Il forum sulla caccia e sulla cinofilia

Vai indietro   Il forum sulla caccia e sulla cinofilia > I Forum sulla caccia > Caccia di selezione

Avvisi

Grazie Grazie:  0
Mi piace Mi piace:  25
Rispondi
 
Strumenti della discussione Modalità di visualizzazione
Vecchio 27-07-22, 11:40 PM   #1
fulviogp
Utente abituale
 
L'avatar di fulviogp
 
Registrato dal: Dec 2015
ubicazione: Torino
Messaggi: 570
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 45
Grazie (Ricevuti): 128
Mi piace (Dati): 183
Mi piace (Ricevuti): 447
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 412 Post(s)
predefinito Mondo venatorio e cinghiali

Oramai, se non si hanno le fette di salame davanti agli occhi, tutti sanno che il numero dei cinghiali è fuori controllo.
Ora, salvo casi sporadici, gli unici a poterci mettere una pezza sono i cacciatori, a detta loro.
La mia domanda è: "Vuole veramente farlo il mondo venatorio? E' in grado di farlo?"
Numeri alla mano degli ultimi anni la risposta è una sola alle domande: NO!
Ora sento dire che occorrerebbe avere a disposizione più giornate, maggiore orario, mezzi tecnologici utilizzabili, ecc...
Qualcuno asserisce che potrebbero essere una risorsa, facendo pagare l'abbattimento ad alcuni facoltosi ma una domanda mi sorge spontanea: "Ma, i paganti abbattono tutto, infischiandosene dell'etica? Non lo fanno quando possono farlo a gratis e lo faranno quando pagano? Mha... ".
Quesito?
Se ho quest'anno 3 verri - 40 rossi - 10 scrofe (che sono di nuovo gravide e daranno vita, al netto, ad altri 40 piccoli, futuri rossi), per ridurre il numero, chi devo abbattere, considerando che assolutamente non si riuscirà mai ad abbattere tutti i rossi e considerando che il 50% dei sopravissuti sono generalmente femmine che a loro volta il prossimo anno partoriranno anche loro?
Oramai la veste di salvatori della Patria è caduta, il cacciatore è nudo (parrebbe, e gli animalisti ci vanno a nozze 2 volte: crudeltà della caccia + inefficienza)!
Oltre ai danni economici e agli incidenti provocati, tutti questi altruisti/etici della fauna selvatica (solo sul cinghiale eh, per le volpi ad esempio questo buonismo sparisce...) a causa della loro negligenza, sanno a quanto ammonta il danno alla fauna selvatica minore per l'esubero di cinghiali?
A questa domanda si possono solo dare 2 risposte:
1) No, non lo so, sono un ignorante e non ne ho idea, mi scuso per questo
2) Me ne fotto di chi pratica altre cacce e della tutela della fauna selvatica al di fuori del cinghiale
Ho buttato giù poche righe alla veloce, sperando comprensibili, per sentire/capire il pensiero di molti e dibatterne amichevolmente ().


---------- Messaggio inserito alle 11:40 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 11:37 PM ----------

Giusto per, allego foto di alcuni prati dove devo intervenire su danni da cinghiale.
Le foto sono di maggio 2021 quando e quasi ora di effettuare il 1° taglio...









fulviogp non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 09:25 AM   #2
tommaso87
Utente abituale
 
L'avatar di tommaso87
 
Registrato dal: Mar 2008
ubicazione: Grosseto, Toscana.
Messaggi: 828
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 14
Mi piace (Dati): 0
Mi piace (Ricevuti): 38
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 70 Post(s)
predefinito

Per me i cacciatori fanno già abbastanza, siamo manodopera che paga per fare un lavoro utile che nessun altro farebbe. Dunque penso che i cacciatori debbano limitare gli abbattimenti a quanto consumano e non aiutare gli animalisti e politici che poi ci insultano e ci augurano la morte
__________________
viva la caccia e chi la fa, TOMMASO
tommaso87 non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace Gambettone Piace questo post
Vecchio 28-07-22, 09:45 AM   #3
Luca1990
Utente abituale
 
L'avatar di Luca1990
 
Registrato dal: Mar 2020
ubicazione: Provincia di Venezia
Messaggi: 599
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 11
Grazie (Ricevuti): 45
Mi piace (Dati): 197
Mi piace (Ricevuti): 324
Menzionato: 2 Post(s)
Quotato: 417 Post(s)
predefinito

Io comincerei col porci qualche domanda
Il cacciatore siccome paga per andare a caccia non deve avere responsabilità sui danni prodotti da cinghiale (che è patrimonio indisponibile dello stato) oppure deve essere coinvolto nella gestione? Deve avere come obiettivo il contenimento della popolazione o semplicemente cacciare per svago?

Da come rispondiamo a queste domande per me poi si aprono due strade..
Luca1990 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 11:31 AM   #4
max63
Utente abituale
 
L'avatar di max63
 
Registrato dal: Jan 2010
ubicazione: alessandria
Messaggi: 818
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 4
Grazie (Ricevuti): 57
Mi piace (Dati): 132
Mi piace (Ricevuti): 206
Menzionato: 1 Post(s)
Quotato: 289 Post(s)
predefinito

se si cacciasse il cinghiale in braccata 30 giorni anzichè 90, magari diminuirebbero....
max63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 12:02 PM   #5
hunter65
Utente regolare
 
L'avatar di hunter65
 
Registrato dal: Dec 2009
ubicazione: GENOVA
Messaggi: 189
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 32
Grazie (Ricevuti): 21
Mi piace (Dati): 66
Mi piace (Ricevuti): 68
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 66 Post(s)
predefinito

Secondo me parti da premesse sbagliate, nudo non è il cacciatore bensì chi ha creato parchi, oasi, zone di rifugio, alta via, basse vie, divieti a più non posso e non è stato in grado di gestire le aree ove la caccia è vietata.
E comunque cinghiali in giro per i paesi non ne vedi perché nonostante il divieto di caccia per covid e il successivo divieto per la peste suina, le squadre gli abbattimenti che potevano oggettivamente fare li hanno fatti. Teniamo presente che nel 2020 le uscite sono state pochissime perché le limitazioni covid hanno di fatto bloccato la caccia al cinghiale, ricordate che non si poteva uscire dal comune ecc.?
La comparsa della peste suina è stata la ciliegina sulla torta, in altri paesi europei sono partiti immediatamente con gli abbattimenti, qui cosa è stato fatto? Nulla, lockdown dei boschi per mesi, progressivamente ridotto e ad oggi l'unica cosa vietata rimane la caccia al cinghiale quindi di cosa stiamo parlando?
Io vivo a Genova, città invasa dai cinghiali e vedo regolarmente persone gettare cibo in barba a tutti i divieti, chi dovrebbe vigilare si gira dall'altra parte, sarei curioso di sapere quante persone sono state sanzionate.
Ora si sta costruendo la grande muraglia, opera costosa e del tutto inutile, i cinghiali continuano imperterriti a fare i propri comodi in città, e la colpa sarebbe dei cacciatori? Se una specie si estingue la colpa è dei cacciatori, se si moltiplica a dismisura è sempre colpa dei cacciatori? Siamo seri almeno qui su....
hunter65 non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace max63, maxpointerx73, lollo Piace questo post
Vecchio 28-07-22, 12:32 PM   #6
paolohunter
Moderatore caccia selezione
 
L'avatar di paolohunter
 
Registrato dal: Apr 2011
ubicazione: Romagna
Messaggi: 8,669
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 1
Grazie (Ricevuti): 406
Mi piace (Dati): 43
Mi piace (Ricevuti): 1813
Menzionato: 14 Post(s)
Quotato: 2291 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da fulviogp Visualizza il messaggio
Oramai, se non si hanno le fette di salame davanti agli occhi, tutti sanno che il numero dei cinghiali è fuori controllo.
Ora, salvo casi sporadici, gli unici a poterci mettere una pezza sono i cacciatori, a detta loro.
La mia domanda è: "Vuole veramente farlo il mondo venatorio? E' in grado di farlo?"
Numeri alla mano degli ultimi anni la risposta è una sola alle domande: NO!
Ora sento dire che occorrerebbe avere a disposizione più giornate, maggiore orario, mezzi tecnologici utilizzabili, ecc...
Qualcuno asserisce che potrebbero essere una risorsa, facendo pagare l'abbattimento ad alcuni facoltosi ma una domanda mi sorge spontanea: "Ma, i paganti abbattono tutto, infischiandosene dell'etica? Non lo fanno quando possono farlo a gratis e lo faranno quando pagano? Mha... ".
Quesito?
Se ho quest'anno 3 verri - 40 rossi - 10 scrofe (che sono di nuovo gravide e daranno vita, al netto, ad altri 40 piccoli, futuri rossi), per ridurre il numero, chi devo abbattere, considerando che assolutamente non si riuscirà mai ad abbattere tutti i rossi e considerando che il 50% dei sopravissuti sono generalmente femmine che a loro volta il prossimo anno partoriranno anche loro?
Oramai la veste di salvatori della Patria è caduta, il cacciatore è nudo (parrebbe, e gli animalisti ci vanno a nozze 2 volte: crudeltà della caccia + inefficienza)!
Oltre ai danni economici e agli incidenti provocati, tutti questi altruisti/etici della fauna selvatica (solo sul cinghiale eh, per le volpi ad esempio questo buonismo sparisce...) a causa della loro negligenza, sanno a quanto ammonta il danno alla fauna selvatica minore per l'esubero di cinghiali?
A questa domanda si possono solo dare 2 risposte:
1) No, non lo so, sono un ignorante e non ne ho idea, mi scuso per questo
2) Me ne fotto di chi pratica altre cacce e della tutela della fauna selvatica al di fuori del cinghiale
Ho buttato giù poche righe alla veloce, sperando comprensibili, per sentire/capire il pensiero di molti e dibatterne amichevolmente ().
[COLOR="Silver"]
Io rispondo la 3

Secondo me, la domanda e le opzioni sono poste male.

Innanzitutto la situazione non è assolutamente tragica ovunque. Si dovrebbe intervenire (discorso PSA a parte ovviamente) di più dove serve.

Inizio subito con uno dei miei micidiali esempi.... "come funziona a casa mia".

Dal mio punto di vista ...... funziona male.
non caccio il cinghiale nel mio atc da 2/3 anni (e neppure in quelli vicini, magari più ricchi di selvaggina). L'atc, in perdita cronica di iscrizioni, è ancorato sullo schema "racimoliamo soldi dove possibile per pagare danni, stipendi e fagiani". Il dove è possibile sono principalmente i selettori ed in parte minore gli iscritti alle squadre. Gli altri pagano la stessa quota da anni che, chiaramente, è inferiore a quanto necessario.
Io dovrei pagare all'incirca 400 euro e fare alcuni servizi (modesti) per aver diritto ad utilizzare qualche fascetta "cinghiale" (negli ultimi anni sono 5 e ne puoi avere altre pagando una cifra molto modesta, tipo 30 euro per altre 5).
E' evidente che, se una cosa ti serve (cioè ridurre il numero di cinghiali), devi in qualche modo invogliare e non scoraggiare chi ti può aiutare.

proprio ieri, per curiosità, sono andato a vedere la tabella degli abbattimenti e, la situazione, è a mio avviso disastrosa. Tendo a pensare che siano reali. Un tempo ti davano una sola fascetta all'anno e ci può stare che qualcuno "dimenticasse" di usarla tutte le volte (cioè una ). Ora che ne hai 5 e ne puoi avere altre 50 sarei abbastanza sorpreso se non succede che uno, per farsi bello e rendere invidioso qualche collega, non cerca il sistema di chiuderne 2 pur senza aver sparato un colpo . La media è, ampiamente, INFERIORE ad 1 cinghiale per selettore dal 15 aprile ad oggi, ovvero la stagione più proficua.
I casi sono tre.............
1 i cinghiali non ci sono, tanto vale andare a caccia di elefanti,
2 i selettori sono un mix di masochisti ed incapaci o indolenti, dopo aver pagato non vanno mai a caccia e, se ci vanno, li vanno a cercare in spiaggia al mare come in qualche filmato
3 le attuali limitazioni di orario, le regole asfissianti ed un controllo fin troppo puntuale e punitivo (specialmente per cose indispensabili come la corretta compilazione dei moduli) fanno si che si mandino i cacciatori ONESTI a prendere prima il caldo e poi il fresco della sera e li si mandino a casa prima che escano i cinghiali.

Su diverse centinaia di cacciatori ho visto 4 o 5 che hanno chiesto il secondo pacchetto di fascette, la stragrande maggioranza dei cacciatori è a ZERO abbattimenti.... e ne conosco veramente tanti che sarebbero capaci di tirar fuori cinghiali anche da un campo di insalata

Qualcosa non funziona ............. i dati statistici sono chiari

Ragioniamo poi dell'eccezione........... il fortunello (oppure bravo oppure un poco "aiutato" dall'applicazione di una percentuale inferiore a 100 delle regole) che ne ha presi 5 (di cui magari 3 maschi adulti) in 3 mesi. Per quale motivo dovrebbe andare ancora a caccia ? Cosa ne dovrebbe fare della carne ? Buttarla via ? Regalarla ? Venderla in genere fuori delle regole ?

Dal mio punto di vista, se esiste un problema cinghiali:
- dovresti smettere di taglieggiare chi ti può risolvere il problema (oggi, se guardo i dati, ci sono 300 persone che hanno pagato 400 euro e, in almeno i 2/3 dei casi, non hanno preso nulla. Ma anche chi ne ha preso uno...... 400 euro per un cinghiale non è esattamente economico);
- dovresti creare regole "equilibrate" che impediscano stragi ma che permettano qualche tiro in più (ad esempio un allargamento degli orari e l'utilizzo di attrezzature idonee al buio)
- come "sistema" dovresti trovare il modo di regolarizzare un minimo di gestione degli abbattimenti in esubero rispetto alle esigenze della famiglia. Prevedere un compenso che, almeno a chi si è impegnato di più, permetta di non dover incidere con la sua passione sul bilancio familiare.

Troppo comodo prendere denaro, infarcire di regole che fanno solo perdere tempo (evidentemente, i pochi abbattimenti sono li a dimostrarlo) e non aiutare poi ad utilizzare legalmente la carne in esubero.

Io ho smesso di andare (eppure è una delle cacce che preferisco), faccio solo qualche uscita in controllo, su richiesta, dove fanno danni su coltivi.

L'età media è quella che è, i soldi per moltissimi (in particolare i giovani e alcune fasce di pensionati) sono quelli che sono...... è ora di smettere di mungere la mucca e anzi dargli un po di fieno ed acqua

---------- Messaggio inserito alle 12:32 PM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 12:20 PM ----------

Ovviamente, i disonesti, se ne fregano di pagamenti, fascette, orari ed attrezzature........... ad oggi sono quelli che più facilmente fanno gli interessi della comunità essendo anche fornitori quasi in esclusiva dei ristoranti.

Se mi posso allargare....... come dare soldi ad un giovane (RDC) purché non lavori, pagare un agricoltore perché non semini il suo campo................. ma che strano mondo
paolohunter non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 12:43 PM   #7
luca96
Ho rotto il silenzio
 
L'avatar di luca96
 
Registrato dal: Jun 2017
ubicazione: Ge
Messaggi: 38
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 8
Grazie (Ricevuti): 5
Mi piace (Dati): 51
Mi piace (Ricevuti): 12
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 18 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Luca1990 Visualizza il messaggio
Io comincerei col porci qualche domanda
Il cacciatore siccome paga per andare a caccia non deve avere responsabilità sui danni prodotti da cinghiale (che è patrimonio indisponibile dello stato) oppure deve essere coinvolto nella gestione? Deve avere come obiettivo il contenimento della popolazione o semplicemente cacciare per svago?

Da come rispondiamo a queste domande per me poi si aprono due strade..
Io in materia ungulati e caccia agli stessi sono ignorante ma un opinione generale per quando infondata posso darla...
Per conto mio se si danno tetti di abbattimento, restrizioni di stagione o in generale restrizioni di qualunque tipo
Non si può incolpare chi seguendo queste normative non riesce a contenere l'espansione del cinghiale e men che meno i danni
Il fatto di essere coinvolti o meno nella gestione secondo me va in base a come viene scritta la legge/accordo se vengono dati degli obblighi numero minimo di uscite numero minimo di capi va dato un compenso perché non è più a volontà del cacciatore se andare o meno

Inviato dal mio SM-A225F utilizzando Tapatalk
luca96 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 01:14 PM   #8
SPRINGER TOSCANO
Guru del forum
 
L'avatar di SPRINGER TOSCANO
 
Registrato dal: Sep 2013
ubicazione: VOLTERRA
Messaggi: 4,405
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 132
Grazie (Ricevuti): 278
Mi piace (Dati): 730
Mi piace (Ricevuti): 1510
Menzionato: 4 Post(s)
Quotato: 2709 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da tommaso87 Visualizza il messaggio
Per me i cacciatori fanno già abbastanza, siamo manodopera che paga per fare un lavoro utile che nessun altro farebbe. Dunque penso che i cacciatori debbano limitare gli abbattimenti a quanto consumano e non aiutare gli animalisti e politici che poi ci insultano e ci augurano la morte
Nessun altro vorrebbe fare??

Ma sai che è già qualche anno che la nostra regione stà pensando a personale PAGATO per abbattere cinghiali.


Vogliamo davvero arrivare a questo?
__________________
The Rebel!
SPRINGER TOSCANO non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 01:16 PM   #9
Argentina hunting
Utente regolare
 
Registrato dal: Jul 2022
ubicazione: Umbria
Messaggi: 73
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 0
Grazie (Ricevuti): 5
Mi piace (Dati): 1
Mi piace (Ricevuti): 23
Menzionato: 0 Post(s)
Quotato: 31 Post(s)
predefinito

Nelle mie zone, da 10 anni a questa parte, il lupo ha fortemente ridotto il numero dei cinghiali. Un altro grande aiuto lo hanno dato le squadre di caccia al cinghiale e i maledetti bracconieri che in una sola notte con le jeep hanno fatto danni quanto la grandine. La questione selettori è complessa: se lo scopo della gestione è la riduzione dei capi si deve sparare alle scrofe se invece lo scopo è equilibrare le classi di età si deve ricevere un chiaro piano di abbattimento ed attenervisi. Non conosco selettori di cinghiali che superino un giorno di terminare il loro divertimento, l'abbattimento delle scrofe è per loro sempre una sofferenza.
__________________
Se dici la verità non dovrai mai inventarti nulla
Argentina hunting non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-22, 01:52 PM   #10
paolohunter
Moderatore caccia selezione
 
L'avatar di paolohunter
 
Registrato dal: Apr 2011
ubicazione: Romagna
Messaggi: 8,669
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati): 1
Grazie (Ricevuti): 406
Mi piace (Dati): 43
Mi piace (Ricevuti): 1813
Menzionato: 14 Post(s)
Quotato: 2291 Post(s)
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da SPRINGER TOSCANO Visualizza il messaggio
..........................

Vogliamo davvero arrivare a questo?
E' assolutamente quello che succederà.

In alcune zone forse prima, in altre dopo, ma si arriverà per forza a quello e neppure fra troppi anni.

Tu che sei un dirigente di atc, fatti dare i dati degli iscritti. In Toscana forse siete messi meglio che altrove essendo comunque ancora radicata (la caccia) nelle famiglie.

Anni fa mi diedero in mano un bilancio di atc. Una delle voci era "iscritti con riduzione" ed erano i 4/5 del totale. Quando ho chiesto che caratteristiche avevano per avere la riduzione (avevo pensato fosse una riduzione in cambio di lavoro... tutti gran lavoratori) mi hanno detto che erano over 65 o over 70 (ora non ricordo).

Sono passati 7/8 anni, non ho dati del ricambio generazionale ma quei 65/70enni, sono in buona parte ottuagenari ora. Sperando siano tutti in salute e ancora vogliosi di cacciare......... dove vai con l'80% degli iscritti che ha 75 anni ?
paolohunter non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace Daniele von Cuneo, bagareo, lollo Piace questo post
Rispondi

Tag
cinghiali, mondo, venatorio

Strumenti della discussione
Modalità di visualizzazione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato

Salto del forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 05:19 AM.



...
Powered by vBulletin versione 3.8.11
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd. Compatibile TAPATALK per il tuo Mobile
Feedback Buttons provided by Advanced Post Thanks / Like v3.6.3 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2022 DragonByte Technologies Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging v3.2.7 (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2022 DragonByte Technologies Ltd.