti si contano alla fine.. aspettiamo e vediamo che succede.
Luca1990 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-01-22, 07:16 AM   #3
Loris
Guru del forum
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Verona
Messaggi: 1,559
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 59
Grazie (Ricevuti): 67
Mi piace (Dati): 176
Mi piace (Ricevuti): 404
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 422 Post(s)
predefinito

La valutazione di Sergio Berlato, che conoscerai sicuramente, è oltremodo negativa...es. dare la possibilita a quanti la chiedono di precludere la caccia sui loro territori, qui da noi, vuol dire fine della caccia. Avere tre esponenti ambientalisti all'interno del direttivo ATC e l'elezione del presidente non più dalla base ma dal direttivo non mi pare democratico. Attendiamo comunque notizie. Il tuo ottimismo comunque mi incoraggia.
Ciao
Loris non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-01-22, 07:34 AM   #4
Luca1990
Utente abituale
 
L'avatar di Luca1990
 
Registrato dal: Mar 2020
ubicazione: Provincia di Venezia
Messaggi: 366
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 7
Grazie (Ricevuti): 31
Mi piace (Dati): 119
Mi piace (Ricevuti): 219
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 247 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Loris Visualizza il messaggio
La valutazione di Sergio Berlato, che conoscerai sicuramente, è oltremodo negativa...es. dare la possibilita a quanti la chiedono di precludere la caccia sui loro territori, qui da noi, vuol dire fine della caccia. Avere tre esponenti ambientalisti all'interno del direttivo ATC e l'elezione del presidente non più dalla base ma dal direttivo non mi pare democratico. Attendiamo comunque notizie. Il tuo ottimismo comunque mi incoraggia.
Ciao
Pensavi che Berlato potesse essere favorevole?
È facile criticare ma quando era lui consigliere di maggioranza e presidente della terza commissione perché non ha spinto per fare allora il piano faunistico?
Non è che forse fa più comodo stare sempre all’opposizione e criticare tutto ciò che viene fatto piuttosto che mettersi in gioco e dialogare anche con chi non ci sta simpatico (leggi Fidc)?


I cosiddetti esponenti ambientalisti ci sono anche adesso in ogni atc così come gli esponenti delle associazioni agricole..spesso sono essi stessi cacciatori (vedi eko club o fondazione UNA)..

Si possono precludere zone alla caccia motivatamente (es agriturismi-fattorie didattiche o aziende agricole che hanno colture particolari) al massimo fino al 1% del tasp (territorio agro Silvio pastorale)..

Sull’elezione del presidente ho qualche perplessità anche io..

Comunque come sempre contano le persone e la passione e la finalità che ci mettono nel fare le cose.
Stiamo a vedere.. intanto aspettiamo di vedere i nuovi comitati che andranno a formarsi nei prossimi giorni
Luca1990 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-01-22, 10:46 AM   #5
Loris
Guru del forum
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Verona
Messaggi: 1,559
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 59
Grazie (Ricevuti): 67
Mi piace (Dati): 176
Mi piace (Ricevuti): 404
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 422 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Luca1990 Visualizza il messaggio
Pensavi che Berlato potesse essere favorevole?
È facile criticare ma quando era lui consigliere di maggioranza e presidente della terza commissione perché non ha spinto per fare allora il piano faunistico?
Non è che forse fa più comodo stare sempre all’opposizione e criticare tutto ciò che viene fatto piuttosto che mettersi in gioco e dialogare anche con chi non ci sta simpatico (leggi Fidc)?


I cosiddetti esponenti ambientalisti ci sono anche adesso in ogni atc così come gli esponenti delle associazioni agricole..spesso sono essi stessi cacciatori (vedi eko club o fondazione UNA)..

Si possono precludere zone alla caccia motivatamente (es agriturismi-fattorie didattiche o aziende agricole che hanno colture particolari) al massimo fino al 1% del tasp (territorio agro Silvio pastorale)..

Sull’elezione del presidente ho qualche perplessità anche io..

Comunque come sempre contano le persone e la passione e la finalità che ci mettono nel fare le cose.
Stiamo a vedere.. intanto aspettiamo di vedere i nuovi comitati che andranno a formarsi nei prossimi giorni
Dialogare spesso è difficile ...puoi dialogare con Zanoni? Non ho preclusioni x nessuna associazione solo che federcaccia ha sovente subito passivamente situazioni non prorio conformi alla pratica venatoria. Riguardo al consiglio direttivo non mi risulta che attualmente sia composto anche di tre pseudo ambientalisti..poi che siano cacciatori non mi pare. Relativamente ai territori preclusi alla caccia...qui da noi sono solo monocolture, vigneti....le vedo difficile, comunque speriamo. Certo gredirei l'opinione dei rappresentanti delle assocoazioni venatorie riconosciute...tutto tace!!
Loris non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 02-02-22, 10:40 AM   #6
pointer56
Guru del forum
 
Registrato dal: Sep 2013
ubicazione: Pordenone
Messaggi: 4,925
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 126
Grazie (Ricevuti): 341
Mi piace (Dati): 408
Mi piace (Ricevuti): 1770
Menzionato: 7 Post(s)
Quotato: 2461 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Luca1990 Visualizza il messaggio
.....
La possibilità di vietare l’attività venatoria sul proprio terreno esiste da sempre e si chiama “fondo chiuso”....
Quote:
Originariamente inviata da Loris Visualizza il messaggio
.... dare la possibilita a quanti la chiedono di precludere la caccia sui loro territori, qui da noi, vuol dire fine della caccia.
Loris, leggi cosa ha scritto Luca: fa riferimento alla norma di legge, il "famoso" art.842 del Codice Civile, che recita: "Il proprietario di un fondo non può impedire che vi si entri per l'esercizio della caccia, a meno che il fondo non sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno." Questa norma esiste dal 1942 ed è tuttora in vigore (non per niente è stata oggetto di un paio di referendum abrogativi proposti dagli anticaccia).
Dunque non è assolutamente possibile precludere la caccia su un determinato terreno se non in forza di una disposizione di legge, abrogativa/modificativa dell'art.842, cosa che un piano faunistico non è.
Calma, dunque, nessun allarmismo.
pointer56 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 02-02-22, 01:49 PM   #7
Loris
Guru del forum
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Verona
Messaggi: 1,559
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 59
Grazie (Ricevuti): 67
Mi piace (Dati): 176
Mi piace (Ricevuti): 404
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 422 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da pointer56 Visualizza il messaggio
Loris, leggi cosa ha scritto Luca: fa riferimento alla norma di legge, il "famoso" art.842 del Codice Civile, che recita: "Il proprietario di un fondo non può impedire che vi si entri per l'esercizio della caccia, a meno che il fondo non sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno." Questa norma esiste dal 1942 ed è tuttora in vigore (non per niente è stata oggetto di un paio di referendum abrogativi proposti dagli anticaccia).
Dunque non è assolutamente possibile precludere la caccia su un determinato terreno se non in forza di una disposizione di legge, abrogativa/modificativa dell'art.842, cosa che un piano faunistico non è.
Calma, dunque, nessun allarmismo.
L'art. 842 sancisce la possibilità di cacciare nei terreni non inclusi in fondo chiuso e dove non vi sono colture in atto...giusto! Bene, qui da noi vi sono vigneti tabellati dove non si caccia anche dopo la raccolta dell'uva (Zone sottratte alla caccia) Nelle colture di peschi, meli ecc. vietata la caccia anche dopo la raccolta..nemmeno il cane può entrare. Ovviamente divieto di caccia nelle monocolture di soia, mais, tabacco, riso, verdure di tutte i tipi. In pratica nell'ATC 1 di Verona cacci solo nelle stoppie e zone boschive praticamente inesistenti. Finora c'era una certa tolleranza anche perchè le richieste di preclusione avvenivano ogni cinque anni, ora col nuovo PFR annualmente. Forse la tua realtà è differente per cui ti è difficile comprendere. Non riesco a vedere il bicchiere mezzo pieno e mantenere la calma mi pare insensato, nel senso che gradirei una presa di posizione da parte da chi ci rappresenta..sempre che esistano.
Cordialità
Loris non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 02-02-22, 03:27 PM   #8
Luca1990
Utente abituale
 
L'avatar di Luca1990
 
Registrato dal: Mar 2020
ubicazione: Provincia di Venezia
Messaggi: 366
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 7
Grazie (Ricevuti): 31
Mi piace (Dati): 119
Mi piace (Ricevuti): 219
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 247 Post(s)
predefinito

Non conosco la situazione degli atc di Verona.. credo ci sia un territorio antropizzato e con colture di pregio.. il fatto di avere molte zone chiuse a macchia di leopardo non lo vedo necessariamente come un male.. penso al fatto che gli animali (lepri e fagiani) hanno più possibilità di salvarsi in queste zone dove la caccia è chiusa. Certo che se ci sono molte zone chiuse e poche cacciabili di conseguenza si dovrebbe ricalcolare i parametri di densità venatoria
Luca1990 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 02-02-22, 05:44 PM   #9
Loris
Guru del forum
 
Registrato dal: Nov 2008
ubicazione: Verona
Messaggi: 1,559
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 59
Grazie (Ricevuti): 67
Mi piace (Dati): 176
Mi piace (Ricevuti): 404
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 422 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Luca1990 Visualizza il messaggio
Non conosco la situazione degli atc di Verona.. credo ci sia un territorio antropizzato e con colture di pregio.. il fatto di avere molte zone chiuse a macchia di leopardo non lo vedo necessariamente come un male.. penso al fatto che gli animali (lepri e fagiani) hanno più possibilità di salvarsi in queste zone dove la caccia è chiusa. Certo che se ci sono molte zone chiuse e poche cacciabili di conseguenza si dovrebbe ricalcolare i parametri di densità venatoria
Concordo con quanto affermi riguardo al ricalcolo, solo che in questo modo i due terzi dei cacciatori residenti dovrebbero essere espulsi...persone per lo più di una certa età che difficilmente acceterebbero di spostarsi in altri ambiti... da noi hanno sbagliato riguardo l'istituzione degli ATC: troppi e mal ripartiti...non c'è territrio cacciabile in ATC 1 se non per pochissime persone; ora anche l'alta velocita con ulteriore diminuzione del territorio cacciabile. Ti assicura che quando va bene riesci a cacciare col cane per non più di un'ora, poi devi spostarti in un'altra porzione di terreno e questo a vendemmia avvenuta prima meglio stare a casa.
Loris non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 03-02-22, 09:24 AM   #10
pointer56
Guru del forum
 
Registrato dal: Sep 2013
ubicazione: Pordenone
Messaggi: 4,925
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 126
Grazie (Ricevuti): 341
Mi piace (Dati): 408
Mi piace (Ricevuti): 1770
Menzionato: 7 Post(s)
Quotato: 2461 Post(s)
predefinito

Effettivamente da noi in Friuli la situazione è un po' diversa: soia e vigne sono precluse per regolamento, ma il mais no (e che danno fa al mais un cane che vi corra dentro?). Grandi siepi e boschetti ben diffusi, in genere, però le vigne in alcuni comuni sono in aumento (prosecco, prosecco!) e qualche lamentela di cacciatori l'ho sentita, è vero.
pointer56 non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Tag
faunistico, nuovo, piano, veneto

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è attivo

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 02:40 AM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd. Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.6.3 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2022 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2022 DragonByte Technologies Ltd.