Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 12-05-22, 11:22 AM  
paolohunter
Moderatore caccia selezione
 
L'avatar di paolohunter
 
Registrato dal: Apr 2011
ubicazione: Romagna
Messaggi: 8,602
Mi piace / Grazie
Grazie (Dati):
Grazie (Ricevuti):
Mi piace (Dati):
Mi piace (Ricevuti):
Menzionato: 14 Post(s)
Quotato: 2247 Post(s)
predefinito

Indichi probabili tiri lunghi e vorresti un'arma corta. A me ricorda moltissimo "botte piena e moglie ubriaca".

Il trasporto di una canna da 57/60 cm di un'arma smontabile non dovrebbe essere un problema insormontabile. Far sparar bene e con ottima energia residua a lunga distanza
un'arma abbastanza corta rischia di essere decisamente più complicato.

Non ho visto riferimenti eventuali alla ricarica delle munizioni. E' certamente possibile utilizzare munizioni commerciali che, a parte caricamenti speciali (abbastanza recentemente ne ha fatto una linea nuova rws), in genere vengono ottimizzati per canne di lunghezza standard.

Intendiamoci, non è che, una canna più corta, si rifiuta di sparare munizioni standard. E' solo che, se mi hanno fatto impazzire 10 armi nella vita per farle sparare bene, 6 o 7 avevano la caratteristica di avere la canna abbastanza corta ed essere camerate in un calibro abbastanza esuberante.

Quindi....... se tiri lunghi devono essere, partirei da un'arma di qualità, con scatto, canna, attacchi ed ottica di livello medio alto (personalmente non saprei che farmene di una carabina per tiri lunghi che tira con rosate indecenti già a distanze medie) ed ovviamente di lunghezza idonea al calibro.

Ti faccio un esempio personale. Sto usando abbastanza una Blaser R8 in cal 8x57js (calibro molto "adatto" ad essere gestito da canne corte) con canna da 52. Ottica ho uno Smith & Bender (accontentiamoci ). Dopo alcune prove ho assemblato una cartuccia decisamente pepata che si è rivelata anche molto precisa. Vista la carica generosa ho un poco ridotto l'effetto "montagne russe" che, una munizione già non velocissima su un'arma corta, inevitabilmente si porta dietro come traiettoria............ e quando ho avuto in mira un palancone a 202/205 metri sono stato molto indeciso se sparare. Secondo i miei intendimenti doveva rimanere una combinazione da 80/150 metri circa.

Se quel palancone era a 250/300 metri e non c'era possibilità di avvicinamento, lo salutavo direttamente e andavo via.


Sopra accennavo al "calibro adatto per canne corte". Non esiste il calibro perfetto per canne corte ma ci sono calibri che ne risentono meno di altri.

Per chi ricarica è abbastanza semplice riconoscerli. Se ti basi (ad esempio ma si possono usare anche gli altri) sul manuale vihitavuori. Se un calibro/palla sono perfettamente a loro agio con polveri di media progressività (ad esempio N140), il passaggio ad una canna corta non dovrebbe essere traumatico.

Se il calibro scelto predilige polveri "lente" (ad esempio N160), il passaggio ad una canna corta sarà molto più traumatico.

Che vuol dire "traumatico" ? che ci sarà una perdita velocitaria (un piccolo problema a distanze "medie", un ulteriore problema a distanze "lunghe") ma, soprattutto, queste polveri bruceranno per una buona quantità fuori della canna. Più vampa e rumore............. e l'aggiunta di un elemento di disturbo potenzialmente importante alla tua rosata.


Tu vuoi prendere una carabina "basic" (hai provato lo scatto di un bergara, ad esempio ?) molto corta, in un calibro potenzialmente "poco compatibile" con canne corte (di tutte le versioni, vedo solamente il 308w con passo "normale"), magari accompagnarlo con accessori (ottica e anelli) della stessa fascia economica............. e ottenere un prodotto idoneo al tiro a lunga distanza. L'ottimismo non ti manca di sicuro

---------- Messaggio inserito alle 11:22 AM ---------- il messaggio prcedente inserito alle 11:12 AM ----------

Se proprio tiro lungo deve essere, lasciando fuori i magnum (che sono li apposta quando si parla di tiri lunghi), io starei su un 6,5 o 7mm pepato (assolutamente non i miei amati 6,5x55, 6,5x57r, 7x57 e similari), canna lunghezza standard di comprovata precisione, nel dubbio con un profilo leggermente esuberante in materiale. Arma, anelli e ottica di marche primarie. Munizione di fascia medio-alta........................ ed a volte, tutte queste cose, non bastano.

La mia ricetta per i tiri fuori standard prevede il 300wm (io non soffro il rinculo) non frenato in versione Blaser R8, attacchi originali, ottica leica magnus 2,4-16x56 (non sono per le ottiche con mille ingrandimenti o soluzioni copiate da armi tattiche), munizione ricaricata utilizzando una palla monolitica molto precisa. Non amo i tiri lunghi ma, se ho dietro lei ed è "indispensabile", lei risponde sempre positivamente
paolohunter non è in linea   Rispondi quotando
Mi piace Mattone, TYPHOON Piace questo post